Annunci

°° “I cacciatori toscani sono inutili e dannosi, li abbatteremo tutti” – animali del bosco pronti alla controffensiva °°

Negli ultimi anni la situazione nelle campagne toscane non è delle più rosee.
Gli abitanti degli ambienti silvestri si sono visti minacciare molteplici volte da una specie animale ben precisa, quella umana, nota per il non avere alcuna pietà nemmeno per la vita dei più piccoli. Tra le tane e i rami degli alberi è giunta voce che, dopo il massacro degli ungulati voluto ed incrementato dal presidente Enrico Rossi, le nuove vittime a finire nel mirino dei cacciatori saranno le volpi. Il panico tra gli animali condannati a morte si è diffuso fra tutti gli ospiti della natura che hanno pensato bene di radunarsi per affrontare il problema.

Nel tardo pomeriggio di oggi si è tenuto quindi un incontro fra gli esponenti più anziani delle specie che da sempre cercano di sopravvivere in libertà nelle poche zone libere dagli umani rimaste nella regione Toscana.
Volpi, cervi, cerbiatti, istrici, ricci, civette, cinghiali e tutti gli altri riuniti con un unico scopo: trovare una soluzione comune per fermare l’offensiva degli uomini.

<<Quando camminano non fanno attenzione a dove mettono i piedi>> ha esternato la portavoce delle lumache. <<Hanno già schiacciato per sempre tanti nostri fratelli e sorelle che non potremo più riavere indietro. In più in alcune stagioni dell’anno si vocifera che alcuni di noi vengano prelevati da vivi e portati via dentro dei cestini. Nessuno dei rapiti ha mai fatto ritorno>>.

<<Veniamo calpestati anche noi!>> hanno gridato poi in coro i portavoce di svariati insetti che camminano sul terreno.
<<Non è giusto morire sotto al piede di qualcuno!>> ha aggiunto la formica regina.

<<Capisco bene il vostro disagio>> ha iniziato a dire il capo dei cinghiali
<<almeno i vostri cari sono morti in incidenti di percorso, pensate invece ai nostri piccoli, alle nostre compagne, ai nostri fratelli. Veniamo inseguiti, sparati, fatti attaccare da animali che si vendono per affetto come i cani!>>.
Alla parola “cani” si è subito sollevato un gran vocio carico di disprezzo.
<<Non hanno capito che gli umani non sono tutti buoni!>> ha urlato la leader coccinella seduta su un petalo di fiore.

<<Lasciando perdere i cani che capiranno a loro spese cosa può comportare la sottomissione all’uomo, sappiamo bene che quei sadici hanno previsto l’uccisione di oltre 150 mila di voi nel giro di 3 anni>> ha detto la leader delle volpi guardando negli occhi gli esponenti della grande famiglia dei cinghiali e dei caprioli.
<<Sappiamo che vengono privati della loro vita per essere divorati da chi non è in grado nemmeno di rincorrerci. Maledetti cacciatori! Maledetto Enrico Rossi! Vengono qua, sporcano con i loro bastoni di fuoco sanguinari gli ambienti dove viviamo e per giunta dicono di noi volpi che siamo dannose!>> ha gridato più forte che poteva.

<<Nessuno di noi è dannoso>> ha aggiunto il capo dei lupi.
<<Conduciamo la nostra vita rispettando Madre Natura. Nasciamo da essa e torniamo nel suo grembo senza lasciare nessuna traccia della nostra esistenza, se non le impronte sul terreno bagnato… a differenza di quegli umani bestiali>> ha continuato.
<<Trovano sempre il pretesto per venire qua a metterci paura, ad ucciderci senza motivo perché dicono che gli portiamo via le pecore. Noi attacchiamo per fame! Nessun animale è nemico degli altri animali. Lo sappiamo bene tutti che esiste una regola ben precisa per contenerci di numero ma loro non la seguono! Si sentono diversi da noi, si sentono migliori quando non lo sono!
Ci hanno tolto tutto! Le nostre tane vengono distrutte! I territori dove possiamo stare sono sempre più piccoli. Non c’è più spazio a sufficienza>> ha poi concluso ringhiando.

<<Adesso è il momento di agire. Non possiamo più stare fermi ad aspettare che vengano ad ammazzarci.>> ha inveito nuovamente la volpe.
<<Adesso basta stare in silenzio, remissivi, mentre i loro bastoni di fuoco ci perforano il corpo. Avevamo fatto un patto con l’umanità ma da oggi è infranto. Noi animali e quegli animali che non si credono più tali siamo in guerra.
Ci attaccano? Difenderemo le nostre famiglie! Ci uccideranno? I sopravvissuti rivendicheranno chi di noi avrà perso la vita. Vogliono massacrarci senza motivo? Li abbatteremo tutti liberando una volta per tutte la specie umana dal morbo che ha generato>>

Sciolta la riunione d’emergenza gli animali sono corsi ad informare i membri della loro specie. Da stasera saranno preparati alla controffensiva.


 

14937856_1687243521591506_1614956129_n

Foto: Graziano Wild Veg

Cosa pensano gli animali di noi?
Come reputano la nostra specie quando l’uomo da millenni schiavizza, distrugge e toglie la vita senza motivo?
Sfortunatamente chi fa parte della fetta di umanità sbagliata, quella che pensa di poter disporre della vita di qualsiasi individuo sul pianeta, non potrà mai saperlo dai diretti interessati, dalle vittime, dagli oppressi.
Non siamo in grado di parlare con gli altri animali, purtroppo.
D’altro canto però, questa parte marcia della società  mossa solo dal desiderio di soldi e spinta dal sonno della ragione può tranquillamente farsi dire due cose dall’altra metà che vive senza sentirsi superiore agli altri.

Il genere umano deve SMETTERE di spadroneggiare sulle altre specie.
Le violenze devono ASSOLUTAMENTE AVER FINE.
Nessuno ha il diritto di decidere quando una vita debba cessare di esistere, NESSUNO!
Animali e umani hanno la stessa identica importanza in questo mondo in cui siamo ospiti. Nessuna specie è inferiore, nessuna è superiore.
Che muoia al più presto la stereotipata concezione che l’uomo abbia il diritto di decimare gli animali. Non siamo i loro padroni, la loro vita non ci appartiene.
Che afferrino bene il concetto gli umani esaltati che danno il via alle mattanze.
Che lo capisca una volta per tutte Enrico Rossi e chi, insieme a lui, pensa di poter giocare con l’esistenza di creature meravigliose.

Gli animali non possono dirvi quanto siete arroganti, violenti e immeritevoli di ogni cosa positiva al mondo, ma noi si, e ve lo ricorderemo fino alla fine dei nostri giorni. Se mai ci sarà una ribellione da parte loro, noi umani consapevoli dei crimini che state continuando a portare avanti sappiamo già da che parte staremo.

Annunci

Informazioni su Carmen Luciano

Hai trovato i miei articoli interessanti? Ricevili direttamente via email sottoscrivendo al mio blog Think Green Live Vegan Love Animals ! ^-^

Pubblicato il 7 novembre 2016, in ° Critiche ° con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. Sì, Carmen, glielo ricorderemo! E personalmente non prenderei un tozzo di pane rinsecchito da un cacciatore nemmeno se stessi morendo di fame. Quella mano me la figuro sporca di sangue innocente, anche lavata con la candeggina. In cinque parole, i cacciatori mi fanno schifo.

  2. Ecco,appunto…umani bestiali e sono gli unici sulla terra….gli altri sono solo Animali….

Lascia un commento :)

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: