Archivi giornalieri: 17 luglio 2020

°°Picchiato un Attivista: “Se ce lo ammazzano chi perculiamo?”°°

La difesa degli animali e la lotta per il riconoscimento dei loro diritti crea ogni giorno un divario fra chi vive senza ucciderli (o farli uccidere da terzi) e chi invece basa la propria esistenza sul far soccombere il prossimo.

Divario che purtroppo, dalle sole idee contrastanti, porta anche a vera violenza fisica.

Qualche giorno fa un attivista animalista dal modus operandi molto discusso è stato aggredito fisicamente da un uomo mentre era davanti alle poste di Biella. In rete è poi finito il video dell’aggressione in cui si vede il bruto sferrare calci e prendere per i capelli l’animalista.

Un video increscioso che mostra quanto alcune persone, infastidite dall’idea che ne esistano altre intente a difendere gli animali, possano diventare pericolose.

Nonostante la violenza sia da condannare a priori, un caso come questo ha comunque destato ilarità.
Riporto qui gli screen di alcuni commenti che ho trovato in rete, dentro pagine spazzatura aperte e portate avanti da gente che spreca ossigeno sul pianeta Terra, dai quali traspare crudeltà, cattiveria e inammissibile bullismo.


Se non bastavano gli squallidi commenti lasciati da questa gente, arriva poi quello peggiore di tutti di Deborah Castello:
<<Se ce lo ammazzano
chi posso “perculare” (prendere per il culo, n.d.r) io?>> così scritto per ironizzare sulla “erre moscia” dell’attivista.


Mi domando come si possa arrivare a scrivere delle cattiverie simili.
Ma poi mi rispondo che chi ride della morte degli animali, davvero non si farebbe scrupoli per qualcuno della sua specie di appartenenza.


Vergogna.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: