Annunci

°°[Aggiornamento] Lotteria di Beneficenza con in Palio un Maiale – Amalfi°°

Cari e care followers, in data 12 Agosto 2018 alle ore 16.47 sono stata contattata via email da Susy P., responsabile Ufficio Stampa del Comune di Amalfi.

L’email è giunta in risposta alla nostra azione di richiedere all’Unità Pastorale di Lone – Pastena – Pogerola di non mettere in palio come primo premio della “Pesca di Solidarietà” del 13 Agosto 2018 il previsto maiale da 100 kg.

A loro avviso il mio articolo conterrebbe informazioni errate: l’animale non sarebbe un premio “vivo” ma consisterebbe in 100 kg di alimenti di origine suina che, rassicurano, qualora non venisse ritirato andrebbe alla Caritas.

Nella stessa mail si richiedeva inoltre di ritirare l’azione di MailBombing.

Tengo dunque a precisare che nel mio articolo non è mai stato detto con certezza se il maiale fosse vivo oppure no. Anche perché sul notiziario di Amalfi non era specificato fino ad un giorno fa, ovvero prima che l’articolo da dove ho appreso la notizia venisse MODIFICATO.

Peccato per i furbetti che esistano siti dove vengono archiaviate le pubblicazioni.

Ecco l’articolo originale, consultabile anche cliccando  qui.

Screenshot_20180812-222306_Messenger.jpg

Screenshot_20180812-222318_MessengerScreenshot_20180812-222325_MessengerScreenshot_20180812-222335_Messenger

Sulla base di quanto avevo letto avevo provveduto ad informare che la natura del premio non era chiara. Ne allego lo screen di conferma comprensibile a chiunque sappia leggere in lingua italiana.

Ed ecco oggi, domenica 12 Agosto, cosa compare come “ritocchino” all’articolo originale.

Screenshot_20180812-222512_WordPress.jpg

 

Che pessima figura!

Squallidi tentativi a parte, non nego che questa mail ricevuta sia ben lontana dalle aspettative sperate: a quanto pare non è stato ben compreso il messaggio.

Ma lo ripeto molto volentieri.

Morto o vivo che sia, è vergognoso che come primo premio venga messo in palio un animale, fra altri premi di natura inimata come bici, specchiera, prodotti per la detergenza della casa e oggetto in ceramica.

Vergognoso ancor di più se si pensa che questa lotteria si prefigge un fine benefico, solidale ed è idea di una comunità cristiana che (di regola) dovrebbe seguire 10 Comandamenti dove al quinto posto compare il dimenticato e/o male interpretato “NON UCCIDERE”.

Poteva essere una lotteria con un bel primo premio (magari un pc, una tv, un viaggio) e invece rimarrà una pesca di “beneficenza” dove il bene per le altre specie non esiste.

Con la speranza che entro domani venga presa una decisione più etica e del tutto possibilissima (se Dio ha creato l’universo in 7 giorni, in uno solo l’umanita può variare un premio), vi invito a continuare ad interessarvi degli animali come già state facendo, vivi o già ammazzati che siano.

Prima o poi l’empatia giungerà anche a coloro che si fanno il segno della croce, ma che ancora oggi sono “una croce” per le altre specie sostenendo la morte di creature innocenti che meritano rispetto e diritto di esistere.

Carmen

Annunci

°°[Pistoia] Animale Ucciso con Cartello – Presunto Caso di Bracconaggio°°

Domenica 12 Agosto 2018.

Lorenzo Lombardi, attivista toscano per gli animali, ha pubblicato sul suo profilo facebook un messaggio dal contenuto allarmante.

HO APPENA INFORMATO CARABINIERI DI PISTOIA , CHE RINGRAZIO PER LA GENTILEZZA, E IL SETTORE NAZIONALE ANIMALI SELVATICI (Massimo Vitturi) DI QUESTO EVIDENTE SQUALLIDO CASO DI BRACCONAGGIO. SONO GIÀ STATE AVVIATE LE INDAGINI.

Espletato il mio dovere di cittadini in primis, di animalista in secondis, come giornalista informo le persone, pubblico la foto ed informo i colleghi della testate locale.

Ecco cosa ho trovato poco fa , andando per lavoro verso Festambiente, sulla provinciale lucchese tra Pistoia e Montecatini, comune di Serravalle, appena scollinato direzione Montecatini.

È quasi sicuramente un caso di bracconaggio, ho parlato con i carabinieri di Pistoia, gentilissimi e che si erano già attivati, e col settore animali selvatici di Lav, che farà le dovute azioni legali. Grazie Massimo Vitturi come sempre.

L’animale reca la scritta “grazie ATC ora noi si comincia a fare così”.

ATC è l’ambito territoriale di caccia e che secondo la legge Remaschi dovrebbe anche occuparsi della gestione ungulati anche in relazione all’attività agricola.

A questo punto due riflessioni:

Siamo di fronte quasi sicuramente ad un reato di bracconaggio.

La scritta potrebbe far pensare a qualche agricoltore?
Quel “noi ora si comincia a fare così” è indicativo… noi chi?

Un bracconiere avrebbe preso l’animale non l’avrebbe lasciato lì.

Altra ipotesi: forse lotte intestine tra cacciatori in ambito Atc per la spartizione degli animali da cacciare?

Non saprei, ma i dubbi sono legittimi, le azioni legali necessarie, la tristezza e lo squallore grandissimi.

Seconda riflessione

La legge regionale Remaschi che veniva giustificata come tutela degli agricoltori si dimostra, come fu detto da noi subito, solo un favore ai cacciatori ed è anche del tutto inutile per una corretta gestione del territorio e dell’agricoltura, se fosse confermata l’ipotesi di sopra. Non è con la caccia e le armi che si gestisce correttamente un territorio.

Spero che le associazioni di categoria degli agricoltori dicano qualcosa a riguardo, perchè gli agricoltori veri, quelli che amano la terra, sono lontani anni luce da tali gesti e siccome ne conosco tanti, posso dire che sono fortunatanente la stragrande maggioranza.

°°[MailBombing] No al Maiale in palio per la Lotteria di Amalfi°°

Pensavate che gli animali non avessero scampo solo durante la Pasqua grazie alla Chiesa? Sbagliato!

Ecco a voi l’ennesima vergogna messa in atto dagli “uomini di Dio”. Quelli che dovrebbero diffondere il messaggio del Messia. Quelli che vivono ciò che rimane del paradiso terrestre in mezzo alle creature volute dall’Onnipotente. Quelli che seguono i 10 comandamenti dove al quinto posto troviamo il tanto dimenticato “non uccidere”.

L’unità pastorale di Lone – Pastena – Pogerola di Amalfi ha organizzato una lotteria di agosto con in palio un maiale “da 100 kg”. L’animale, vivo o morto non si sa, è stato posto come primo premio in mezzo ad altri beni materiali inanimati.

Ne da con molto entusiasmo annuncio il sito amalfinotizie.it, che nel proprio articolo ha il coraggio di riportare tale tristissima esternazione:

<< Il fortunato vincitore non dovrà andare a fare spesa per un bel po’ di tempo!!! >>

Screenshot_20180811-002303_Android System.jpg

Tutti insieme per la solidarietà“. È questo il titolo attribuito alla pesca di beneficenza che si prefigge di avere scopo benefico ma che a tutti gli effetti va a discapito di un essere vivente sfruttato come fosse un oggetto col quale premiare qualcuno.

Lunedì 13 Agosto 2018 si terrà l’estrazione di questa vergognosa lotteria. Chi si aggiudicherà il povero maiale evitando di fare spesa?

Mi auguro nessuno. Non deve aggiudicarselo nessuno, è diverso.

Vi invito ad inviare una mail alla chiesa in questione affinché venga al più presto modificato il primo premio in palio. Gli animali della terra non sono oggetti!

Mail da inviare tipo:

Gentile Chiesa di Amalfi,

Gentile Comune di Amalfi,

ho appreso con enorme sconcerto che lunedì 13 Agosto 2018 presso l’Unità Pastorale di Lone – Pastena – Pogerola si terrà l’estrazione della “pesca di beneficenza” che prevede come primo premio un maiale da 100 kg. La presente email è per esternarvi il mio disappunto. Chi meglio di voi dovrebbe sapere e conoscere l’importanza della vita? Com’è possibile dunque che un animale, una creatura di Dio, venga mercificata e usata come primo premio fra altri oggetti? Dove finiscono l’altruismo, la gentilezza, l’amore, il rispetto e la compassione? Possibile che non vi sia nulla di più gradevole come primo premio che di un povero maiale di cui indicate anche il peso corporeo? Vi consiglio riflettere sul contenuto di questo messaggio. Il vostro operato è immorale ed è un oltraggio alla natura. Vi invito inoltre a cambiare tipologia di premio per la vostra lotteria perché i maiali non sono merce. Gli animali sono esseri viventi e anche voi uomini lo siete, pertanto abbiate rispetto per la vita.

Saluti.

Nome, Cognome, Città

Da inviare a:

info@parrocchiaamalfi.com curiaamalfi@pddinformatica.it info@amalfi.gov.it ufficiocomunicazionisociali@diocesiamalficava.it

Grazie a chi deciderà di stare dalla parte degli animali!

Carmen

Aggiornamento:

Oggi ho ricevuto una mail da parte dell’Ufficio Stampa del Comune di Amalfi con “accusa” di aver fornito info non corrette e richiesta di rimozione del mailbombing. Il maiale da 100 kg come premio sarebbe già macellato e non vivo.

Leggete tutto qua: aggiornamenti maiale Amalfi.

°°[Review] Zaino Limited Edition Miomojo for AnimalsAsia°°

Ciao a tutt*!

Qualche giorno fa mi sono fatta un regalino speciale, un nuovo zaino per l’università, ed eccomi qui a condividerlo con voi 🙂

Si tratta del backpack Miomojo for AnimalsAsia.

È leggero, in poliestere effetto juta intrecciata ed è particolarmente grazioso con i suoi colori beige e marrone.

Si apre con cerniera a zip nella parte superiore, come fosse una busta. L’estremità si piega e grazie alla presenza di due calamite rimane l’effetto estetico come in foto.

Sul davanti porta una seconda zip che aprendola rivela una tasca per collocare ciò che vogliamo.

Sul retro porta le spalline, marroni, leggermente imbottite.

L’interno dello zaino è sempre in poliestere ma di colore marrone con loghi Miomojo e presenta tasche porta accessori.

Cucito sul davanti e impresso sulle zip c’è il logo dell’associazione AnimalsAsia.

Lo zaino infatti, in edizione limitata, si prefigge di sostenere questa realtà animalista che da anni si batte per i diritti degli orsi della luna.

Gli orsi della luna sono sfruttati nelle fattorie della bile per l’estrazione della stessa. Chiusi dentro gabbie con un tubo inserito nel fegato, questi animali vengono sfruttati per anni. Anche per tutta la loro esistenza.

Ho deciso di comprare questo zaino perché adoro il marchio Miomojo e per la nobile causa. Oltre ad offrire modelli di accessori davvero carini (ho già una mini beauty bag di questo brand) Miomojo è un’azienda seria impegnata per l’ambiente e per i suoi abitati. Gode della certificazione Vegan di Vegan Society e i materiali usati sono atossici ed ecologici.

Sostiene molti enti di protezione animale e permette ai clienti di scegliere a chi devolvere il 10% degli acquisti.

Ho pagato lo zaino 59.90 euro. La percentuale di donazione l’ho devoluta ad Essere Animali. Il pacco è arrivato in pochi giorni (spedizione gratuita) e insieme allo zaino ho trovato dei regali *-*

Eccoli.

Due pochette con zip in tessuto dal motivo floreale, una maglia con il simbolo degli orsi della luna (in cotone e bamboo) e un’agendina.

Miomojo spesso regala set di questo tipo e io ho approfittato della promozione di fine luglio.

Ho già provato lo zaino e mi piace molto anche per come contiene libri e quaderni. Vi farò poi sapere fra qualche mese la sua resistenza fra ore di corso all’università di Pisa.

Curiosi di conoscere altri modelli? Visitate il sito www.miomojo.com.

Alla prossima recensione!

Carmen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: