Archivi Blog

°°Fantastika Bio IMMUNO Family°°

In questo nuovo articolo vi parlo di uno degli integratori che Fantastika Bio ha ideato per noi. Si tratta di IMMUNO Family, ed è un integratore alimentare dedicato al sostegno delle difese immunitarie.

IMMUNO Family contiene echinacea angustifolia e purpurea, rosa canina (fonte naturale di vitamina C), Vitamina B12, Vitamina B6, Vitamina B2 (riboflavina) e zinco.

L’incontro di queste vitamine con le due preziose piante officinali danno vita a un integratore capace di innalzare le naturali difese dell’organismo. Può essere utilizzato da tutta la famiglia: per i bambini e i ragazzi dai 6 ai 16 anni la dose consigliata è di 1 pastiglia. Per gli adulti invece la dose suggerita è di 2 pastiglie.



Ma parliamo in specifico della Vitamina B12.

La vitamina B12 è di origine batterica. Si trova nel suolo, o su frutta, verdure e ortaggi non tratti chimicamente né lavati. Gli animali liberi in natura la assumono dall’ambiente che li circonda. A quelli allevati invece viene somministrato del cibo addizionato.

A cosa serve la B12?

“La vitamina B12 è fondamentale per la formazione dei globuli rossi di cui promuove la crescita. Lavora in sinergia in particolare con l’acido folico nella sintesi di DNA e dell’RNA aiutando quindi anche nella formazione dei globuli bianchi che difendono il nostro organismo dai microrganismi infettivi. La B12 contribuisce poi alla buona salute del sistema nervoso intervenendo nella creazione della guaina mielinica che avvolge i nervi. Essenziale per la salute anche l’azione che ha sul metabolismo dell’omocisteina che contribuisce a tenere nei giusti livelli evitando che si depositi troppo colesterolo nei vasi sanguigni.” [Fonte: GreenMe.it]

Chi pensa che mangiando carne può star tranquillo deve fare due conti con la realtà. Nei corpi degli animali macellati c’è sì la B12 (oltre a residui di farmaci, antibiotici e spesso ormoni, ricordiamocelo) per merito del cibo zootecnico addizionato, ma il suo assorbimento non è scontato. Come spiega il Dottor Neal Barnard, ci sono svariati fattori che possono portare l’organismo a non riuscire a sintetizzarla.


Integrare la B12 non deve essere un tabù: come abbiamo visto, non se ne può essere carenti solo se si segue un’alimentazione vegetariana o vegana.
Anche la Dottoressa Luciana Baroni della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana afferma che <<anche chi mangia animali può avere carenza di B12 perché l’altra causa importante, la principale nella popolazione, è il difetto di assorbimento della vitamina, soprattutto di quella legata al cibo. Cominciano a comparire pubblicazioni sull’argomento, la situazione sembra più o meno essere la stessa che per la vitamina D: tutta la popolazione potrebbe avere potenzialmente livelli non ottimali. Il tutto è reso complicato dalla non conoscenza di cosa siano realmente i livelli ottimali di vitamina B12: non sono quelli che prevengono la carenza clinica (stadio 4) ma quelli che prevengono la carenza preclinica, a partire dallo stadio 1.>> [Fonte: Vegolosi.it]

E’ quindi importante fare gli esami del sangue specifici per appurarne i valori.

Ciò detto, l’integratore Immuno Family Fantastika Bio può essere un prezioso alleato della nostra salute. La confezione racchiude 60 capsule vegetali ed ha un costo di 18,50 euro.
Immuno Family è certificato vegan da The Vegan Society.

Si può acquistare online sul sito www.fantastikabioshop.it inserendo il codice acquisto CL1244, oppure tramite me con consegna a mano nella provincia di Pisa.

Scoprite tutti gli altri integratori naturali di Fantastika Bio sfogliando il catalogo completo in pdf.

°°[Psicologia] Amore a Distanza (Al Tempo della Quarantena)°°

Della distanza fisica fra sé e la persona che si ama ne hanno fatto un topos i più grandi poeti, scrittori e trovatori della storia della letteratura.
Bernart de Ventadorn con la sua midons, Jaufre Rudel con l’amata domna, Dante Alighieri con la sua Beatrice, Petrarca con la sua Laura..
Ma cosa si prova ad essere lontani dalla persona amata nella vita reale che ricambia il nostro amore a differenza dei testi lirici mirati alla sublimazione poetica?
Cosa si prova, in specifico, ad essere fisicamente lontani dalla dolce metà nel bel mezzo di una quarantena che ci costringe a stare a casa per motivi sanitari?

E’ questo l’argomento del quinto articolo in collaborazione con Ligeia Zauli, Psicologa Sessuologa.

Photo by Cristian Dina on Pexels.com

AMORE A DISTANZA (AL TEMPO DELLA QUARANTENA)


In questo momento storico particolare, alcune coppie non conviventi sono al momento separate e chi si stava appena conoscendo e frequentando, non ha l’opportunità di vedersi fisicamente. 
Un conto poi è la condizione di chi vive una storia a distanza per scelta (personale, lavorativa etc), che può comunque organizzarsi in appuntamenti ed incontri, mentre adesso non si può fare e non si sa nemmeno per quanto tempo. 
Qualcuno soffre e si addolora per la distanza, prova ansia a riguardo, per non potersi toccare, abbracciare, fare l’amore. 

Come poter affrontare al meglio l’isolamento e, perché no, trarne addirittura giovamento?

La tecnologia è sicuramente di aiuto, ora più che mai: oltre alla classica chiamata telefonica, ci si può video-chiamare in modo da potersi anche vedere oltre che sentire (in 2 o più persone contemporaneamente) , si può giocare insieme online, seguire lo stesso corso, guardare la stessa serie Tv e film per poi commentare. 
E’ una situazione nuova per tutt*, dove il bene comune dovrebbe prevalere sui bisogni personali, però essere separat* per qualcuno è un dispiacere inevitabile: non conta se sia una distanza di un quartiere o di chilometri, qualsiasi distanza ci sia non si può, al momento,  evitarla. 

Cosa manca?
Per chi viveva insieme manca la quotidianità, la presenza continuativa, l’idea e la percezione che la persona sia lì, al proprio fianco. Anche se questo, a volte, in condizioni normali, rischia pure di far sì che ci si dia troppo per scontatoUna coppia equilibrata e solida ha le risorse necessarie per affrontare un periodo di separazione forzata e per, volendo, vederne gli aspetti positivi.

Ti starai chiedendo cosa ci possa essere di positivo nel separarsi forzatamente da chi si ama. Provo a spiegartelo. 

Stare lontano dal/la propri* partner permette di concentrarsi su di sé, rafforzando la propria autonomia ed indipendenza, aspetti fondamentali per avere una relazione equilibrata. Quello che si chiama “sano egoismo“, per intenderci, quindi dedicarsi a ciò che piace, coccolarsi con la preparazione di un piatto speciale, con un bagno caldo, con una maschera per il viso e così via, a ognuno il suo, a seconda appunto, di cosa piace. 
Stare lontan* permette anche di stimolare la fantasia, alla ricerca di nuove modalità per condividere qualcosa insieme, per mantenere attivo e vivo il rapporto nonostante la distanza. Non mi riferisco solo alla componente erotica – che è sicuramente un aspetto importante in una coppia. A proposito di questo, non dimenticare di curare questo aspetto, magari con una telefonata piccante o altro. Lascia spazio alla fantasia; sarà una sorpresa gradita.


La distanza ci insegna anche ad essere consapevol* del fatto che, anche se non possiamo vedere l’altr*, l’altr* c’è. Sentire a distanza la presenza, fatta di “piccoli” gesti quotidiani o di attenzioni specifiche, piuttosto che di sorprese inaspettate, è una gioia che rafforza il rapporto. Questa circostanza, inoltre, farà aumentare il desiderio, sia fisico che emotivo. Quando poi ci sarà la possibilità di rivedersi, ogni percezione fisica sarà amplificata e si apprezzerà ancora di più il poter condividere un momento, una cena, un incontro.

C’è anche chi invece si sente letteralmente pers* perché da sol*, chi non si percepisce capace di affrontare la quotidianità senza avere accanto la persona amata o chi è in preda a fragilità che emergono vista la situazione nuova; in questo caso, sarebbe allora opportuno rendersi conto che qualcosa non va, che siamo in presenza di una forte dipendenza dall’altr*. E’ il momento giusto per lavorarci, dal punto di vista psicologico, con l’aiuto di un/a Professionista. 

E’ importante per il benessere di tutt* creare dei rituali quotidiani che ci ricordino la vita di tutti i giorni (potrebbe essere dedicarsi al make up, fissare un video-aperitivo con le amicizie, con tanto di bevuta e snack durante le chiacchiere, l’allenamento fatto in casa, che è fattibile e fa bene, al corpo, ma anche alla mente). 

Infine, per chi invece si stava conoscendo e frequentando prima dell’8 marzo, questa è un’occasione speciale per dare spazio al corteggiamento, alla seduzione, ad aspetti molto spesso trascurati. Senza fretta di arrivare al dunque, assaporando tutta la magia del sentirsi, scoprendosi poco a poco, conoscendo non solo gli aspetti superficiali e tipici di una prima conoscenza, ma avendo tutto il tempo per andare in profondità. 


Seguite Ligeia Zauli Psicologa Sessuologa sulla sua pagina Facebook ufficiale cliccando QUI


Qual è il tuo livello
di benessere psico sessuale?
Scoprilo rispondendo al sondaggio

della Dottoressa Ligeia!

°°[Review] Olio 4 in 1 Fantastika Bio°°

Ciao!

Nuovo appuntamento con la bellezza senza crudeltà 🙂
In questo articolo vi parlo di uno dei prodotti Fantastika Bio che troverete nel catalogo che potrete richiedermi: l’Olio 4 in 1!

Questo olio è il risultato finale di un mix di 4 oli vegetali preziosi: olio di argan, olio di semi di girasole, olio di cocco e olio di mandorle dolci.

Può essere utilizzato sulla pelle ma anche sui capelli.
Ho pensato quindi di mostrarvi il suo utilizzo in una video recensione 🙂

Buona visione!

L’Olio 4 in 1 Fantastika Bio è certificato Vegan, cruelty free da PeTA, ecologico da Lifegate e bio da AIAB.
Lascia i capelli lucidi e setosi. Lo consiglio!



Contenuto flacone: 200 ml
Prezzo: 20 euro

Per richiedere il catalogo in pdf sfogliabile da computer, tablet e smartphone basta compilare il contact form 🙂

Alla prossima recensione!

Carmen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: