Archivi Blog

°°[Pisa] No alle Carrozze coi Cavalli: Manifestazione in Piazza Arcivescovado°°


Come preannunciato sul mio blog da settimane, ieri mattina – domenica 26 giugno 2022 – si è tenuta a Pisa la manifestazione contro l’uso dei cavalli per trainare carrozze turistiche regolarmente autorizzata dalla Questura. Circa quaranta persone, adulti ma anche alcuni bambini muniti di cartelli scritti a mano, hanno preso parte all’evento durato due ore in piazza Arcivescovado, a pochissimi passi da Piazza dei Miracoli dove solitamente sostano i vetturini in attesa dei clienti. Nonostante il sole rovente e l’aria afosa che si respirava in città.

Forse proprio per la presenza della manifestazione, delle circa 5 carrozze che vanta la città solo una si è presentata a “lavoro” assieme al cavallo. In difesa di quest’ultimo, e in difesa degli altri compagni cavalli usati ogni giorno per trainare un mezzo di trasporto pesante con a bordo esseri umani dalla scarsa empatia, ci siamo espressi al megafono, in più lingue.

È stata una manifestazione civile, con accenni filosofici, socio-culturali, psicologici e letterari volti a far riflettere le persone e a sensibilizzarle. Si è parlato di rispetto per ogni forma di vita, di libertà, di necessità di comprendere che gli animali non sono oggetti né beni di proprietà, e che l’essere umano davanti alle leggi della natura non è padrone di nessuna vita.
Sono stati solo due i momenti di tensione che si sono creati in piazza: alla vista di alcuni turisti intenti a richiedere di salire a bordo del mezzo trainato dal cavallo qualcuno ha mosso delle motivate critiche.

“Gli animali non sono nostri schiavi, vi invitiamo a visitare la città senza subordinazione animale, grazie”. Questo è stato lo slogan ripetuto in italiano, tedesco, spagnolo, inglese e francese mentre qualche turista applaudivano la nostra protesta. Turisti che abbiamo ringraziato per aver deciso di visitare i luoghi più suggestivi della città dalla torre pendente con altri mezzi più etici.

Sono stati poi espressi pensieri di libertà in inglese, tradotti da Rosa di IHP Italian Horse Protection, ma anche in lingua portoghese – grazie a Claudia Corsini di Animalisti Italiani, e per giunta in cinese, grazie al supporto di un ragazzo che si trovava a passare in piazza Arcivescovado rimanendo colpito dalla causa.

È poi intervenuta Ligeia Zauli, Psicologa lucchese, a parlare della mentalità dello schiavo e di come reagisce una mente assoggettata racchiusa in un corpo costretto a obbedire.

Dirette video, di cui una indirizzata al Sindaco Michele Conti e all’Assessore Bedini, sono state pubblicate sulla mia pagina, raccogliendo condivisioni e consensi.

Diretta video con Claudia Corsini
Intervento in cinese
Discorso di Carmen Luciano indirizzato al Sindaco

La manifestazione si è conclusa regolarmente alle 12.00.


Ringrazio chi è sceso in piazza con noi a manifestare, adult* e bambin*, cittadini, cittadine, persone e le associazioni Animalisti Italiani, Italian Horse Protection e A Code Unite.

Continueremo a lottare fino a quando questo servizio non verrà abolito, i cavalli affidati ad associazioni di recupero animali e i vetturini autorizzati a lavorare nel settore turistico con altri mezzi più etici.



__________________________________________________



Riflessioni
26.06.2022

Oggi a Pisa il sole era rovente e l’aria afosa. Questo è il risultato di 2 ore di manifestazione. Non è un problema se mi sono scottata, o se forse mi sentirò male. Con una crema apposita alla calendula e un po’ di riposo passa tutto. Ma non posso fare altro che pensare cosa vivono e sentono sul proprio manto ogni giorno quei cavalli, sotto il sole a trainare le carrozze, mentre chi paga per farsi portare in giro è riparato da un ombrellone.

Provo a immaginare cosa possa significare avere il corpo invaso da briglie, sentirsi legati e con la vista limitata, con la bocca bloccata da un morso di ferro, con altri ferri inchiodati agli zoccoli che entrano in contatto con l’asfalto bollente.

Una tortura medievale, se venisse così conciato un essere umano.

In natura i cavalli vivono in branco. Percorrono le distanze che vogliono percorrere e decidono autonomamente cosa fare, se mangiare o bere, se riposare o interagire fra di loro. Sono creature intelligenti, sensibili, con un universo interiore di vitale dolcezza.

Mi rammarica sapere che i loro meravigliosi corpi siano ridotti a mezzi di trasporto, a durare fatica.

Mi rattrista sapere che ci siano persone così poco sensibili da vedere nella loro esistenza un motivo di lucro.

Mi sconforta assistere a scene di turisti egoisti che mettono il proprio corpo letteralmente sulla povera schiena del cavallo di turno, dando manforte alla loro subordinazione.

Mi fa rabbrividire che tutto questo sia ancora legale, permesso dalle istituzioni, perché ai miei occhi non è nient’altro che SCHIAVITÙ.

Perdonateci cavalli.

Perdonate le nostre anime dannate e devote al potere e ai soldi. Perdonateci per essere stati la peggiore specie con la quale potevate coesistere su questo pianeta.

Come ho detto oggi al megafono, non vi meritiamo. Non meritiamo di essere circondati da meraviglie come voi, perché ciascuna forma di vita ha ben presto subito violenza, imposizioni, morte.

Nella drammaticità di realizzare di quanto male siamo capaci, uno spiraglio di luce mi fa andare avanti in questo tunnel.

Noi esseri umani non siamo solo questo.

Non rimarremo imbrigliati per sempre nell’ingiusto stereotipo che vede la nostra specie in alto, con corona e scettro, e tutte le altre forme di vita schiacciate sotto.

Non durerà per sempre.

Libertà, per tutte le specie.




Carmen Luciano



°°Thor: Micio Anziano e Malridotto Cerca Stallo Urgente e Cure°°

Cari e care followers,
condivido con voi un appello disperato per cercare di salvare una creatura.

Come vi avevo anticipato sulla mia pagina Facebook, il giorno in cui abbiamo manifestato contro il circo con gli animali a Vicopisano (PI) alcune persone si sono accorte di un micio malridotto che vagava per il paese. Il micio, un maschio a pelo corto bianco e nero, era da subito apparso in condizioni gravi.
Come potete vedere dalla foto, Thor (così è stato chiamato da chi lo ha recuperato) è magrissimo, con la pelliccia sporca, gli occhi pieni di muco e il naso incrostato.

Mi sono mobilitata personalmente con un appello per cercare qualcuno che potesse portarlo da Vicopisano a Fornacette, dove lunedì 6 giugno aveva una visita veterinaria fissata.
Per fortuna è intervenuta una persona che ha accompagnato Thor.

La salute del micio è veramente precaria.
Stando a quanto riferito dal medico veterinario alle volontarie che se ne stanno occupando, Thor ha circa 15 anni ed ha una forte insufficienza renale. Avrebbe bisogno di effettuare fluidoterapia in vena. Essendo risultato anche fiv positivo, non è possibile fare tale terapia presso il rifugio momentaneo dove è stato portato, perché le condizioni igieniche devono essere più protette. Ci sarebbe la possibilità di portarlo ogni giorno in clinica per essere sottoposto alla terapia, ma questo comporterebbe un fortissimo stress che le volontarie non vogliono fargli vivere viste le condizioni.


Thor cerca un miracolo: uno stallo, con persone esperte e con tanta forza di accompagnarlo con Amore per quello che gli resta da vivere. Uno stallo casalingo, o adozione del cuore, con possibilità di poter accedere anche un pochino fuori dove è abituato a stare sarebbe l’ideale.

Thor è affetto anche da artrosi, intestino infiammato (non si sa se c’è di più 😔) e un probabile carcinoma squamoso al nasino. Ha la bocca devastata ma ad oggi mangia cibo umido con gioia.

Di carattere è buonissimo. Le volontarie tengono molto a ricordare che è stato recuperato in condizioni devastanti davanti a villette con animali di razza in giardino. Era lì da tempo, in quelle condizioni, ma non ha mai suscitato la pietà di nessuno ed è rimasto abbandonato a se stesso.

Vi preghiamo la massima condivisione di questo appello.
Sono inoltre graditissime donazioni per coprire le enormi spese veterinarie per le cure alle quali è sottoposto il micio.

Donazioni via ricarica Postepay:
Numero: 5333 1711 1046 7194
Codice Fiscale: GMGJNY81A71G702V
oppure via Bonifico
IBAN: IT90V3608105138267283567319
intestato a Jenny Gemignani

Per informazioni e adozione:
Sara + 39 347 064 8227
Jenny +39 347 805 8487


Grazie infinite a chi vorrà aiutarci ad aiutare Thor.


Carmen.



°°Il Laboratorio degli Impasti: Foto e Resoconto dell’Inaugurazione°°

Si è da poco conclusa a Santa Croce sull’Arno (PI) la favolosa inaugurazione de
Il Laboratorio degli Impasti di Nino Minissale e Giada Masoni, tra applausi, brindisi, golosi assaggi e tanta, tanta allegria.

Parte delle persone accorse all’evento


L’evento ha avuto inizio alle 17.30 al numero 57 di Corso Mazzini, proprio davanti al Laboratorio, ed ha visto la partecipazione del Sindaco, di tanti cittadini e cittadine ma anche di famiglie e persone vegane provenienti da città vicine, tutte desiderose di assaggiare le specialità siciliane dello chef conosciuto sui social come Il Pizzaiolo Imbruttito.

Il taglio del nastro


Un’inaugurazione davvero come poche, di una generosità dal sapore di altri tempi: gli instancabili Nino, Giada, il loro piccolo Michele, la nonna e tutto lo staff hanno servito decine e decine di vassoi colmi di bontà ai presenti, rimasti davanti al locale fino alle 20.00: focacce semplici, schiacciate farcite, pizze, gli squisiti arancini, i caldi “pitoni” (pasta fritta ripiena) e gli spettacolari dolci. Il tutto annaffiato da ottimo spumante, e servito con piattini e bicchieri compostabili rispettosi dell’ambiente.

Le numerose persone vegan che non si sono perse l’inaugurazione poi, hanno assaporato tutte le specialità di Nino preparate in versione plant-based, realizzate interamente con ingredienti di alta qualità di origine vegetale.

Una delle focacce vegane
Dettaglio dello squisito arancino vegan


Siamo rimasti stupefatti dalla bontà degli alimenti che ci sono stati offerti:
i pitoni caldi, ossia la pasta fritta ripiena, erano davvero fragranti e squisiti. Gli arancini buonissimi, come ne ho assaggiati solo una volta proprio in Sicilia. Le focacce davvero saporite, con i loro pomodorini freschi e altri ingredienti dall’aroma delicato. Non da meno poi il dolce: una favolosa colomba vegana (che sarà disponibile in più versioni in occasione della Pasqua) dall’impasto agrumato e soffice, impreziosita da pezzetti d’arancia candita e pepite di cioccolato. Un sapore squisitamente avvolgente.

La colomba vegan

Oltre al ricco buffet, che ha deliziato e saziato tutte le persone presenti, lo staff de Il Laboratorio degli Impasti ha regalato a tutti una shopper bag in cotone con un prezioso lievito per impasti (made in Sicilia) e varie brochure con tutti i prodotti che si potranno scegliere sul posto oppure ordinare a partire da martedì 15 Marzo 2022.

E’ stato un evento davvero riuscito.
Colgo l’occasione per fare anche sul mio blog i complimenti a Nino e a Giada, che hanno avuto l’iniziativa di aprire una nuova attività in questo periodo storico particolare, tanta fiducia nei propri sogni e la delicatezza di pensare anche alla clientela che ha abbracciato uno stile di vita vegan, offrendo un’opzione cruelty free della cucina siciliana, unica nella zona.

Lo Staff



Se passate da Santa Croce sull’Arno, approfittate della possibilità di gustare le creazioni culinarie di questa splendida realtà, perché merita tantissimo e ne rimarrete estremamente soddisfatti!


Corso Mazzini 57
Santa Croce sull’Arno
56029, Pisa
+39 0571 31070
info@illaboratoriodegliimpasti.com

www.illaboratoriodegliimpasti.com




Carmen Luciano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: