Archivi Blog

°°Due Nuove Lezioni di Etica in Didattica a Distanza°°

Dopo le lezioni in presenza tenute il 30 aprile 2019 e il 15 gennaio 2020 in collaborazione con Claudia Corsini, sono ritornata all’Istituto Superiore Statale Salvetti di Massa in qualità di relatrice per altre due nuove Lezioni di Etica per un Consumo Consapevole.



Ospite della professoressa Patrizia Bianchi e della sua collega Anna, ho tenuto in modalità Didattica a Distanza due nuovi incontri volti a sensibilizzare studenti e studentesse delle classi 4^ riguardo a tematiche molto importanti: visione antropocentrica della vita, inquinamento, impatto ambientale dovuto all’alimentazione basata su animali e derivati, condizioni e trattamento delle altre specie, soluzioni etiche per gravare meno sulla natura.
La lezione è stata parte integrante di un percorso di acquisizione di consapevolezza già intrapreso dalle docenti, ed è stato accolto con interesse dai/lle partecipanti.

Per la mia esposizione – frutto di un lavoro mirato ad intrecciare etica, rispetto per gli animali e scelte d’acquisto – ho utilizzato video, foto, immagini, statistiche da fonti verificabili ed estratti di inchieste giornalistiche (ad esempio un filmato di Indovina Chi Viene a Cena – Rai3- di Sabrina Giannini) come spunto di riflessione. Argomenti trattati troppo poco che invece servono per le nuove generazioni che saranno gli adulti del domani.
Dal punto di vista alimentare, oltre a fornire la mia personale esperienza , ho invitato i ragazzi e le ragazze ad informarsi sui pareri nutrizionali di tre esperti che reputo affidabili: il Dottor Neal Barnard, la Dottoressa Silvia Goggi e la Dottoressa Luciana Baroni. Credo di averl* spiazzat* quando ho fatto presente che non mangio animali da 19 anni: in pratica, ho smesso di alimentarmi con i loro corpi e derivati da prima che nascessero le persone intente ad ascoltarmi. Per rendere le lezioni maggiormente interessanti, ho concluso la presentazione con un quiz-videogioco al quale studenti e studentesse hanno potuto sfidarsi rispondendo alle domande specifiche sulla lezione.

I due appuntamenti sull’Etica hanno riscosso una buona partecipazione, destando curiosità, interesse e domande.
Dopo la prima delle due lezioni ho ricevuto persino un messaggio da parte di uno degli studenti, particolarmente colpito dall’esposizione, che ha voluto ringraziarmi per il modo in cui ho trasmesso loro quei concetti che per me sono essenziali.


Con il presente articolo ringrazio nuovamente le classi che hanno assistito alle mie lezioni, e le professoresse Anna e Patrizia per avermi avuta come ospite.


Rimango a disposizione di tutti i docenti e di tutte le docenti che vogliono proporre un’esperienza simile nel proprio istituto scolastico durante un percorso di educazione civica. Per informazioni e disponibilità, l’indirizzo per contattarmi è il seguente: scuola@carmenluciano.com


Al prossimo articolo!

Carmen



°°[Montecalvoli] Trovati Uccisi altri 6 Gatti°°

Ancora agghiaccianti notizie dalla frazione Montecalvoli, del Comune di Santa Maria a Monte (Pi).
Dopo la morte di due gatti, fra cui Cenere che per qualche giorno ha lottato per sopravvivere, Debora N. denuncia sul suo profilo Facebook il ritrovamento di altri sei gatti uccisi.

Gli animali erano di una piccola colonia che si era formata col tempo, e che Debora accudiva portando loro da mangiare tutti i giorni. Si trovavano proprio vicino casa sua, in un edificio mai completato che era diventato il luogo dove questi felini trovavano da tempo riparo.

Alcuni dei gatti della piccola colonia di Debora



Li ho trovati morti uno a pochi metri dall’altro. Li hanno uccisi tutti” spiega Debora.

I gatti sono stati trovati deceduti, lasciati a terra. Forse anche loro, come Cenere e l’altro gatto deceduto, sono stati colpiti con un’arma a pallini. Armi che non lasciano tracce, ma che feriscono mortalmente.
Uno dei mici è stato trovato agonizzante, ed è morto senza che potessimo fare qualcosa” ha aggiunto.



Le strazianti foto di Debora N.


Sono stati avvertiti nuovamente i carabinieri e i vigili del luogo, che sono giunti sul posto per prendere atto dell’increscioso avvenimento.

Nella giornata di domani, mercoledì 17 marzo 2021, Debora porterà il corpo di uno dei gatti presso un medico veterinario per accertarne il motivo del decesso.


Nel giro di una settimana sale quindi a 8 il numero di vittime innocenti decedute per mano di una persona squilibrata.
Persona alla quale si spera presto di dare un volto e un’identità, e una punizione esemplare.
Il sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella ha infatti invitato la cittadinanza a rivolgersi ai vigili urbani in caso di conoscenza d’informazioni utili per risalire all’assassino.

0572 61680
poliziamunicipale@comune.santamariaamonte.pi.it

AGGIORNAMENTO DEL 17.03.2021

Ho da poco sentito Debora, che oggi ha portato uno dei corpi dei gatti presso un ambulatorio veterinario.
Stando a quanto detto dal medico, i gatti sarebbero stati tutti avvelenati.


Di questo triste caso ne ha parlato anche Il Cuoio in Diretta.
Ringrazio il giornalista Nilo Di Modica per il suo articolo.

°°[Montecalvoli] Sindaco dalla Parte degli Animali: Caccia al Killer di Gatti°°

Aggiornamenti sulla triste vicenda dell’uccisione di Cenere e un secondo gatto nella frazione di Montecalvoli.

Ieri la notizia della morte del felino è stata condivisa massicciamente sui social network. Le persone indignate da tale gesto incivile sono state tantissime, così come le email inviate agli indirizzi del Comune di Santa Maria a Monte, di cui fa parte la frazione Montecalvoli dove è avvenuto il fatto.

Dopo qualche ora dall’invio delle nostre richieste d’intervento, il Sindaco Ilaria Parrella ha pubblicato quanto segue sulla sua pagina ufficiale Facebook:


Il Sindaco ha così preso le distanze da tale gesto, condannandolo moralmente, ed invitando chiunque abbia informazioni a rivolgersi alla Polizia Municipale per telefono o email.

0572 61680
poliziamunicipale@comune.santamariaamonte.pi.it

Spero che chi è arrivato a tanto sappia che l’intera comunità è alla ricerca della sua identità, e che presto venga individuato e punito per il suo gesto ignobile.

Invito inoltre le persone civili e sensibili, in tutta Italia, a sbarazzarsi di armi a pallini in caso un parente ne sia in possesso, e fare in modo che esse non vengano acquistate. Sono fin troppi gli animali che perdono la vita a causa di questi strumenti che non dovrebbero esistere.


Questa che segue è un’altra delle tante segnalazioni che mi sono giunte dopo aver dato eco alla triste notizia di Cenere. Il numero di vittime non si conta.

«Venerdì scorso ho trovato un piccione che si nascondeva sotto una panchina. Il veterinario gli ha tolto un pallino da un’ala. Non potrà più volare a causa della frattura riportata. Resterà con me, ma resta il fatto che qualcuno per puro divertimento lo ha impallinato togliendoli il diritto di volare libero».



Carmen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: