Archivi Blog

°°Suicidio Giovanile: Lettera Aperta agli Adulti°°

L’ennesima notizia di un ragazzo giovane che probabilmente ha deciso di porre fine alla sua vita per problemi collegati allo studio mi ha portata a scrivere questo articolo. Inizialmente l’idea era quella di pubblicare un post su Facebook, ma poi ho realizzato che l’argomento andava trattato in modo più ampio e in uno spazio usufruibile anche da persone che non seguono i social network.
A darmi la scintilla per scrivere quanto segue è stato un commento trovato per caso, sul social sopra menzionato, dove una utente invitava i giovani a riflettere e a non dare dispiaceri alle famiglie, perché esse “rimangono distrutte, e tutto si risolve”. Mi sono sentita davvero ferita da queste parole, dentro le quali vedo dell’insensibilità e scarsa empatia. Di cose da dire in risposta ne avrei tante, e dunque eccomi qui.

Quando apprendiamo della morte violenta di persone giovani veniamo tutti toccati da sconforto e tristezza. Forse perché consapevoli del fatto che l’essere umano ha la possibilità di vivere decenni e decenni prima e di poter morire di vecchiaia. L’idea che delle giovani vite si interrompano senza fare piena esperienza umana dà un senso di smarrimento.

Ma vivere non è semplice. Lo sappiamo tutti. Si possono avere tutti gli agi (pure quelli non concessi ad altri meno fortunati) ma comunque sprofondare in sconforto o finire risucchiati dal vortice della depressione. Non è mia competenza parlare di questi aspetti a livello psico-scientifico, e lascio che siano personalità professionali formate a farlo, ma con quello che ho vissuto sulla mia persona a livello fisico e psichico a scuola sento di avere un minimo di esperienza per invitarvi a non attaccare i/le giovani che arrivano ad azioni estreme. Da ex adolescente che ha vissuto delle enormi difficoltà emotive dico che per arrivare a desiderare di non esistere più bisogna essere davvero disperati, e bisogna anche avere una forza incredibile. Io quest’ultima non l’ho mai avuta. Mi sono sempre guardata allo specchio provando pietà per quella pelle chiara, per quei lunghi capelli neri, per quel corpo che da sempre mi permetteva di esistere e di fare esperienza in questa dimensione.
Chi si uccide non è una persona vigliacca. Vigliacchi sono coloro che non danno un peso alle proprie parole, non danno un peso ai loro gesti, e feriscono indelebilmente le persone.

Ho letto adulti, come la signora sopra menzionata, scrivere che sono cose che non si fanno perché poi si lasciano “famiglie distrutte” e che “tutto si risolve”. Che tutto si risolve insegnateglielo da piccoli/e. Iniziate sin dai primi anni di età a valorizzare l’impegno, a complimentarvi per i traguardi raggiunti e a far comprendere ai giovani che gli errori non sono fallimenti ma momenti preziosi per imparare ancora di più. E soprattutto, iniziate sin da subito a non far pesare traguardi e successi degli altri bambini e delle altre bambine, perché non siamo macchine progettate per avere la stessa efficienza e le stesse tempistiche. Siamo esseri umani singolari, unici, irripetibili, con i propri tempi, le proprie passioni e le proprie capacità. La vita delle altre persone non può e non deve essere usata come metro di paragone con la propria. Facile far ricadere la colpa su chi non ha più forze ed energie per andare avanti e decide di far finire la sua sofferenza. Troppo facile.

Come si può pretendere che una persona che si sente schiacciata dal peso delle aspettative che ha intorno, che si sente sola e senza aiuto, pensi “devo resistere per non dare ulteriore dispiacere”? Bisogna essere davvero poco empatici per arrivare a un tale pensiero.

Viviamo in una società dove gli errori vengono demonizzati, dove chi cade non è spronato a rialzarsi ma si sente addirittura giudicato e messo a paragone con chi invece ha avanzato ed è arrivato lontano.
Viviamo in un sistema dove si applaude il genio (con tutto rispetto per le menti geniali) per aver ottenuto “tot anni prima” un numero elevato di titoli e lauree, ma dove non ci si complimenta minimamente con chi invece ha concluso fuori corso ma senza aiuti e con le sole proprie forze.

La vita non è una gara podistica dove vince chi arriva prima.
La vita è per me, metaforicamente parlando, un percorso che ciascuno affronta con il proprio andamento. E va bene anche fermarsi a raccogliere un fiore per poi ripartire.
Se non fossi stata abbastanza consapevole di quanto valevo nonostante per qualcuno fossi un fallimento scolastico avrei ricevuto un cuscino di fiori sulla tomba anni fa, e non una corona d’alloro attorno alla testa nel 2021.

E’ questo dico ai ragazzi e alle ragazze che mi capita di aiutare con lo studio: è necessario essere consapevoli di chi siamo, di cosa vogliamo fare nella vita (non importa quando lo comprendiamo), senza mai scoraggiarci, cercando di fare unione con i propri simili e di avere punti di riferimento tra gli adulti. Quando mi confronto con giovani con debiti formativi con la paura di non farcela e di bocciare (perché bocciare ancora adesso viene vissuto come un fallimento, un marchio nero a vita) e gli spiego che non è una bocciatura a determinare una carriera, vedo occhi che brillano. E adesso che lo scrivo forse ho anche capito perché ho dovuto affrontare questa esperienza: esserci passata dentro e averla vissuta mi permette di dare un supporto emotivo veritiero, concreto, reale. E se posso essere d’aiuto a qualcuno che versa nelle condizioni in cui versavo io da adolescente, ne è valsa la pena soffrire.

Desidero che rimanga impresso e ben memorizzato fra gli adulti, genitori, e soprattutto insegnanti che i più giovani si ascoltano, si spronano in modo positivo, si aiutano e si valorizzano senza mai fare paragoni e senza umiliazioni. Essere genitori è un ruolo delicato e importante, anche essere insegnanti a contatto con nuove generazioni lo è:
siate una mano tesa ad aiutare, non un indice pronto a giudicare.


Chi avesse bisogno di un sostegno morale, mi può contattare all’indirizzo scuola@carmenluciano.com



Carmen

°°Torna a Casa con un Pallino al Cuore: Cenere lotta tra la Vita e la Morte°°

Montecalvoli (Pisa)


Una denuncia sui social molto forte, quella di Debora N., residente nella provincia di Pisa. Un ignoto armato ha sparato al suo gatto Cesare, che adesso lotta fra la vita e la morte.



Il bel felino dal manto grigio striato, come mi racconta la signora, è tornato a casa il 9 marzo in condizioni disperate.



«Nel pomeriggio Cenere è riuscito a tornare a casa. Ho visto subito che c’era qualcosa che non andava. Stava male, tremava tutto, era freddissimo. Aveva il corpo gelido. L’ho portato subito dal veterinario. Ho pensato in un primo momento che fosse stato investito o avvelenato, invece dalla lastra è risultato che gli hanno sparato. E’ stato uno shock. Il veterinario mi ha detto che non era operabile perché il pallino è talmente piccolo che è come cercare un ago in un pagliaio.»

Un soggetto ignoto quel giorno ha sparato a Cenere, facendolo tornare a casa ferito gravemente. Il gesto vile non sarebbe stato compiuto solo ai danni del gatto della signora Debora, ma anche a un’altra famiglia.

«Farò denuncia contro ignoti. Non si sa chi sia stato. Avrei preferito avere un nome e un cognome. Ho saputo che non è la prima volta che questo pazzo compie un gesto del genere. Mi sono arrivati tanti messaggi. Quel giorno lì (il 9 marzo 2021, n.d.r) hanno sparato anche a un altro gatto che purtroppo non ce l’ha fatta.»


La donna ha scritto così un post di denuncia sui social, in special modo su un gruppo dedicato agli animali persi e ritrovati nella provincia di Pisa, che ha raccolto molti commenti di disprezzo nei confronti di un gesto simile.
“Ci si deve sentire dei grandi a sparare a un gatto. E’ successo vicino a casa mia, in pieno centro abitato. Oggi hanno sparato al mio Cenere, e adesso lotta tra la vita e la morte perché un pallino è arrivato vicino al cuore e non è operabile. Che divertimento è far soffrire così un animale? Chi spara a un gatto per me è ha una mente malata. Ci si deve sentire davvero orgogliosi della grande impresa. Una denuncia non basterebbe, questo essere (persona non si può certo definire) dovrebbe provare il dolore e l’angoscia che proviamo io, i miei figli, mia madre.. Perché per molti è ‘solo un gatto‘, ma per noi è un membro della famiglia. E se avesse preso una persona? o un bambino con la sua bravata? Ad ogni modo, il mio Cenere soffre e noi con lui e la prossima volta potrebbe toccare a uno dei vostri animali. Perché purtroppo, se nn vengono identificati, questi pazzi continueranno sempre a sentirsi soddisfatti e orgogliosi di sparare a un povero gatto indifeso”

E adesso Cenere lotta fra la vita e la morte nell’ambulatorio veterinario dove è ospite.


«L’unica soluzione è questa cura che però non si sa se può andare a buon fine. La situazione è molto delicata. Lui è sempre fra la vita e la morte e soffre tantissimo. Questo ci sta distruggendo in tutti i sensi.»


Questa triste vicenda è stata riportata anche su La Nazione.


Esprimo la mia più sentita solidarietà a Debora, che conosco di persona, e alla famiglia del gatto che non ce l’ha fatta.
Spero che Cenere si riprenda e che possa continuare a vivere assieme ai suoi “familiari” che lo trattano come un membro di famiglia.

Sull’individuo che ha commesso tale scempio, nessuna clemenza: bisogna avere seri problemi comportamentali e relazionali per prendere un’arma e ferire gratuitamente delle vite.
Contraria alla caccia, sono anche contraria alla detenzione di armi, che nascono col solo intento di arrecare danno al prossimo.
Spero che questo atroce fatto abbia molto eco, e che questa persona venga individuata e punita severamente.
Non possiamo e non dobbiamo accettare situazioni così gravi.



Carmen


AGGIORNAMENTO del 12.03.2021
Cenere purtroppo non ce l’ha fatta.

°°I Cavalli Non Devono Essere Mezzi di Trasporto°°

botticella roma

Paraocchi, briglie, ferri alle estremità inferiori degli arti, una carrozza agganciata sulla schiena e l’obbligo di camminare, camminare e camminare sull’asfalto. Sotto la pioggia, sotto il sole, in mezzo alle macchine, fra lo smog. Nessuna interazione con i propri simili. Nessuna possibilità di togliersi di dosso quel fardello.
Benvenuti e benvenute nella vita di un cavallo da carrozza turistica.


Il fatto che sia legale detenere un cavallo per utilizzarlo al fine di trainare una carrozza con a bordo turisti paganti, non fa di tale atto né un vanto, né una realtà da tollerare a priori.
Da secoli questi animali sopportano il peso, fisico e ideologico, della nostra specie sul proprio corpo.
Credo sia il caso di evolversi.


Coloro che fanno dello sfruttamento animale un “lavoro” e lo difendono a spada tratta dalle critiche che giustamente possono giungere, provino a realizzare che la sensibilità umana sta crescendo.
Se risulta difficile capire ciò, allora che si rassegnino.
In alternativa, prendano il posto del “loro” cavallo e si sudino lo stipendio da soli.
Perché è facile dire che il proprio è un duro mestiere, fatto di sacrifici per mantenere gli animali, sterco da pulire, tasse da pagare e quant’altro. Il punto è che imbrigliati non ci sono loro. Non sono loro quelli costretti a fare una vita innaturale senza che nessuno glielo abbia chiesto.

A mio avviso in una società sana, composta da di umani che sanno coesistere assieme alle altre specie, non esisterebbe l’assoggettamento o la subordinazione, men che mai finalizzata al lucro. Invece l’antropocentrismo ancora rende schiavo il nostro genere, e dobbiamo tristemente prendere atto che la nostra specie ha come cardine la moneta, il denaro. Materia di nostra invenzione, che facciamo pesare però anche a chi non l’ha inventata, tanto da metterla addirittura davanti alla vita stessa.


Esattamente come non sarebbe giusto sfruttare una persona legandola per imporle obbedienza (inorridiremmo davanti a un uomo o una donna con un calesse carico di persone legato al corpo), non è giusto né accettabile fare ciò con un animale.
Non importa se un cavallo ha la forza fisica per scarrozzare umani: le altre specie non sono presenti al mondo per renderci servigio.
E che non si pecchi di brutale ipocrisia quando questi bellissimi esemplari soccombono sotto il peso della cattiveria umana: chi finanzia è complice.

Coloro che non hanno ancora compreso l’importanza del riconoscimento dei diritti delle altre specie, dovrebbero provare a mettersi nei panni degli sfruttati e a immaginare una vita fatta di assenza di diritti. Solo così, forse, potrebbero capire.

I cavalli, e tutti gli altri animali, devono vivere LIBERI.
Il mio invito è dunque quello di girare per le città a piedi o con altri mezzi, poiché gli esseri viventi non lo sono.

Non finanziate chi sfrutta gli animali.
Siate solidali con chi ancora non gode di diritti, mai con chi li nega agli altri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: