Archivi Blog

°° Un’altra Pasqua senza Sangue.. °°

Anche quest’anno è arrivata la Pasqua, e con sé come di consuetudine ha portato polemiche su polemiche dovute alla tradizione di assassinare cuccioli di pecora in nome di questa tradizione della religione cattolica.
Da persona agnostica quale sono, ma con molta stima nei confronti di Gesù come figura umana e come profeta, sono enormemente dispiaciuta nel vedere che in nome suo vengano uccisi agnellini di poche settimane di vita.
Anche perchè ormai dovremmo sapere tutti che il suo messaggio nonviolento comprendeva ogni tipo di creatura esistente sulla Terra.
In realtà la rimembranza della sua resurrezione è un banale, squallido pretesto per camuffare l’ingordigia umana che non si ferma davanti a niente, nemmeno davanti a dei cuccioli che piangono senza le loro mamme,
e che ha bisogno di continue attenuanti per proseguire indisturbata a spargere sangue innocente.

La lotta all’ignoranza e alla crudeltà quest’anno è stata più dura che mai:
abbiamo lottato contro due parrocchie nel salernitano che avevano organizzato una lotteria “di beneficenza” di Pasqua mettendo in palio al primo posto un agnello da ritirare, morto, dal macellaio. La protesta è partita proprio dal mio blog e si è rapidamente estesa in tutto il web raggiungendo anche associazioni animaliste della regione Campania.
Gli animi si sono infuocati, sono piovuti messaggi di disprezzo e i parrocchiani dal 5° comandamento poco chiaro fortunatamente hanno rivisto le loro decisioni, giungendo alla conclusione che sarebbe stato meglio mettere come primo premio un agnellino.. di cioccolata!
E così è stato.

Sono stati girati video di sensibilizzazione come quello con protagonista Daniela Martani, agnellino in braccio, intenta a chiedere alle persone in strada se lo avrebbero mangiato per Pasqua.

Tantissime associazioni animaliste e gruppi di volontari hanno organizzato manifestazioni, flash mob, campagne di sensibilizzazione già a partire dal mese scorso per far comprendere alle persone che non si può festeggiare negando la vita a qualcuno.
Sono stati salvati anche numerosi piccolini, che non sapranno mai cosa gli aveva riservato l’uomo che li allevava.

cucciolo

Stando alle ultime notizie riportate dalle testate giornalistiche, il  consumo di carne di agnello è in continuo calo. Si parla del -10%.
Ogni anno dunque sono sempre meno le persone che acquistano cuccioli morti da mettere in tavola davanti ai propri familiari.

Personalmente, non ho mai mangiato carne di agnello in vita mia, e sono sempre qua.
Da anni nella mia famiglia non ci sono vittime in tavola e riusciamo a festeggiare lo stesso.
E’ veramente semplice vivere senza ledere l’esistenza degli altri.
Perchè le persone che ancora non lo fanno, non provano a cambiare?


Vivere la propria vita in armonia con se stessi, con chi ci circonda e con la natura e i suoi abitanti è possibile e chiunque ne è capace, basta volerlo.
Lo insegna  il maestro Yogananda, grande estimatore di Gesù.
Quest’anno la sua opera ” Autobiografia di uno Yogi “ compie 70 anni dalla sua prima pubblicazione. Ananda Edizioni festeggia questo bestseller proponendo una pubblicazione cartacea da 496 pagine con cd mp3 audiolibro e ritratto del guru.

Per leggerne gratuitamente un estratto cliccare QUI .

°° Buona Pasqua Senza Sofferenza ! °°

Cari e care followers..
Anche quest’anno è arrivata la Pasqua.
Chi come me vive una filosofia di vita non violenta che mette il rispetto per ogni esistenza prima di ogni altra cosa sa che questo periodo dell’anno è un momento triste. In questo momento migliaia di cuccioli sono già stati uccisi e venduti a chi ha pagato per avere i loro corpi da mettere in tavola. Fa male pensare che esseri umani adulti non abbiano la minima vergogna nell’offrire ai propri figli un pasto fatto con figli strappati all’amore delle rispettive mamme.
Anche se l’atmosfera non è delle migliori, sono convinta che questa tradizione barbara verrà presto archiviata e ricordata come qualcosa di sbagliato portato avanti da persone senza molto raziocinio.
Sempre più famiglie decidono di non festeggiare con la morte di nessuno in tavola, e questo mi rende felice.
Sulla mia tavola questa Pasqua ci saranno solo piatti gustosi realizzati con ingredienti naturali, e quindi nessun tipo di animale ucciso, perchè gli animali sono esseri viventi, non cibo.
Abbiamo pensato a cannelloni ripieni di ricotta di soia ( autoprodotta) e spinaci con besciamella di soia, burger di legumi ( fatti stamattina! ), patate al forno, insalata mista, macedonia di fragole e tanti dolci.
Domani per la prima volta aprirò un uovo di Pasqua di cioccolato bianco di soia e la cosa un po’ mi emoziona. Insomma, finalmente mi sono creata un piccolo angolo di felicità nonostante l’infelice momento.
carmen 1

carmen2

carmen3

Con questo post colgo l’occasione per augurare a voi lettori e a tutte le persone che domani festeggeranno nel rispetto della vita di passare felicissime vacanze con parenti o amici.

Buona pasqua ! 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: