Archivi Blog

°°[Segnalazioni] Mozzarella di Bufala dal Colore Anomalo”°°

Qualche giorno fa sulla mia pagina Facebook Think Green • Live Vegan • Love Animals ho ricevuto una segnalazione da parte di una ragazza, Martina T., che ha voluto segnalarmi un fatto alquanto strano.

La ragazza, da tempo vegana, a cena con il fidanzato ha assistito all’apertura di una confezione di mozzarella di bufala. L’alimento, raffigurato di colore bianco candido accanto a un pomodorino e del basilico sull’immagine rappresentativa, è risultato essere però di colore rossastro.

Martina mi ha spiegato che il ragazzo aveva deciso di consumare la mozzarella il giorno prima della scadenza riportata sull’involucro (indicata per l’11 giugno 2020). Di regola un alimento ben conservato il giorno prima della data di scadenza non dovrebbe avere inferiore qualità. Entrambi sono rimasti quindi sbalorditi dal vedere l’alimento di quel colore così strano.

“Cosa può essere?? Sai come posso agire? Non riesco a trovare un numero di telefono dell’azienda, chi posso contattare?” mi ha chiesto la ragazza, che intanto ha allegato al messaggio altre foto.

Questo fatto mi ha riportato alla mente un aneddoto simile successo svariati anni fa anche alla mia famiglia. Presso un caseificio in Campania (ah, la Campania! Terra dove i caseifici sorgono come funghi ma di vacche e bufale libere al pascolo nemmeno l’ombra) i miei genitori comprarono delle mozzarelle di bufala. Una volta aperta una confezione si scoprì che l’alimento era spugnoso. Sembravano spugna di mare piene di “bolle” all’interno. Così i miei tornarono al caseificio per farlo presente al titolare, che di corsa ritirò i prodotti per sostituirli con altri, elargendo anche qualche alimento in più con una certa preoccupazione. Avremmo potuto segnalare la cosa a chi di competenza, mandare dei controlli. Cosa si sarebbe scoperto?

Ancora oggi mi domandi cosa avviene veramente all’interno dei caseifici. Quale latte viene utilizzato? Vengono rispettate tutte le regole igienico sanitarie?

Come mai una mozzarella arriva ad essere spugnosa o addirittura a colorarsi di pigmento rosso?

Ciò che mi sento di dirvi è di non acquistare alimenti di origine animale, sia per la vostra salute, sia (soprattutto) per la salute e la vita degli animali costretti a produrre continuamente secrezioni corporee per far ingrassare il portafogli di chi le schiavizza. Femmine ridotte a macchinari a quattro zampe, obbligate a subire violenza fisica mediante inseminazione artificiale. Assoggettate e subordinate alla volontà di esseri umani (umani?) che ne arbitrano vita e morte come se l’altrui esistenza fosse di loro proprietà.

I formaggi sono alimenti innaturali (vengono preparati con secrezione mammaria di mammiferi di specie diversa dalla nostra) di cui non abbiamo bisogno.

Da circa 10 anni non consumo più latte né latticini e, come tantissime persone che hanno intrapreso il mio stesso percorso etico-alimentare, il mio organismo si è liberato di un alimento che non apportava benefici. Anzi.

Nel frattempo, se qualcuno esperto in alimenti volesse fornirci informazioni in merito può lasciare un commento a questo post.

Al prossimo articolo.

Carmen

°°Aumentano le Vendite delle Bevande Vegetali: il business del Latte perde Miliardi°°

Le alternative vegetali al latte stanno riscuotendo enorme successo in tutto il mondo, lo riporta la rivista Forbes in un articolo pubblicato lo scorso 19 Agosto 2019.

In Inghilterra il 25% della popolazione durante gli acquisti mette nel carrello bevande vegetali. Scelta principalmente messa in atto da giovani dai 16 ai 24 anni.

E mentre le vendite delle alternative vegetali aumentano ovunque (tanto da spingere aziende storiche a rimboccarsi le maniche adattandosi alle richieste), l’industria lattiero-casearia subisce gravi colpi: si parla di una perdita di un miliardo di dollari nel solo anno 2017.

È un dato statistico: ogni nuova generazione beve meno latte di quella precedente.

Il motivo? Un cambio netto delle preferenze dei consumatori. Un numero crescente di persone preferisce il sapore del latte vegetale a quello di derivazione animale. Ma non solo. Anche etica e nutrizione giocano un ruolo importante.

Recenti studi hanno infatti dimostrato come il latte possa indebolire le ossa anziché fortificarle come tanto proclamato per decenni da pubblicità e medici.

In Italia, ricordiamolo, la campagna “più latte fresco” promossa dal Ministero delle Politiche Agricole è stata segnalata dalla LAV e fatta ritirare dall’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria poiché “il latte non è indispensabile per la salute umana”, come invece proclamava il messaggio diffuso dai testimonial Cracco, Calabrese, Parodi & co.

L’Harvard University T. Chan School of Public Health ha reso noto che il latte può causare cancro alle ovaie e alla prostata. L’alto contenuto di grassi saturi può aumentare il livello di colesterolo cattivo (LDL) portando le persone al rischio di ammalarsi.

Oltre per motivi di salute, in moltissimi scelgono le bevande vegetali poiché prive di lattosio e contenenti meno calorie.

E questo è un bene per i tanti, troppi animali allevati e ridotti a macchinari viventi di produzione latte. Creature private della libertà di esistere autonomamente e sfruttate fino alla morte in mattatoio.

Il latte vaccino? Fa benissimo al nostro organismo, ma solo se siamo vitelli.

Carmen Luciano

°°Biancovivo: il distributore di yogurt con la finta mammella animale da “mungere”°°

Si sa, all’antropocentrismo specista non c’è ancora fine, e quando esso entra in contatto e si fonde con il pessimo gusto il risultato è qualcosa di sconcertante.

Mi è stata segnalata qualche giorno fa la presenza di un distributore “particolare” presente ormai in molti luoghi pubblici, tra cui centri commerciali e sale cinematografiche UCI CINEMAS. 

Il distributore in questione, che si prefigge di dispensare yogurt fresco a chi ne voglia far consumo, fra i diversi step per la preparazione dell’alimento accoglie la riproduzione di una mammella da vacca. E l’invito, dopo aver preso la vaschetta, è inequivocabile: “mungi lo yogurt“.

Un intero organismo, quello delle vacche, ristretto, riassunto e ridotto ad un unico dettaglio: la ghiandola mammaria. Simbolo di sfruttamento, simbolo di sofferenza, violenza e morte.

Poco importa se il genere umano non abbia ancora riconosciuto universalmente gli stessi diritti per ogni specie: questo è un vero in insulto. Un insulto grave.

Con quanta leggerezza viene esibita la crudeltà? Con quanta leggerezza viene mostrata la schiavitù animale? Come possiamo trovare tutto ciò “normale”?

Siamo un paese ancora (purtroppo) bigotto dove le donne umane devono quasi nascondersi se vogliono allattare al proprio seno i loro figli: come può turbare la visione di un seno umano e non destare nessun tipo di imbarazzo quello animale adibito come “erogatore” di un alimento che da specie specifico è per natura destinato ai soli vitellini?

Le mucche con i loro seni gonfi, spinte negli allvamenti anche a quintuplicare la produzione di secrezione mammaria, da fin troppo tempo allattano indirettamente umani cresciuti e svezzati, ma non abbastanza “grandi” da capire che togliere l’alimento primario a milioni di cuccioli neonati in nome del proprio egoismo e della propria gola è un atto vile.

Queste femmine rinchiuse in stalle in compagnia di altre schiave vengono ingravidate con la forza e costrette a partorire cuccioli con i quali non si ricongiugeranno mai più, se non per caso, da morti, in un panino: i vitellini vengono spediti presto al macello, o ammazzati. Le madri, dopo anni di parti e di mungoture, vengono macellate per diventare carne di seconda scelta. Una fine orribile. Uno smontaggio paurosamente vergognoso.

La maternità e il delicato rapporto madre-figlio totalmente calpestati dall’uomo.

Non sono riuscita ancora a capire chi abbia potuto mai partorire una simile trovata commerciale e chiamarla “Biancovivo”. Ma sono intenzionata a risalire a chi li colloca nei luoghi pubblici. Il bianco sarà pure vivo, ma la dignità e il rispetto per le altre forme di vita sono morte da un pezzo per gli ideatori.

Invito tutti voi lettori a non acquistare alcunché da questo vergognoso distributore e a scrivere ai centri commerciali e ai luoghi pubblici dove è esposto una mail in segno di dissenso.

Mail tipo:

“Gentile Centro, ho notato con molto dispiacere che all’interno dei vostri spazi è stato collocato un distributore chiamato “Biancovivo” per la vendita di yogurt. Scrivo questa mail per esternarvi il mio dissenso. Il distributore, avente erogatore a forma di mammella di vacca, è veramente di pessimo gusto. Credo che un locale come il vostro non debba cadere così in basso nel decoro. Vi informo che non acquisterò mai un prodotto da un distributore dove il corpo animale viene mercificato e reso oggetto, e che preferirò locali dove tale scempio visivo non è presente”

Nome, Cognome, Città

Da inviare anche ai Cinema UCI cliccando QUI. 

Grazie a chi deciderà di dare voce a chi non si può difendere.

– Carmen. 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: