Archivi Blog

°°[Segnalazioni] Mozzarella di Bufala dal Colore Anomalo”°°

Qualche giorno fa sulla mia pagina Facebook Think Green • Live Vegan • Love Animals ho ricevuto una segnalazione da parte di una ragazza, Martina T., che ha voluto segnalarmi un fatto alquanto strano.

La ragazza, da tempo vegana, a cena con il fidanzato ha assistito all’apertura di una confezione di mozzarella di bufala. L’alimento, raffigurato di colore bianco candido accanto a un pomodorino e del basilico sull’immagine rappresentativa, è risultato essere però di colore rossastro.

Martina mi ha spiegato che il ragazzo aveva deciso di consumare la mozzarella il giorno prima della scadenza riportata sull’involucro (indicata per l’11 giugno 2020). Di regola un alimento ben conservato il giorno prima della data di scadenza non dovrebbe avere inferiore qualità. Entrambi sono rimasti quindi sbalorditi dal vedere l’alimento di quel colore così strano.

“Cosa può essere?? Sai come posso agire? Non riesco a trovare un numero di telefono dell’azienda, chi posso contattare?” mi ha chiesto la ragazza, che intanto ha allegato al messaggio altre foto.

Questo fatto mi ha riportato alla mente un aneddoto simile successo svariati anni fa anche alla mia famiglia. Presso un caseificio in Campania (ah, la Campania! Terra dove i caseifici sorgono come funghi ma di vacche e bufale libere al pascolo nemmeno l’ombra) i miei genitori comprarono delle mozzarelle di bufala. Una volta aperta una confezione si scoprì che l’alimento era spugnoso. Sembravano spugna di mare piene di “bolle” all’interno. Così i miei tornarono al caseificio per farlo presente al titolare, che di corsa ritirò i prodotti per sostituirli con altri, elargendo anche qualche alimento in più con una certa preoccupazione. Avremmo potuto segnalare la cosa a chi di competenza, mandare dei controlli. Cosa si sarebbe scoperto?

Ancora oggi mi domandi cosa avviene veramente all’interno dei caseifici. Quale latte viene utilizzato? Vengono rispettate tutte le regole igienico sanitarie?

Come mai una mozzarella arriva ad essere spugnosa o addirittura a colorarsi di pigmento rosso?

Ciò che mi sento di dirvi è di non acquistare alimenti di origine animale, sia per la vostra salute, sia (soprattutto) per la salute e la vita degli animali costretti a produrre continuamente secrezioni corporee per far ingrassare il portafogli di chi le schiavizza. Femmine ridotte a macchinari a quattro zampe, obbligate a subire violenza fisica mediante inseminazione artificiale. Assoggettate e subordinate alla volontà di esseri umani (umani?) che ne arbitrano vita e morte come se l’altrui esistenza fosse di loro proprietà.

I formaggi sono alimenti innaturali (vengono preparati con secrezione mammaria di mammiferi di specie diversa dalla nostra) di cui non abbiamo bisogno.

Da circa 10 anni non consumo più latte né latticini e, come tantissime persone che hanno intrapreso il mio stesso percorso etico-alimentare, il mio organismo si è liberato di un alimento che non apportava benefici. Anzi.

Nel frattempo, se qualcuno esperto in alimenti volesse fornirci informazioni in merito può lasciare un commento a questo post.

Al prossimo articolo.

Carmen

°°[Segnalazione] Olio di Pesce nei Cereali Vegetariani°°

Cari e care followers, stamattina ho ricevuto una segnalazione da parte di Mary che riguarda un’imprecisione molto grave trovata in un alimento.

Si tratta dei cereali da colazione “CerealVit“, con più precisione “Nutrimix“.

<<Buongiorno Carmen, ho acquistato una confezione di cereali per la prima colazione Nutrimix, a marchio Cerealvit, e mi sono accorta che, nonostante l’etichetta di prodotto “vegetariano”, tra gli ingredienti compare l’olio di pesce raffinato (persino in grassetto)! Ti allego le foto (scusa per la bassa qualità). Te lo segnalo perché, conoscendo la tua sensibilità e attenzione in materia, magari reputi opportuno condividerlo>>.

L’alimento biologico, come vi mostro attraverso le foto inviate da Mary, è stato indicato in confezione come “vegetariano” ma purtroppo grazie all’olio di pesce per la vitamina Omega3 non lo è.

Ricordiamo a tutti, in special modo a Cerealvit, che l’alimentazione vegetariana esclude ingredienti animali ma accetta quelli di origine animale (solo latte, uova, miele). 

Un errore dunque da correggere, magari scegliendo come fonte di Omega3 l’olio di semi di lino, altrettanto buono e che con la sua presenza renderebbe davvero il prodotto vegetariano.

Ringrazio Mary per la segnalazione (che verrà inoltrata all’azienda) e vi invito sempre a controllare bene le etichette prima di fare acquisti 🙂 

°° Bari : Animali Abbandonati Presi a Sassate Nel Parco 2 Giugno °°

Quanto state per leggere è frutto di una segnalazione fatta al mio blog da parte di una lettrice, esausta nel vedere una situazione davvero triste dove le vittime sono piccoli animali.

Stando al racconto della segnalante, nel parco “2 Giugno” nella città di Bari sono presenti papere, pesci e tartarughe. Gli animali vivono li da tempo e ogni giorno sono circondati da persone.
Purtroppo l’inciviltà di alcuni frequentatori si è spinta ben oltre il lasciare a terra i rifiuti: soprattutto le oche e le tartarughe sarebbero vittime di violenza. Alcuni bambini e ragazzini infatti, racconta la donna, si divertono a lanciare sassi a questi animali che vengono colpiti sul loro corpo.

<<  Il Parco 2 Giugno è nato per commemorare la festa della Repubblica Italiana.
Fino a circa 20 anni fa ha avuto pesci, papere e tartarughe ma poiché la papere venivano rapite e mangiate oppure uccise crudelmente, il Comune decise di togliere ogni animale dallo stagno. In seguito i baresi , con le varie fiere e mercatini, stanchi dei pesci rossi e delle tartarughe vinti o acquistati per i figli, hanno ripopolato questo parco lasciandoli liberi li. Gli animali sono costretti a nuotare tra mucillagine e immondizia varia. Le piante sono ben curate, ma le acque dello stagno no.
Nelle foto da me scattate si possono vedere due papere, comparse un mesetto fa, molto piccole.
Oggi una signora mi ha detto che chi le ha abbandonate sosteneva di averlo fatto per il loro bene, perché << quello è il loro posto>> .
La papera marrone ha una zampa ferita ( se n’è accorto ieri il mio compagno mentre dei ragazzino la stavano ammazzando di sassate nel laghetto), è molto spaventa ed oggetto di scherno continuo.
Ieri ho provato a prenderla per due ore con il mio compagno, ma non ce l’abbiamo fatta perché si rifugia nell’acqua. Anche oggi stessa cosa.
A distanza di un giorno la situazione della sua zampa sembra peggiorata, perchè nuota nell’acqua tenendola più fuori che può.
Alle tartarughe non va decisamente meglio: la gente gli lancia i sassi per distruggergli il guscio.
Ho chiamato la Forestale, la Municipale, l‘Osservatorio Faunistico di Bitetto (specializzato in volatili), ma tutti hanno risposto con un secco “Non è di nostra competenza”.
Il WWF non risponde. Non so più che fare. >>

SDC11968

SDC11961

SDC11970

Chiediamo che questi animali vengano tutelati dal Comune attraverso controlli al parco, o in alternativa, che vengano fatti adottare da chi può prendersene cura per evitare che i cittadini incivili possano fargli del male.

Scriviamo una mail al Comune di Bari affinchè provveda al più presto.
→  urp@comune.bari.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: