Annunci

°°Castelnuovo: Scrivono “Pranzo Vegano” ma il Menu è a Base di Animali Morti°°

Baita degli Alpini – Castelnuovo (VR). Un circolo ricreativo sportivo decide di organizzare un pranzo aperto al pubblico fissando la data per il mese di novembre. “PRANZO VEGANO“, scrivono sul piccolo manifesto, ma poco più in basso spunta la sorpresa. Nel menù sono presenti tutte pietanze realizzate con ingredienti animali: carne lessa, cotechino, addirittura lingua. 

L’ossimoro visivo, forse voluto per ironizzare (che originali!), in un primo momento può apparire una goliardata. Ma i numerosi locali realmente esistenti nella zona sopra citata, e indicati come punti dove poter pagare la caparra della cena, conferiscono all’evento stesso veridicità.

La locandina dell’evento ha fatto il giro del web. Di condivisione in condivisione ha raggiunto anche la mia home sul social network facebook. 

Ho provato a contattare telefonicamente il circolo per chiedere come mai tale scelta, ma al momento non ha risposto nessuno.

So perfettamente che sassolini lanciati nascondendo la mano come questi servono solo a catturare attenzione, a fingere di fare i gradassi davanti a qualcosa di serio, a cercare di essere simpatici (?) per sdrammatizzare le proprie abitudini alimentari. 

Ma qui, e in tanti altri casi, l’attenzione deve essere focalizzata sul gesto stesso. 

Perché scrivere “Pranzo Vegano” se il menu contiene animali macellati? Dovrebbe far ridere? È divertente? 

Perché non si è optato come titolo per “Pranzo Etico”? “Pranzo Ecologico”? Oppure “Pranzo Ambientalista”? 

La risposta è semplice: perché si perde di vista, sempre, il fulcro della motivazione vegan, cioè gli animali

Quegli animali costretti a nascere per servire. Per dare ogni cosa di sé: forza fisica, sangue, ossa, pelle.

Sono loro quelli a cui si fa un torto mettendoli in un piatto, non a chi ha deciso di smettere di mangiarli. Le persone vegane fanno da portavoce per i diritti dei soppressi, visto che nessuno da loro modo di potersi difendere. Non è una battaglia bianchi contro neri, in cui un gruppo deve vincere sull’altro. Qui si parla di rispetto per l’esistenza di ciascun individuo, che viene prima delle preferenze alimentari. Si parla di informazione e consapevolezza. Fino a quando continueremo ad uccidere gli animali saremo tutti sconfitti. È una sconfitta enorme infatti, per il genere umano, vivere a discapito degli altri, chiunque essi siano. Quando si fa del “morte tua vita mia” uno stile di vita si diventa persone socialmente incapaci di coesistere. Ed individui che pensano solo e soltato a sé hanno ben poco da insegnare alle nuove generazioni.

Non c’è niente di divertente nel fare ironia su chi ha deciso di voltare le spalle ad un sistema che si basa su sfruttamento e massacro. Non c’è niente da ridere su scelte così controcorrente che si arriva a far proprie in nome del progresso della nostra stessa specie. Più che ridere, qui rimane solo da restare amareggiati nel vedere coi propri occhi come degli esseri umani arrivino a schernire altri che cercano di fare qualcosa in cui loro falliscono. 

Perché cambiare se stessi è più difficile del cambiare il mondo intero. 

Invito gli organizzatori ad immedesimarsi nelle esistenze fatte a pezzi e inserite in questo “menu vegano”. Non si sa mai qualcuno riesca, in qualche modo, a comprendere che uccidere è sbagliato. 

Annunci

Informazioni su Carmen Luciano

Hai trovato i miei articoli interessanti? Ricevili direttamente via email sottoscrivendo al mio blog Think Green Live Vegan Love Animals ! ^-^

Pubblicato il 21 ottobre 2017, in ° altro.. ° con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

  1. L’imbecillità deve pur uscire da qualche buco.

  2. Dal nome del ristorante che ha organizzato il pranzo se ne capisce chiaramente la “filosofia”. Viene spontaneo pensare che i promotori puntassero a un certo tipo di clientela, e a fare inca**are i “vegani”;
    e molto probabilmente avevano previsto che qualcuno di loro ne avrebbe parlato nei blog o su Facebook, notoriamente pullulanti di troll e co***oni, che avrebbero contribuito non poco, con la loro attività, a rafforzare il messaggio e ad attirare ancora più gente.
    Di certo con questi post non si guarisce la “spiritosaggine” di certi individui, e non si salva alcun animale, neanche se si volesse organizzare una protesta o meglio ancora una denuncia di massa per “insulto” ai “vegani”…

    • Certo, ma almeno non si rimane in silenzio.

      • E’ vero, però, al di là del contenuto informativo del post, mi chiedo a chi e a cosa possa servire…
        Ognuna delle due categorie (“vegani” e “onnivori”) è convinta delle proprie idee, e difficilmente le cambierebbe. Un “vegano” non parteciperebbe mai ad un pranzo organizzato da un “Pasta & Ciccia” neanche se venisse spacciato per “vegano”…
        E un “onnivoro” che arriva ad architettare una presa in giro simile dubito che possa empatizzare con un animale che sta per essere macellato…

        Il mio era un commento da persona “realistica” e disillusa che non capisce da dove tu tragga tutta quella fiducia nelle persone…

      • Certo che ho fiducia nelle persone, altrimenti non terrei in piedi questo blog. Le cose possono cambiare e ti garantisco che cambiano.

Lascia un commento :)

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: