Annunci

°°Finti Pellegrini Alternativi e Subordinazione Animale°°

A piedi e con un mulo sul quale sedersi o collocare i propri beni da trasportare: sembra la descrizione di uno dei personaggi di The Canterbury Tales di Geoffrey Chaucer, e invece è una persona del XXI secolo, forse nostalgica del periodo medievale.

Finti alternativi incapaci di far fronte da soli alle proprie necessità.

Il ritorno alla moda dei pellegrinaggi in stile “Cammino di Santiago di Compostella” mette in risalto come quasi un millennio di storia (evoluzione di usi, costumi e pensiero) sia sostanzialmente vana davanti all’antropocentrismo, unito alla tendenza della nostra specie di subordinare tutte le altre. In base alle necessità.

“È una bellissima esperienza in cui uomo-animale si relazionano, entrando in simbiosi” ho visto scrivere qualcuno in risposta a critiche sull’etica del trascinarsi dietro un asino per il viaggio.

Simbiosi? Quale simbiosi? La simbiosi può nascere quando due individui, senzienti e consenzienti, decidono in egual modo di condividere qualcosa insieme. Scatta istintiva. In questo caso ad uno dei due non è dato scegliere. Deve solo obbedire, e l’obbedienza non è simbiosi.

Inoltre come si può definirla bellissima esperienza? Per chi? Forse per colui, o colei, che viaggia con la schiena alleggerita dal peso dei bagagli, egoisticamente collocati su quella dell’altro, solo perché ha quattro zampe. Se invece scodinzola, è esonerato dal facchinaggio. Questione di gerarchie interspecie.

Meglio usato per due bagagli che allevato e macellato” ha esternato qualcun altro.

Un classico. Come se le opzioni fossero solo due: o il l’impiego per la forza fisica (e per il trasporto) o per fini alimentari. Aut aut. Guai a sforzarsi un po’ per riflettere e giungere alla terza, incomoda opzione: libero di vivere la sua vita senza obblighi. Perché no? Non basta forse ai muli il fatto che essi siano stati creati, voluti dall’uomo con incroci su incroci pur di ottenere caratteristiche fisiche ideali per il loro sfruttamento?

Chissà quando, e se, l’idea di rispetto universale riuscirà a diventare propria di ciascun umano presente sulla terra. Chissà se impareremo ad accettare la realtà dei fatti, ossia che gli animali sono presenti al mondo non per servirci ma per fare le proprie esperienze, come tutti gli esseri viventi.

Per adesso, continuiamo ad avere fra noi individui scorretti che si avvalgono del diritto di calpestare i diritti altrui, di manipolarne l’esistenza. Con la forza, con l’imposizione, che possono assumere anche la forma di briglie e portapacchi. O di pacchi pesanti.

Il cammino più importante da intraprendere resta però quello evolutivo, dove l’unico bagaglio a noi necessario è di tipo culturale e d’esperienza. E non c’è nemmeno bisogno di farlo trasportare da un mulo.

Annunci

Informazioni su Carmen Luciano

Hai trovato i miei articoli interessanti? Ricevili direttamente via email sottoscrivendo al mio blog Think Green Live Vegan Love Animals ! ^-^

Pubblicato il 17 marzo 2018, in ° Critiche ° con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

  1. Parole e pensieri che dal punto di vista etico non fanno una grinza. Come sempre.
    Ho notato che è tornata di moda una specie di New-New-Age e, guarda caso, a non usufruirne sono gli animali. Comunque la giri, molte… troppe scelte di vita umane sono incentrate su un modus che non rispetta il diverso da sé. Anche in questo caso a spuntarla è il solito antropocentrismo più becero.
    Non posso che essere d’accordo con te, Carmen cara.

  2. Io viaggio spesso in giro per il mondo e sto fuori mesi vivendo come capita ma…lo zainetto e la tenda me li carico sempre e solo sulle mie spalle… Le nostre passioni non possono essere addossate agli altri esseri viventi che hanno il diritto a vivere la loro di vita, come vogliono..non a servizio dell’uomo.

  3. L ho visto pure io l altra mattina e mi ha fatto uno sdegno.. cavolo se parti per la francigena a piedi non ti portare dietro mezza casa, ti prendi il minimo e te lo carichi sulle tue spalle!! Sei tu a voler fare il pellegrino, tuo il fardello dei bagagli!

Lascia un commento :)

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: