Archivi Blog

°° Fucecchio – Casagiardino degli Orrori : Animali da Macello Tra Rifiuti e Teschi °°

Come accennato nell’articolo pubblicato ieri, in mattinata mi sono recata in località
“Vedute” nel comune di Fucecchio (FI), in compagnia della segnalante B.B , per vedere di persona le condizioni degli animali detenuti in uno stato di degrado.
Mi era stato detto che in uan proprietà privata visibile dalla strada c’erano una mucca e un vitellino sotto la pioggia, legati a una catena.

La scena che mi si è presentata è stata dir poco orribile.

Quello che un tempo era un fantastico negozio di articoli da giardino che dava sulla via che collega Fucecchio ad Altopascio (PT) è oggi un luogo fatiscente.
Di ” Casagiardino Le Vedute ” rimangono solo gli articoli invenduti lasciati a terra e nel fango, in quello che anni fa era un bel giardino d’esposizione.
Colpa forse della crisi, delle troppe tasse e della difficoltà di andare avanti l’attività ha chiuso i battenti, e chi ne era al capo è rimasto da solo e in condizioni precarie.

casagiardino1casagiardino2

casagiardino8

Quasi tutti i vicini sarebbero a conoscenza che l’anziano proprietario, ultraottantenne, stia vivendo senza acqua , luce e riscaldamento in casa da molto tempo.

I disagi che l’uomo condivide insieme al figlio, incontrato stamattina, si ripercuotono purtroppo anche sugli animali di loro proprietà: galline, oche, la mucca, il vitellino e alcuni maiali.

<< Ho detto al signore che gliele vende di non dargliene più. L’ultima volta ne ha comprate trenta e per natale non ne era rimasta nemmeno una >> ci ha spiegato il figlio dell’anziano guardando le galline intente a razzolare nel fango tra i teschi di animali.
<< Qui dietro c’è un bosco e ci sono le volpi. Mio padre è un po all’antica >> ha poi aggiunto.

casagiardino6

Sia la mucca che il vitellino ( per fortuna messi al riparo dalla pioggia nella giornata di ieri, grazie all’aiuto di persone intervenute ) sarebbero tenute alla catena per evitare che vadano in giro << a distruggere gli oggetti >>.

Avremmo voluto vederli sia io che la segnalante, ma purtroppo l’uomo era di fretta e l’anziano padre non era presente per mostrarceli.

Andato via in auto sono rimasta fuori dalla proprietà ad osservare  e a riflettere su quanto stavano guardando i miei occhi. Un incubo.

Per quanto possano essere alimentate le galline e le oche, rimane il fatto che il luogo in cui si trovano non lo reputo assolutamente idoneo.
La scena poi delle galline arrampicate con le zampe sui teschi, forse di capre ,intente a beccare il grano buttato sul piazzale e sul fango tra i rifiuti mi ha dato i brividi.

A quanto pare, i resti ossei gettati a terra apparterrebbero ad animali già fatti macellare dall’anziano. Le teste sarebbero state date in pasto al cane, che stamattina non ho potuto vedere poichè tenuto in una cuccia distante.

casagiardino4.jpg

Tutti gli animali detenuti in queste condizioni sarebbero dunque destinati al macello.
I prossimi a perdere la vita potrebbero essere proprio i maiali e il vitellino.

Una fine davvero orribile che per me, vegana e rispettosa di ogni forma di vita presente al mondo, è assolutamente inaccettabile.

Tralasciando l’aspetto etico purtroppo non ancora condiviso da chi vede negli animali solo del cibo, rimane quello igienico-sanitario.

Perchè un uomo che ha perso il lavoro deve vivere sacrificato così?
Com’è possibile che nessuno ancora sia intervenuto?
Perchè a pagarne le conseguenze devono essere anche gli animali?
Dove vengono macellati gli animali?
Chi macella gli animali che l’anziano detiene, è a conoscenza delle condizioni in cui riversano durante il loro allevamento?
E soprattutto, domanda più importante, dov’è l’azienda sanitaria Usl 11 quando ce n’è il bisogno?

Per quanto riguarda gli animali, farò tutto il possibile affinchè qualcuna delle associazioni animaliste intervenga per salvarli tutti , dal primo all’ultimo.
Non voglio nemmeno immaginare che quegli occhi che ho incrociato si chiudano per sempre.

Per l’anziano signore, spero davvero che possa essere aiutato, volente o nolente, da vicini di casa e dagli assistenti sociali.

Non si può lasciare sola una persona che ha bisogno di aiuto, non si può rimanere indifferenti.
E’ il momento di trovare una soluzione per il riportare il benessere a tutti, umani e animali.

°° Fucecchio (FI) – Mucca e Vitellino legati tra i Rifiuti °°

Una mucca e un vitellino lasciati legati sotto la pioggia, tra i rifiuti.
Succede a Fucecchio (FI), precisamente in località  ” Le Vedute “.
Percorrendo la strada principale che porta ad Altopascio , tra le case di campagna, si può tranquillamente vedere i due animali posti dietro un recinto e all’interno di un luogo fatiscente pieno di oggetti buttati.
Senza nessun tipo di riparo, con le zampe sporche di fango e legati a una catena.

le vedute3

A segnalarne la precaria condizione  è stata una ragazza, B. B. , che stamattina mi ha telefonato per mettermi al corrente di questo incresciosa realtà.
La ragazza già sul suo profilo Facebook aveva denunciato il fatto, pubblicando foto-testimonianza per condividerle con i propri contatti e cercare aiuto.

Stando a quanto raccontato gli animali sarebbero di proprietà di un anziano residente, anch’egli lasciato senza nessuno che se ne prenda cura.
La solitudine vissuta in prima persona avrebbe portato l’uomo a non prendersi più cura degli animali ( incluso un cane e svariate galline ).

le vedute 1

Sia il comune che i vigili urbani di Fucecchio sarebbero stati messi al corrente.
Tarderebbe a sopraggiungere sul luogo l’azienda Usl n.11 di zona.
Sembra che nessuno riesca a trovare una soluzione per togliere da li gli animali, che nel frattempo diventano vistosamente sempre più magri.
L’anziano proprietario , inoltre, sarebbe restio a cederli a qualcuno che potrebbe occuparsene.

le vedute

E’ veramente vergognoso lo stato d’abbandono che stanno vivendo questi animali.
Inaccettabile.
Non hanno la possibilità di muoversi, sono denutriti, sporchi, bagnati dalla pioggia e infreddoliti dal vento gelido che sta soffiando nella provincia.

Invito chi di competenza ad intervenire al più presto affinchè mucca, vitellino, cane e galline vengano affidati a chi potrà assicurargli una condizione di vita idonea.
Invito anche gli assistenti sociali ad intervenire per supportare l’anziano rimasto solo.

Nella giornata di domani cercherò di recarmi sul luogo e mi attiverò il più possibile per aiutare queste povere creature dimenticate.

[ notizia in aggiornamento ]

°° Abbandoni in Puglia – La Protesta di una Lettrice: La Situazione è Insostenibile, nemmeno l’Enpa ci Aiuta °°

Mi è giunta via mail da parte di una lettrice il seguente messaggio che sto per mostrarvi.
E’ una richiesta di aiuto ma anche una critica riguardo al tema del randagismo animale in Puglia.
Nemmeno le associazioni di protezione animale del luogo intervengono o cercano di offrire aiuto.

” Mi trovo a scrivere questa pagina perchè sono stanca,stufa e amareggiata…

Vivo in un paesino Pugliese che d’estate fa nemmeno mille abitanti,d’inverno inizia a nevicare e le case si svuotano: rimaniamo si e no in 20 famiglie. Paesino di passaggio,sull’unica via statale di grande circolazione….
Perchè questo prologo? Perchè non è di passaggio solo per turisti o pendolari: è di passaggio anche per le bestie umane che scaricano cucciolate di cani e gatti e se ne vanno, lavandosi la coscienza.
Perchè qua il cane serve solo nelle campagne, per portare le mandrie e i greggi,non è un compagno di vita, e i cuccioli nati per caso non li vogliono, troppi soldi in mangiare (se gliene danno) e troppo tempo perso invece di lavorare.

Dall’estate ad oggi si sono popolati i boschetti qua in torno.
Siamo ormai a 30 randagi, 30 randagi per un paesino di 150 case
Ho tolto il mio Black e il mio Stitch dalla strada,trovati entrambi di 2 mesi morenti buttati sul ciglio della strada.
Ci ho speso tempo, soldi per le cure.. ma adesso sono gli amori della mia vita.
Ho tolto dalla strada anche Bella (che tra poco diventerà Xara perchè verrà adottata), attualmente in stallo da me.
Tutti felici e contenti in 50 mq di appartamento.
Pur non avendo io uno stipendio fisso preferisco spenderlo per il loro benessere.
Ma non basta.
Pochi giorni fa mentre passeggiavo ho visto smuovere delle foglie secche intorno ad un sacco della spazzatura.
Dopo un paio di sbrani al sacchetto sono spuntati fuori due batuffoli:
un maschietto (Teddy) e una femminuccia (Alice) pieni di pulci e di macchie di rogna.
Ogni giorno porto loro da mangiare non potendoli tenere con la paura che infettino gli altri  3 cani  (recidivi alla rogna).
Stamattina alle 7, a mie spese, li ho portati dal veterinario comunale per il trattamento anti-rogna e antiparassitario.

Ho chiesto aiuto tramite un appello all’Enpa per la diffusione delle foto dei cuccioli e facilitarne l’adozione,e la risposta dell’associazione ( senza sapere la situazione in cui riverso : 2 cani miei, uno stallo, i due cucciolini nuovi e 20 euro nel portafoglio)
è stata che “ loro sono in pochi volontari, che si fanno il mazzo per le adozioni e che si accollano le cure”.

Mi chiedo, perchè io che sto facendo di diverso ??

Questa mia lettera la invio non per fare la vittima o per chiedere soldi, no..
lo faccio esclusivamente per amore degli animali, perchè io, ragazza senza iscrizione a una qualsivoglia associazione di volontariato, mi devo ritrovare a fare la buona samaritana quando enti che hanno l’obbligo almeno di raccogliere informazioni e procedere al recupero di situazioni di emergenza
(o almeno un consiglio!!!) mi mollano senza neanche troppi complimenti.

So benissimo che dove vivo è una zona infame per la cura e l’amore degli animali, ci abito e non sono cieca.
Però il menefreghismo e la superiorità come questo mi lascia amareggiata,visto e lo sottolineo, lo faccio per amore,semplice amore per gli animali…
Sono i toni che mi danno fastidio, perchè non è colpa mia se abbandonano in media 3 cani al mese solo nel mio paesino.
Non è colpa mia se al momento sto facendo sacrifici per farli stare tutti bene. Non essendo iscritta a un’associazione non ho voce in capitolo per farmi sentire dalla gente
(quando poi al  Sig. Tizio o al signor Caio,che fanno dell’apparente volontariato, il comune rimborsa spese per il cibo e le cure dei randagi.
Quale cibo e quali cure,poi non si sa)…
Cosa devo fare?
Questa è la mia domanda.
Cercate volontari?
Perfetto, mi iscrivo come volontaria. Vi aiuto a fare staffette puglia-nord italia, qualsiasi cosa…ma non potete trattarmi con superficialità, perchè a questo punto mi viene da pensare che per voi sia più un passatempo che un’azione fatta con vero amore….

Ripeto, non voglio fare la vittima, voglio soltanto una risposta chiara da ciò che voi chiamate ENTE NAZIONALE (non piemontese,né veneto,né marchigiano: NAZIONALE !!!) PROTEZIONE ANIMALI , perchè sono stanca di elemosinare aiuti a chi dice di aiutare senza poi riceverne in aggiunta a risposte inacidite.

Continuo ad amare più i sentimenti veri degli animali, che le cattiverie insensate degli umani .
G.

cuccioli abbandonati
[ foto: i due cuccioli abbandonati ]

Oltre all’abbandono degli animali si nota anche un abbandono totale delle persone che, a differenza di altre, cercano di fare qualcosa per i randagi.

Rimango in attesa di un riscontro da parte della sezione Enpa sopra citata e chiedo gentilmente a chi abita in Puglia di aiutare questa ragazza che sta cercando in tutti i modi di riparare danni fatti da altri animali.

Chiunque possa aiutarla mi contatti: sbarellababy_animals@hotmail.it
Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: