Archivi Blog

°°[Review] Rasoio In Bambù Riutilizzabile°°

Ciao!
In questo articolo vi parlo di un acquisto fatto l’anno scorso, periodo in cui ho iniziato a porre maggiore attenzione sull’impatto ambientale delle mie scelte.

Si tratta di un rasoio in bambù che è andato a sostituire quelli usa e getta in plastica che avevo. Potrebbe sembrare da stereotipo un accessorio “da uomo” e basta, invece non è così. Per radersi velocemente quando non si ha tempo di depilarsi con metodi alternativi è perfetto per la pelle di chiunque!

Fra tanti marchi che si possono trovare in vendita ho scelto BamBaw: di questo brand avevo già il set di posate in bambù e mi ero trovata molto bene, per questo mi sono fidata. E non ho sbagliato 😉

Ho acquistato il rasoio online al costo di circa 16 euro ed è arrivato a casa custodito in una scatolina di cartone con tutte le informazioni sopra riportate. L’impugnatura è in legno di bambù, solida e resistente.
Essendo un materiale naturale, ogni rasoio è diverso nelle venature lignee.
La base è metallica esattamente come la testina.
Sebbene nelle informazioni di vendita fosse scritto che era sprovvisto di lama (infatti ne ho comprate svariate platino a marchio Astra), in realtà all’interno della confezione ne ho trovata una.

Dimenticate la leggerezza dei rasoi usa e getta in plastica: questo in bambù è decisamente più pesante, ma ciò che conta è il suo essere leggero a livello ambientale e il modo deciso in cui asporta dalla pelle i peli.

Per inserire la lama basta svitare la testina.
Prima di procedere alla depilazione è necessario distendere sulla zona una lozione o semplicemente del sapone per fare in modo che la lama scivoli senza attrito.
Essendo un rasoio di sicurezza bastano i giusti accorgimenti per utilizzarlo senza causarsi taglietti.

Personalmente l’ho utilizzato molto in estate sulle gambe e sotto le braccia. Se lo si impugna bene seguendo la linea del corpo lascia la pelle pulita.

Ma adesso parliamo degli aspetti ecologici: avere un solo rasoio, anziché usarne infiniti usa e getta nell’arco della propria vita, aiuta a diminuire il numero di rifiuti che si producono. I rasoi in plastica con lame in metallo che si trovano in vendita in qualsiasi supermercato non sono riciclabili. Andrebbero smontati componente per componente, ma dubito anche anche così sezionati possano essere recuperati come materia di riutilizzo.

Che anche un piccolo pezzetto di plastica possa essere un pericolo per la natura e i suoi abitanti lo dimostra questa foto scattata dal Gumbo Nature Center: una tartaruga è deceduta a causa della plastica ingerita. All’interno del suo organismo sono stati trovati ben 140 frammenti plastici.


Image: © City of Boca Raton, Gumbo Limbo Nature Center


Il rasoio in bambù come unico rifiuto genera la lama in metallo dopo svariati utilizzi. I metalli possono tranquillamente essere recuperati e riutilizzati.

E se è una soluzione ecologica efficace per le donne, fidatevi lo è anche per la depilazione maschile: basta leggere le decine di recensioni positive lasciate dagli uomini che lo hanno già acquistato.

Questo rasoio a doppio filo può essere combinato con una crema al burro di karitè come quello Lamazuna (vegan & cruelty free) per una rasatura perfetta e liscia.

Alla prossima recensione!


Carmen

°° Meat the Truth : La verità sulla Carne °°

Un documentario che dovrebbero vedere tutti coloro che hanno a cuore la salute del nostro pianeta, degli animali e di noi stessi.

Sapete che impatto ha l’industria dell’allevamento intensivo degli animali “da carne” sul Pianeta in ambito di emissioni di C02 ?

Se tutti gli abitanti degli Stati Uniti non mangiassero carne per 1, 2, 3, 7 giorni, cosa accadrebbe? Leggiamo!

7 GIORNI: Se eliminassero dalla dieta la carne per 7 giorni si risparmierebbero 700 megatoni di gas serra. Sarebbe come eliminare dagli Stati Uniti TUTTE le automobili.

6 GIORNI: Sei giorni senza carne sarebbe come ridurre a zero il consumo di energia elettrica in ogni abitazione degli Stati Uniti.

5 GIORNI: Se gli statunitensi non mangiassero carne per 5 giorni risparmieremmo il carbonio equivalente a piantare 15 miliardi di alberi in giardino e lasciarli crescere per 10 anni (Tre alberi per ciascun americano)

4 GIORNI: Quattro giorni senza carne nel menù darebbe un risparmio di carbonio equivalente a dimezzare l’uso di elettricità/gas/metano/petrolio/cherosene.

3 GIORNI: Si eviterebbero 300 megatoni di gas serra. Per la produzione di gas serra sarebbe come sostituire negli Stati Uniti tutte le auto con quelle elettriche.

2 GIORNI: Sono paragonabili al sostituire tutti gli elettrodomestici delle case statunitensi (frighi/lavatrici/forni/asciugatrici ecc) con altri a risparmio energetico.

Secondo voi.. un solo giorno senza carne, cosa comporterebbe?

1 GIORNO: Se l’intera popolazione degli Stati Uniti non mangiasse carne per un solo giorno alla settimana, sarebbe come risparmiare 90 milioni di biglietti aerei da New York a Los Angeles.

E tu..
Quanto sei disposto a cambiare menù per salvare il pianeta che ti tiene in vita?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: