Archivi Blog

°° E’ di Madrid la Vetrina con Animali Uccisi che da anni fa indignare il Web °°

Proprio in questi giorni ho avuto modo di rivedere, dopo tanto tempo, una foto che da anni fa il giro del web per l’indignazione che genera la crudeltà in essa contenuta.

14725667_1762798930646594_4924001269249224643_n.jpg

Si tratta di una vetrina, presumibilmente di una macelleria, con esposti su un ripiano di marmo una scrofa di giovane età con 4 maialini da latte: tutti uccisi, morti e disposti in modo da rappresentare la scena di un momento dolce e materno come quello dell’allattamento.

Intorno ai resti integri dei poveri protagonisti, altri animali sezionati.

In molti si sono chiesti dove fosse mai stata scattata la foto e di quale negozio si trattasse. Dopo un’ora di analisi dell’immagine e ricerche in rete posso finalmente darmi e darvi la risposta.

La foto raffigurante questa realtà cruda e violenta è stata scattata in Spagna, esattamente nella città di Madrid.
La Spagna è molto nota in Europa, purtroppo, per la scarsità di rispetto nei confronti degli animali e non solo per le corride. In più luoghi di questo Stato il maialino da latte è un “alimento” tipico, come lo è anche in Italia in paesi ancora eticamente arretrati.

Lo scatto è stato fatto molto probabilmente durante le feste natalizie. Lo indica il cartello “Felices Fiestas” scritto a mano poco più in alto dei maiali.

Individuare il luogo esatto dove è stata fatta la foto è stato possibile modificandola e zoomando sui dettagli delle insegne il cui riflesso è visibile dalla vetrina stessa.

clinica.jpg

Clinica Dental Alcalà” sulla destra e “Foto Express” sulla sinistra ed eccoci che ci ritroviamo sulla trafficata Calle de Alcalà a Madrid.

foto.jpg

Se ci si volta per vedere dalla parte opposta della strada possiamo intravedere un negozio chiuso, forse proprio quello della macelleria che ha realizzato questa macabra composizione.

foto1.jpg

Lo scatto è stato fatto sicuramente anni fa.
Google Maps e in particolar modo Street View sono aggiornati all’anno 2016.
E’ molto probabile che la “carniceria” dove sono stati esposti questi poveri animali abbia chiuso i battenti, a differenza dei negozi adiacenti che invece continuano ad esistere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: