Annunci

Archivi Blog

°°[Ricetta] Farinata di Ceci Gustosissima°°

Dopo aver cercato la ricetta in rete per preparare in casa la farinata di ceci (o torta di ceci) ed essermi imbattuta in un sito che mi ha fatto combinare un pasticcio sprecando tempo e ingredienti, ho deciso di pubblicare la ricetta giusta trovata grazie ai consigli di decine di amici su Facebook.

Ingredienti per una teglia (4 spicchi):

• 100 g di farina di ceci

• 300 ml di acqua naturale

• 1 cucchiaino di sale

• 2 cucchiai di olio di oliva

Procedimento:

In un contenitore mettete la farina di ceci e il sale. Versate poi lentamente l’acqua mescolando bene con una frusta da cucina. Una volta formata la pastella, versate i due cucchiai di olio d’oliva, continuando a mescolare bene.

Lasciate l’impasto fluido e liscio a riposo per almeno 4 ore.

Trascorse le ore, versate il fluido in una teglia dal diametro ampio unta abbondantemente di olio. Lo strato deve raggiungere almeno 1 cm di altezza. Infornate in forno pre-riscaldato alla massima potenza (250°) e fate cuocere per 15 minuti su una grata collocata nella parte più alta del forno. Poi, fate cuocere altri 2 minuti sul fondo del forno.

Sfornate e aggiungete pepe a piacere.

Ecco il risultato che otterrete! 🙂

Una farinata di ceci morbida, dai bordi croccanti, ottima per farcire un panino o una schiacciata.

E buon appetito! 🙂

Annunci

°°[Ricetta] Burgers di Lenticchie e Patate°°

Oggi ho provato a fare un esperimento in cucina combinando su base di due ingredienti semplici: lenticchie e patate.

Il risultato è stato una serie di burgers morbidi e gustosi. Non ancora perfetti esteticamente, ma dal sapore davvero buono!

Ecco come li ho preparati.

Ingredienti:

• 70 g di lenticchie secche

• 2 patate di medie dimensioni

• sale fino

• agar agar (addensante naturale)

• curry

• impanatura di mais tostato
Procedura:

Cuocere per 30 minuti le lenticchie in una quantità di acqua ideale affinché a fine cottura ne rimanga poca. Con l’aiuto di un frullatore a immersione, frullare le lenticchie creando un composto cremoso. Far bollire poi le patate, a pezzetti, separatamente. Una volta cotte, schiacciarle con una forchetta rendendole purea. In un recipiente versare la crema di lenticchie e la crema di patate, aggiungendo mezzo cucchiaino di sale (io ho usato quello rosa dell’Himalaya), una punta di cucchiaino di curry e una spolverata di agar agar. Mescolare tutto e con le mani unte di olio di semi di girasole, formare con parte dell’impasto alla volta dei burger da impanare nella panatura di mais tostato. Infine, cuocere su una padella antiaderente alternando i lati.

Ed ecco pronti i buegers!

Alla prossima ricetta 🙂
– Carmen.

°°[Ricetta] Frittatine Vegan di Farina di Ceci con Zucchine e Olive°°

A grande richiesta pubblico molto volentieri la ricetta di un piatto che ho preparato oggi, velocissimo e soprattutto gustoso.

Si tratta delle frittatine di farina di ceci con zucchine e olive. Un alimento proteico e senza glutine, adatto quindi a chiunque.

frittatine.jpg

Dall’aspetto invitante, si possono preparare in pochissimi minuti. Ottime da gustare calde, ma buonissime anche da mangiare una volta raffreddate, magari come farcitura per una schiacciata!

Ingredienti per 3 frittatine:
– 40 g di farina di ceci
– acqua naturale q.b
– 1 cucchiaino e mezzo di sale alle erbe
– una zucchina
– 10/15 olive nere (o verdi) denocciolate
– olio d’oliva

Strumenti necessari:
– un recipiente
– frusta da cucina
– cucchiaino
– forchetta
– cucchiaio
– padella antiaderente o effetto pietra dal diametro piccolo

Procedimento:
In un recipiente, versate la farina di ceci e aggiungete il sale alle erbe, mescolando bene.
Versate piano piano l’acqua mescolando bene con l’aiuto di una frusta per evitare grumi.
Sarà sufficiente 2/3 di bicchiere d’acqua. Quando l’impasto è fluido (deve essere giallo intenso e non annacquato, per intendersi) aggiungere un cucchiaio di olio d’oliva e continuate a mescolare. Lasciate riposare la pastella per qualche istante.

Prendete la zucchina, tagliatela orizzontalmente a fette di circa 1 cm di spessore e tagliate poi tutto a pezzettini piccoli.
In una padella con olio e un pizzico di sale alle erbe fate soffriggere per qualche minuto a fuoco medio.
Prendete le olive denocciolate e tagliatele a rondelle.
Una volta cotti i pezzetti di zucchina, si può procedere alla preparazione delle frittatine.

Versate nella pastella di farina di ceci le zucchine e le olive, mescolate bene e aiutandovi con un cucchiaio versate il contenuto in una padella antiaderente (meglio se effetto pietra) dal diametro piccolo.
Fate in modo che lo spessore delle frittatine sia almeno di 1-2 cm.
Cuocete a fuoco medio per qualche minuto e poi, appena la frittatina si sarò solidificata, giratela dal’altra parte per ultimare la cottura.
Usate il restante dell’impasto per preparare le altre frittatine.

Se utilizzerete le giuste padelle, il risultato che otterrete sarà come quello in foto!

Le frittatine si possono preparare e conservare in frigo per qualche giorno.

…e buon appetito!

Alla prossima ricetta!

– Carmen.

 


Padella Alta - Magnum Petra
Con manico in legno removibile

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 52.6

°° Perchè Mangiamo gli Animali? °°

 

Se si chiede in generale alle persone come mai gli animali vengono ancora oggi mangiati, le risposte che sentiamo darci sono prevalentemente queste:

– perchè l’uomo è carnivoro
– perchè abbiamo bisogno di proteine
– perchè sin dalla Preistoria l’uomo ha sempre cacciato
– perchè anche gli animali mangiano altri animali
– perchè è la catena alimentare
– perchè si è sempre fatto
– perchè il leone mangi la gazzella

Ma tutte queste affermazioni corrispondono sul serio al vero?
Analizziamole una per una.

▬ L’UOMO E’ CARNIVORO
L’affermazione può essere smontata semplicemente andando a intuito.
Basta guardare la nostra dentatura per comprendere che non siamo carnivori. Non abbiamo canini lunghi e affilati per mordere le prede e per strappare brandelli di carne. In realtà, non abbiamo nemmeno gli artigli per ferire gli animali predati. In compenso, abbiamo delle mani caratterizzate da due pollici opponibili. Come accade per la specie che più ci somiglia (la scimmia), essi servono per raccogliere il cibo, che sia frutta dagli alberi o piante e radici dal terreno.
Insomma, l’uomo non è carnivoro ed è anche per questo motivo che l’odore e la vista del sangue ci nausea invece di farci venire appetito.

Denti-frugivori

▬ PERCHE’ ABBIAMO BISOGNO DI PROTEINE
Vero, ma le proteine non sono solotanto contenute nell’organismo degli animali.
Esse si trovano anche in tantissimi alimenti di origine vegetale. Alcuni esempi? Nei legumi ( nella soia sono 33 g su 100 ), nelle verdure a foglia verde scuro ( spinaci ), nelle albicocche, nei semi ( chia ), nella frutta secca ecc.
Non c’è bisogno di ricavarle digerendo la carcassa di un animale.

▬ SIN DALLA PREISTORIA L’UOMO HA SEMPRE CACCIATO
Per carità. Tralasciando le pitture rupestri nelle caverne e i reperti archeologici della Valle del Neander, perchè dovremmo paragonarci agli ominidi o alle prime tipologie grezze di essere umano per giusitificare questo tipo di alimentazione?

▬ GLI ANIMALI MANGIANO ALTRI ANIMALI
Ok, ma gli animali che mangiano gli altri animali sono una minoranza rispetto a quelli che mangiano i vegetali, e lo fanno per istinto, non pee libera scelta. Non hanno alternative.

E’ LA CATENA ALIMENTARE
Non ritengo giusto e corretto parlare di catena alimentare quando abbiamo imposto agli animali di farne parte mentre noi ci siamo presi il privilegio di alienarcene.
Quale essere umano si è mai immaginato come un pasto per un animale? Nessuno!
Eppure siamo animali anche noi. Pertanto, evitiamo di utilizzare questa frase come spiegazione logica perchè non ha niente di logico.

SI E’ SEMPPRE FATTO
L’uomo da sempre ha fatto guerre, abusato del più debole e commesso delitti. Questo dunque vuol dire che è giusto? Certo che no.
Il numero di persone che compiono un’azione non determinano che essa sia giusta.

IL LEONE MANGIA LA GAZZELLA
Sì, i leoni mangiano anche le gazzelle e lo fanno per necessità, per sopravvivenza e per contenere il numero di erbivori affinchè ci sia sempre un equilibrio.
In più gli esemplari che vengono cacciati sono prevalentemente quelli anziani o i più facili da inseguire poichè deboli. La caccia per gli animali è una lotta alla pari dove in ballo c’è la sopravvivenza dell’uno o dell’altro. Non crediate che i leoni abbiano sempre la meglio.
Avete mai visto un branco di leoni allevare le gazelle? Confinarle in spazi stretti, alimentarle in modo innaturale per poi macellarle?
Non paragoniamoci ai leoni.

Non abbiamo bisogno di uccidere gli altri animali che vivono sulla terra.

Come ci spiega anche la Sciamana Lumira
<< Noi esseri umani siamo creature divine e una cosa sola con Tutto ciò che è. Siamo parte dell’universo e siamo connessi con la Madre Terra, che ci ospita e ci tiene in vita. La nostra esistenza ci richiede di vivere in armonia con la natura, di rispettarne e seguirne le leggi. E la legge della creazione, il principio dell’amore cosmico primordiale. Il processo della nascita comporta il primo incontro con la materia vivente: i microrganismi. Nell’attraversare il canale del parto, il nascituro entra in contatto con batteri utili. Prima del parto, i microrganismi migrano dall’intestino della mamma alle ghiandole mammarie e, attraverso il latte materno, arrivano nell’apparato digerente del bambino, dove contribuiscono a formare la sua flora intestinale >>.

La natura ci offre un’infinità di alimenti che mixati insieme possono dare vita a piatti nutrienti e saporiti.
Lumira nel suo nuovo libro Giovani e Sani con la Giusta Alimentazione (182 pagine, Macro Edizioni ) ci propone ben 150 ricette vegan e crudiste da provare a casa.

Scoprite quali sono cliccando QUI .


 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: