Archivi giornalieri: 2 marzo 2016

°° Donne-Esempio di Oggi e del Passato Impegnate Per i Diritti degli Animali °°

A pochi giorni dalla Festa della Donna, celebrata ogni anno in data 8 marzo, voglio dedicare un articolo intero ad alcune donne davvero speciali , di oggi e del passato,  che hanno dato voce agli animali battendosi per i loro diritti.
In un mondo incenerito dalla crudeltà, dall’indifferenza e dalla violenza esse sono a mio avviso degli esempi da seguire, dei raggi di speranza che illuminano l’opinione pubblica che troppo spesso giace inerme nell’ombra.


JillPhipps-238x300.jpg

Jill Phipps

In pochi conoscono la sua storia, ma merita di essere ricordata.

Jill è stata un’intrepida attivista animalista inglese.
E’ morta all’età di 31 anni, il 1° febbraio 1995, schiacciata dalle ruote di un camion che stava trasportando dei vitelli all’aeroporto di Conventry, dove sarebbero stati imbarcati su un aereo e trasportati fino in Olanda per essere abbattuti.
Era li insieme ad altri 35 manifestanti. E’ stata l’unica a non fare ritorno a casa.
Jill è morta nel tentativo di bloccare il passaggio del mezzo sul quale erano stipati gli esseri viventi per i quali lottava da sempre.
Il suo era un amore incondizionato per gli animali, sbocciato sin da quando era piccola. Fu la prima a diventare vegetariana in famiglia e riuscì a far capire a tutti i suoi parenti l’importanza di non mangiare animali.
Jill è stata ed è tutt’ora un esempio per noi per quanto è riuscita a fare: fece chiudere un negozio di pellicce e un allevamento di animali da pelliccia.
Nel 1986 con il sostegno di sua madre e della sua sorella protestò contro la multinazionale Unilever, già all’epoca rea di sperimentare sugli animali, distruggendo delle apparecchiature. Nemmeno la maternità limintò in qualche modo la sua lotta per i diritti degli animali.
Ogni anno Jill viene ricordata in tutto il mondo come simbolo dell’attivismo più puro.


Pamela_Anderson_2.jpg

Pamela Anderson

 

Conosciuta da tutti per la sua carriera da showgirl, modella, attrice e produttrice cinematografica, Pamela ha ben presto fatto parlare di sé anche grazie alle numerose battaglie animaliste alle quali si è unita o che avviato in prima persona.
Da anni sostiene l’associazione P.e.T.A – People for Ethical Treatment of Animals. Per quest’ultima ha posato più volte per campagne di sensibilizzazione riguardanti temi diversi: macellazione, pellicce, caccia alle foche ecc.
E’ una delle personalità dello spettacolo più attive nel veganismo e da molto tempo promuove questo stile alimentare.
Qualche tempo fa si è fatta portavoce dei diritti degli animali da pelliccia protestando davanti alle guardie reali di Buckingham Palace, colpevoli di indossare cappelli realizzati con resti di animali.
Ha dichiarato guerra alla multinazionale McDonald’s per come vengono trattati gli animali destinati ad essere macellati e recentemente si è intromessa nelle politiche francesi per esternare il suo sdegno riguardo il barbaro consumo del foie gras, fegato d’oca ricavato da ingozzamento forzato.


hqdefault (2).jpg

Brigitte Bardot 

La bellissima attrice francese conosciutissima nel mondo del cinema, è altrettanto nota nel mondo dell’attivismo animalista grazie al suo schierarsi in prima linea per la difesa degli animali.
Brigitte è stata una delle prime a dichiararsi contraria all’uso delle pellicce e si è opposta con tutte le sue forze all’uccisione delle foche in Canada.
Da sempre grande amica del capitano Paul Watson di Sea Shepherd, continua oggi a sostenere le missioni finanziando i viaggi della ciurma vegan che salpa mari e oceani per correre in difesa di cetacei cacciati dall’uomo.
Una nave dell’associazione infatti porta il suo nome.
Attualmente Brigitte si sta dedicando ai cani, alcuni dei suoi animali preferiti, chiedendo a gran voce lo stop definitivo delle corse nelle quali sono coinvolti e dove troppo spesso trovano la morte.


maxresdefault.jpg

Jane Goodall 

Jane Goodall , classe 1934, è un’etologa ed antropologa inglese. Da oltre 40 anni conduce ricerche sulla vita sociale degli scimpanzè.
La sua passione l’ha portata a vivere lontano da Londra per dedicarsi interamente a questi animali.
Il suo rapporto con loro è speciale: ha salvato tanti cuccioli rimasti orfani e il legame che si è creato è riuscito ad unire due specie diverse ma al contempo simili , solo attraverso l’amore. Su di lei fino a qualche tempo fa girava un video che ha commosso il web e che la ritraeva intenta ad abbracciare uno scimpanzé che le si era messo in braccio.
Nonostante le difficoltà che incontra nell’ambito dell’alimentazione spostandosi da un luogo esotico all’altro, Jane è riuscita a diventare vegetariana per etica.


MHack.jpg

Margherita Hack

 

Margherita Hack oltre ad esser stata un’importante astrofisica e divulgatrice scientifica italiana, è stata un esempio per tutti noi per il rispetto che ha sempre avuto per gli animali.
Vegetariana sin dalla nascita ( i suoi genitori lo erano diventati grazie ad un vicino di casa napoletano, n.d.r ) , diventata poi vegan negli ultimi anni della sua longeva vita, Margherita ha unito la passione per le stelle e per l’universo con quella per tutti gli esseri senzienti.
I gatti sono da sempre stati i suoi preferiti ( ne aveva molti con i quali condivideva la sua abitazione ) , ma non ha mai negato parole cariche di empatia nei riguardi di quelli “da macello”.
Sono numerose le dichiarazioni animaliste rilasciate durante le interviste che si possono trovare ancora oggi su youtube.
La sua opposizione alla macellazione degli animali ( una pratica per lei crudele e inutile )  è scritta chiaramente nel suo libro ” Perchè sono Vegetariana “, pubblicato nel 2012, un anno prima di morire.
<< Non ho mai mangiato animali e mai lo farò >> ribadiva sempre.


Augurando alle mie followers una felice Festa della Donna,
concludo questo articolo con una bellissima riflessione di Agostino Degas, autore del libro novità  Gli Infiniti Adesso dell’Anima ( edito in collaborazione con Il Giardino dei Libri ) dedicato proprio alle donne:

<< Credo realmente che ora, coscientemente, l’universo femminile sia in grado di creare un nuovo spazio d’anima ritornando – per così dire – a esprimersi compiutamente.

Questo libro è dunque dedicato alle donne ma non solo: è un libro per comprenderle e avvicinarsi alla loro interiorità ed essenza.

Per me ognuna di esse ha dentro di sé tante donne. Come un dipinto che ha molti colori che si integrano, complementari, o che si evidenziano in contrasto tra loro. Ogni donna è nel contempo innocente e trasgressiva, serena e tormentata, fanciulla e femmina, strega e santa, passionale e distaccata, fragile e coraggiosa, leggera e profonda. Solo chi le ama riesce a vedere e ad amare le tante donne che convivono in ogni singola donna.

A loro, che sono artiste e scienziate, manager e madri, e talvolta allo stesso tempo padri, che non si accontentano più delle mimose dell’otto marzo, perché vogliono essere rispettate, comprese e amate tutto l’anno. A loro, a tutte le donne, e agli uomini sensibili all’universo femminile, dedico questi miei pensieri >>.

 

Agostino Degas

°° La Dieta Vegan & Gli Alimenti Alcalini °°

La dieta vegan, per chi ancora non sapesse con precisione in cosa consiste, prevede l’esclusione di tutti i cibi animali ( acquatici e terrestri, quelli in maniera stereotipata vengono definiti “carne” e “pesce”) e i derivati dal loro organismo ( latte, uova, formaggi, miele ) per una questione di etica e di rispetto nei confronti delle altre specie presenti sul pianeta.
Per dieta vegan si intende dunque un’alimentazione basata su soli vegetali.
Nell’immaginario collettivo si pensa erroneamente che il veganismo offra poche opzioni di alimenti e che esso dunque sia limitativo dal punto di vista culinario, invece la gamma è molto più vasta di quanto si possa credere !
Verdure, ortaggi, legumi, cereali, frutta fresca, frutta secca e semi mixati insieme danno vita ad una moltitudine di alimenti per la preparazione di infiniti piatti sani e cruelty free.

2561723902_b4224e5703_b.jpg

Aspetto etico a parte, l’alimentazione vegan non solo fa bene agli animali perchè non vengono fatti nascere per essere uccisi e all’ambiente ( il trasporto di animali destinati al macello inquina molto di più di tutti gli altri tipi di trasporti messi, lo sapevate? ) ma anche alla nostra salute.

Oggi vi parlo di una sfaccettatura molto importante del veganismo: l’alcalinità degli alimenti vegetali.

Prima di tutto: cosa significa che un alimento è alcalino?

hqdefault (1)

Alcalino è il contrario di acido.
La basicità o l’acidità di un alimento si calcolano su una scala di misura del ph che va da 0 a 14.
Da 0 a 7 si parla di acidità. 7 è il valore neutro. Da 7 a 14 invece si parla di alcalinità, come riportato nel grafico soprastante.

Il nostro organismo è alcalino e per il corretto funzionamento delle funzioni vitali è necessario che questo equilibrio non si alteri.
Purtroppo, a causa di un’alimentazione scorretta, si può raggiungere livelli di acidità tali da portare il nostro corpo ad ammalarsi. Secondo studi recenti, un organismo acido sarebbe terreno fertile per l’insorgenza di tumori maligni.

Oggigiorno il quantitativo di alimenti acidi che ingeriamo è davvero spropositato.
Colpa sicuramente di scelte sbagliate che ci portano ad acquistare alimenti già confezionati realizzati con ingredienti troppo lavorati e raffinati.

L’alimentazione semplice vegan può dunque essere un aiuto per ritrovare l’equilibrio riportando l’organismo al suo livello basico.
Gli alimenti alcalinizzanti infatti sono tantissimi.
Tra i tanti troviamo: ravanelli, barbabietole, rape, carote, broccoli, cavoli, spinaci, bietole, cetrioli, sedano, avocado, mele, uva e .. limone.
Esatto, anche il limone.
Nonostante sia di sapore acido per via dell’acido citrico, esso è in grado di alcalinizzare il ph dell’organismo. L’effetto ha inizio dopo che è stato consumato.
Da evitare invece sono le farine raffinate, gli zuccheri, i derivati del latte e la carne.

Alcalinizzarci è importante perchè i benefici saranno poi visibili nella vita di tutti i giorni.
Una persona con un organismo alcalino infatti ha più energie, risente meno la fatica, ha una digestione attiva e corretta e ha molte meno probabilità di ammalarsi.

Per maggiori informazioni sui benefici degli alimenti alcalini e su come seguire un’alimentazione alcalina ( anche per ridurre il peso corporeo in eccesso ) si può
consultare e prendere visione del seminario in DVD  ” Il Miracolo del Ph Alcalino “ del dottor Robert O. Young , nutrizionista, naturopata e microbiologo.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: