Archivi categoria: * Locali Vegan *

°°Favolosa Colazione Vegan al Pistacchio @ Pasticceria Brotini°°

Stanchi dei soliti cornetti vuoti industriali che propongono i bar?

Vi consiglio di correre a fare colazione alla Pasticceria Brotini di San Miniato Basso.

Ho avuto il piacere di assaggiare il loro cornetto, soffice e delizioso, accompagnato da un cappuccino di soia con crema di pistacchi e granella.

Su richiesta il croissant si può farcire con ciò che si preferisce: marmellata, cioccolata oppure crema di pistacchio stessa.

Assolutamente consigliato 🙂

Colgo inoltre l’occasione per fare i complimenti ai gestori per questa squisita opzione 100% vegetale proposta.

Carmen

Annunci

°° VeggieTown: una follower racconta la sua esperienza nel quartiere veg di Parigi °°

869942883_eb7264baae_b

 

A Parigi, nella capitale della bellissima Francia, esiste un quartiere chiamato “VeggieTown” per l’alto numero di bar, ristoranti
e locali vegan-friendly che ospita.
I locali vegan-friendly sono così definiti per la loro capacità di accogliere clientela etica grazie a opzioni vegan cruelty free inserite nel menù.

Sara V., una ragazza che segue il mio blog, ci ha raccontato la sua esperienza.

Io e mio marito abbiamo alloggiato a Parigi in Rue de Pierre Semard
dal 21 al 27 maggio di quest’anno.
Ci siamo subito resi conto di trovarci nel bel mezzo di tanti locali veganfriendly! La maggior parte di tipo simil fastfood.
Quello che ci è piaciuto tantissimo si trovava proprio alle spalle del nostro albergo, è un vero e proprio ristorantino vegan,bio e raw !!
Dire che lo abbiamo trovato spettacolare è dire poco!
Si chiama 42 Degres . Lo consiglio vivamente.
Trattandosi di un ristorante, è giusto precisare, non è proprio economic:
noi abbiamo speso 50€ in due per un piatto a testa più il dolce.
Ad ogni modo VeggieTown è un quartiere molto aperto alla mentalità veg,
infatti nel nostro pacchetto viaggio era compresa una cena in un ristorante non veg nelle vicinanze ma alla nostra richiesta di avere un menù veg non ci sono stati problemi.
I ristoratori si sono fatti in quattro per crearci sul momento dei piatti apposta che non avevano nulla a che vedere con la solita insalata o le classiche verdure grigliate!
Insomma, quest’esperienza è stata più che positiva!

 

Di VeggieTown è rimasto soddisfatto anche Davide S., che racconta:

Di locali veg in quel quartiere ce ne sono di pazzeschi! Quello che ho visitato io si chiama Hank Vegan Burger e il panino che ho provato (in foto, n.d.r) è l’Allumé!
Ogni tipologia di cibo e bevanda é rigorosamente vegan.
Ci sono anche delle salse incredibilmente buone da poter mangiare no limits insieme al tuo vegan burger.
Il concetto é semplice e veloce. Puoi scegliere à la carte oppure dei menu’ che includono patatine e bevande realizzate con piante biologiche e agrumi (leggermente frizzanti e dissetanti), e poi ovviamente insalate e dolci veg! Ambiente dinamico e frequentato da moltissimi giovani!!!
Sempre bello pieno di gente per mangiare e dialogare nella parte esterna! Atmosfera parigina e cibo di ottima qualità.

davide s.

I locali vegani, vegetariani o veg-friendly
che si possono trovare a VeggieTown sono:

– 42 Dregrés
– VG
– Centre Tout Naturellement
– Eat Me
– My Free Kitchen
– Cafè Pinson
– Mussubi
My Kitch’n
– L’AVF
– Bol
– Le Vegetarien
– Esagel’s Family
Le Veganovore
– Nous Fast Food
– Biocoop Dada
– Cho Cantine
– Le Rycilce Store
– Woodies
– Naan Paris
– Fée Nature
– Soucoupe
Las Vegans

Trovate la cartina completa con le strade sul sito: Vegetarisme.fr

Ringrazio Sara e Davide per aver contribuito alla realizzazione di questo articolo attraverso la loro esperienza.

°° Cioccolateria Chocolat: Cappuccini e Frappè di Soia nel Centro di Empoli °°

Oggi vi parlo di un locale molto carino che ho scoperto per caso a gennaio di quest’anno.
Si tratta della Cioccolateria Chocolat.
Situata al numero 5 di via Marchetti, nel centro storico di Empoli e a due passi da piazza Farinata degli Uberti, questa cioccolateria offre svariate opzioni vegan.

Quando si entra nel locale sicuramente ciò che colpisce di più è l’ambiente intimo che lo caratterizza: i tavolini per due o più persone con sopra i porta zucchero in legno, i decori alle pareti, il bancone con tanti tipi di cioccolato esposti, la piccola libreria contenente letture interessanti per chi desidera leggere sorseggiando uno dei tanti tipi di thè proposti.

Il locale è gestito da un giovane titolare con l’aiuto della sua famiglia.
Tutti sono molto gentili e disponibili e si viene accolti sempre con un sorriso.

Sfogliando i menu che vengono serviti al tavolino si trova un piccolo riquadro dove sono riunite le opzioni di caffetteria vegan che si possono richiedere:
– Caffè macchiato con latte di soia
– Cappuccino con latte di soia
– Cioccolata calda con latte di soia
– Cappuccino alla nocciola con latte di soia
e tanto altro.

La prima volta che sono stata da Chocolat mi ha subito ispirata il cappuccino alla nocciola.
Sarà che amo particolarmente questo gusto..
Ciò che non potevo assolutamente immaginare è che presto quel cappuccino alla nocciola fatto con soffice schiuma di latte di soia sarebbe diventato il mio “solito” da ordinare.
Il suo aroma delicatissimo e dolce con nota intensa di nocciola e con in fondo una cremina morbida e deliziosa lo ha fatto diventare il mio preferito.

Il cappuccino viene servito in una particolare tazza di vetro accompagnato sempre da un decoro sulla superfici, solitamente un cuoricino o un fiore.
L’ultima volta che sono stata in questo locale però il titolare mi ha proprio stupita: per la mia felicità mi sono vista servire il mio adorato cappuccino di soia alla nocciola con un fantastico gattino come decorazione!
Giuro che è stato difficile decidere di berlo per non rovinare quella piccola creazione artistica.

chocolat

Nonostante la mia tendenza ad essere abitudinaria nelle scelte, soprattutto quando mi piace davvero qualcosa, una sera ho provato qualcosa di nuovo.
Anzi, sarebbe meglio dire che ho”veganizzato” un’opzione che sul menu era solo con latte classico.
Il risultato? Un favoloso e dolcissimo frappé al cocco con latte di soia!

frappè.jpg

Per il momento da Chocolat non ci sono dolcini realizzati con latte vegetale e senza uova, ma confido in qualche futuro esperimento cruelty free per accompagnare un bel cappuccino di soia o magari un thé 🙂 .

Se passate da Empoli il mio consiglio è quello di fare un salto in questo bel localino.
Sono sicura che piacerà anche a voi 🙂

Cioccolateria Chocolat
Via Marchetti 5, 50053
Empoli (FI)
Tel. 0571 526555


Per scoprire Come Risvegliare il Tuo Vero Potenziale con i consigli e i suggerimenti di Paramhansa Yogananda, scopri il nuovo omonimo libro pubblicato da Ananda Edizioni.
Trovi un estratto da leggere gratuitamente cliccando qui .


°°Ristorante “La Cucina Abusiva”: Menu alla Carta & Pranzi di Lavoro Vegan a Pontedera°°

Stamattina sono stata a pranzo in un locale aperto di recente a Pontedera (PI) e che non conoscevo prima d’ora:
“La Cucina Abusiva“.
Situato  al n° 6 di Via Don Sturzo, il ristorante è facilmente raggiungibile data la sua vicinanza all’uscita della Fi-Pi-Li .

Quando si entra nel ristorante La Cucina Abusiva non si può fare a meno di rimanere affascinati dal suo arredo, soprattutto se si è grandi amanti della musica.
Quest’ultima, unita alla buona cucina, sono le due protagoniste del locale il cui motto è proprio “Always Think Musically”.

Niente è lasciato al caso: ci sono candele sparse un pò ovunque, libri da poter leggere sulle mensole, strumenti musicali, un’area apposita dove possono suonare dal vivo le band e un grande bancone con vini e altri drink.

la cucina abusiva interno.jpg

la cucina abusiva interno 1

Il locale, pulito ed accogliente, dispone di circa 40 coperti al suo interno oltre ad altri al suo esterno, a disposizione dei clienti nei per i periodi caldi.
Cosa davvero carina, su ogni tavolo sono posti dei dischi in vinile come sottopiatto!

la cucina abusiva.jpg

Ciò che caratterizza questo punto ristoro, oltre allo stile unico dei suoi interni, è sicuramente il menù vegan alla carta che lo chef  Emanuele Fabiani ha introdotto, disponibile anche per pranzi di lavoro.
E io, stamattina, sono stata a provare proprio quello!

Ho visitato molti ristoranti toscani che hanno aderito allo standard “locale vegan friendly”, ma quasi tutti propongono piatti semplici.
Sono rimasta piacevolmente sorpresa invece nel vedere che quelli preparati dallo chef de La Cucina Abusiva siano invece ricercati, sia nell’aspetto estetico che nel gusto.

Ecco le portate che ho assaggiato a pranzo:

Per iniziare, un bel tris di zuppe con crostini.
Da sinistra verso destra:
Zuppa al farro con legumi e spolverata di cannella
Zuppa di lenticchie e fagioli
Zuppa al pomodoro con cavolo nero
Le ho trovate tutte davvero buone, cremose e ben cucinate.
Quella alla cannella poi era particolarmente gustosa.

tris di zuppe.jpg

Dopo la degustazione di zuppe mi è stato servito dalla gentilissima cameriera un primo piatto contenente uno sformatino di quinoa con curcuma, pomodorini verdi, gazpacho e origano.
L’ho trovato davvero buonissimo!
Un piatto ottimo cucinato sapientemente e dal sapore incredibile.
Non so se sia rimasta più innamorata del suo gusto o dell’artistica disposizione sul piatto 🙂 .

quinoa 1.jpg

quinoa

Dopo il fantastico sformatino di quinoa mi è stato servito un piatto unico davvero invitante, sul quale erano disposti:

Finocchi con pomodorini secchi ( al centro )
Cavolo cappuccio viola con tofu alla piastra ( a destra )
Cubetti di polenta con i funghi e pomodorini ( a sinistra )

I finocchi con pomodorini secchi erano davvero buoni e l’accostamento dei due sapori era più che ben riuscito.
Il tofu alla piastra adagiato sul letto di cavolo viola crudo e pioggia d’aceto aveva un buon sapore.
Sono stati i cubetti di polenta con i funghi e pomodorini però a vincere la gara della degustazione migliore: buonissimi!!!
Un vero dispiacere averli finiti così presto 😀 .

piatto unico.jpg

Per finire, dopo i piatti salati è toccato il turno del dolcino.
E che dolcino!
Deliziosamente inserito in un vasetto di vetro ho ricevuto come portata finale un budino al cioccolato con crema di pistacchi e pere.
Davvero buono!


Il pranzo è stato assolutamente di mio gradimento.
Nonostante il locale fosse pieno il servizio è stato rapido ed efficiente.
Per i piatti, assolutamente soddisfatta.
La qualità degli ingredienti e la loro freschezza si sente sin da subito.
Trovo che l’offerta culinaria vegan de La Cucina Abusiva sia qualcosa fuori dall’ordinario, di ricercato e sicuramente gustoso.

Sono certa che saprà conquistare anche le vostre papille gustative qualora decideste di passare un pranzo o una cena in questo ambiente accogliente e gradevole.

Il ristorante La Cucina Abusiva è aperto
dal lunedì al giovedì → a pranzo dalle 12.00 alle 15.00
il venerdì a pranzo dalle 12.00 alle 15.00 e a cena dalle 19.00 alle 23.00
il sabato a cena dalle 19.00 alle 23.00
e la domenica dalle 16.00 alle 22.00 .

Per prenotare si può contattare il numero 0587 484312 .
Per ulteriori informazioni visitate la pagina facebook ufficiale del locale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: