Archivi Blog

°°[Conferenza] Dalla Vegefobia al Bullismo: Vegani nel Mirino – 19.04.2019°°

Venerdì 19 Aprile 2019 nel bellissimo contesto del Grand Hotel Mediterraneo di Firenze si è tenuta la conferenza “Dalla Vegefobia al Bullismo: Vegani nel Mirino“, organizzata dall’associazione Progetto Vivere Vegan Onlus il collaborazione con il Movimento Hyronista.

grand hotel mediterraneo.jpg

La conferenza ha avuto come relatori il filosofo Guido Giacomo Gattai, gli autori del libro “Smontare la GabbiaMarco Reggio e Niccolò Bertuzzi, e me.
Dora e Carol, di Progetto Vivere Vegan, hanno condotto l’incontro introducendo il tema della vegefobia (o vegofobia), argomentato poi dai relatori.

conferenza.jpg

Davanti alle persone giunte al Grand Hotel Mediterraneo per assistere alla conferenza, abbiamo discusso del perché le persone non vegane si sentano attaccate o minacciate da coloro che invece lo sono, sentendo su di sé il peso delle decisioni etiche altrui.
Grande spazio è stato dato al collegamento fra veganismo e antispecismo, e a tematiche collegate al capitalismo. Il contributo di Guido Giacomo Gattai inerente al bullismo ha apportato una conferma filosofica al mio contributo in merito agli attacchi personali subiti in anni di promozione della filosofia di vita vegan attraverso il mio blog e pagina facebook collegata. A coloro che non erano ancora informato dei fatti ho spiegato le motivazioni che mi hanno portata a sporgere denuncia nei confronti di ferventi antivegan. Denuncia trasformatasi in rinvio a giudizio di Andrea Moscati per diffamazione aggravata a mezzo stampa.
Hanno arricchito la conferenza le domande di alcuni degli spettatori e il contributo significativo del Professore Luigi Lombardi Vallauri che ha rivolto a me il consiglio di informarmi sulle nuove normative circa il cyberbullismo, poiché a suo avviso potrebbe configurarsi proprio in questo ciò che ho vissuto personalmente.

La conferenza è stata condivisa in diretta video sulla pagina ufficiale di Tiziano Terzani con il contributo di Guido Giacomo Gattai e Silvia Colangelo.
Video 1
Video 2

Dopo l’incontro si è tenuta nell’area ristoro del Grand Hotel Mediterraneo una cena vegana i cui piatti ideati dallo chef Andrea Ragoni hanno deliziato i partecipanti.

ospiti a cena

Alcuni degli ospiti della serata

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dalla Vegefobia al Bullismo: Vegani nel Mirino è stata una conferenza che ha permesso di parlare di un tema delicatissimo quale l’odio immotivato verso minoranze ideologiche.

Ringrazio Progetto Vivere Vegan Onlus e Movimento Hyronista per l’organizzazione, i miei colleghi relatori per il loro significativo contributo, le persone (e gli animali) che hanno assistito all’incontro, fra le quali Silvia, mia migliore amica e compagna di incredibili esperienze etiche. Un ringraziamento speciale va poi al Grand Hotel Mediterraneo per aver ospitato il nostro evento.

Carmen.

°° Antivegan Fantastici e Dove Trovarli °°

Domenica 15 luglio ho deciso di pubblicare sulla mia pagina facebook un’illustrazione spassosa raffigurante una principessa Disney intenta ad alzare il dito medio. La prima volta che l’ho vista in rete ho riso per ore. Trovandola stupenda l’ho voluta pubblicare con la seguente frase come didascalia: “quando vuole uscire con te ma mangia gli animali”.

Un po’ di sana ironia non guasta mai, soprattutto se si fa riferimento ad una realtà provata e riprovata: i buffi tentativi da parte di persone non vegane di conquistare chi è vegan.

Chi non mangia animali infatti si sarà almeno una volta trovato coinvolto in un dialogo con interlocutore attacca-bottone intento a giocarsi le carte tipo “anche io amo gli animali”, “di carne ne mangio pochissima”, “sai che ho provato pure io ad essere vegetariano?”.

Frasi “effetto” che a me personalmente fanno sempre un po’ sorridere, ma che comunque rimangono meri tentativi che non vanno a buon fine: credo molto nella condivisione degli ideali in una coppia formata da persone diventate consapevoli autonomamente senza pressioni del partner e reputo sia molto difficile, se non impossibile, amare qualcuno che è causa della morte di altre vite che ami.

La pubblicazione, nonostante non fosse mirata ad offendere nessuno, non è stata particolarmente apprezzata dagli amministratori di due pagine antivegan che hanno pensato di gettare in pasto ai propri utenti uno screen contenente non solo l’immagine, ma anche la mia foto personale.

Il risultato? Commenti sulla mia persona lasciati da individui a me sconosciuti con la presuzione di conoscermi come se avessimo condiviso per anni la merenda all’asilo.

Tutto è partito da “Il Veganimalista Ipotetico”, alias “Alucard Draco”, ossia S.G . Non è stato difficile scoprire l’identità dell’admin. Il caso vuole che abiti nella mia stessa città. Però si sa, avanzare critiche dietro un pc è molto più semplice che muoverle di persona.

Oltre ad aver notato un familiare “Massimo Piscopo”, punto l’attenzione sul commento sarcastico di Federica Gallotta, cosplayer che già tempo fa esternò la speranza di non incontrarmi mai al Lucca Comix da lei frequentato assiduamente (come se l’evento fosse sua esclusiva e come se a me importasse qualcosa della sua persona).

Altri commenti sono giunti nella pagina SCP reloaded grazie ad una condivisione dello screenshot stesso.

Inserite tutte queste belle parole cariche d’amore e di rispetto (mai quanto quello che nutrono per gli animali) posso dire con molto piacere che sono protagonista della mia vita privata e non spettatrice di quella altrui. Purtroppo non si può dire lo stesso di chi ha speso una manciata di secondi del proprio prezioso tempo per ipotizzare, criticare, offendere e screditare la mia persona.

Succede anche questo quando si ha una pagina pubblica dove si difendono i diritti animali? Sì, succede anche questo, ossia che persone annoiate necessitanti di attrazioni forti passino il tempo a bersagliare altre persone di cui hanno un’idea filtrata attraverso delle pagine con scopi ben precisi.

Succede anche di essere definita “mignotta” per il semplice esser contraria allo sfruttamento degli animali. (Offese che vengono fatte passare per “opinioni”).

L’aspetto più incredibile di questo palese cyberbullismo? Gli utenti che, imbattendosi nella mia pagina per criticarmi mossi da odio fomentato, arrivano a dirmi che sono una persona “piacevole con cui parlare” (testuali parole) e scoprono per magia che tutto quell’astio forse forse è parecchio esagerato, se non gratuito.

To be continued…

°° VEGEOMOFOBIA – Paolo Diaz: “Offeso perché sono Vegano e Gay” °°

Paolo è un ragazzo di 19 anni, originario di Cremona, sensibile al tema del rispetto per la vita degli animali. Circa due anni e mezzo fa l’amore nei confronti delle altre specie lo ha portato a diventare vegano per etica.
Una scelta importante, fatta in giovane età, che ha regalato lui profondi cambiamenti.

paolo diaz

Questa caratteristica speciale di Paolo, unita a quella del suo orientamento sessuale, sta generando purtroppo delle inaspettate ed inaccettabili reazioni negative.
Attraverso il suo profilo facebook infatti il ragazzo riceve continuamente offese di ogni tipo, sia per il suo essere vegano sia per il fatto che è gay.
Si sa, come ogni cosa nata con uno scopo positivo, anche i social network non potevano non avere il loro lato oscuro.
Eccoci dunque davanti a decine di individui senza scrupoli né educazione, appartenenti ad uno spaccato di società crudele, egoista e oltraggiosa che non ha rispetto per le persone, figuriamoci per gli animali.
Eccoci quindi davanti a quella che voglio definire, avvalendomi della facoltà di creare un neologismo, una vera e propria vegeomofobia.

Ho deciso, unitamente a Paolo, di pubblicare alcune delle pesanti offese che ha ricevuto senza censurare alcun nome.

 

paolo diaz offese 1

Lorenzo Rossi (forse profilo fake) senza mezzi termini dimostra interesse per l’integrità del retto altrui.

_________

 

 

paolo diaz offese 2

Andrea Scarpini, esperto in meritocrazia, consiglia a Paolo oggetti sicuramente da lui stesso provati

 

paolo diaz offese 3paolo diaz offese 4

_________________

paolo diaz offese

Un diffamatore anonimo invece confessa di praticare cannibalismo, prima di porre domanda idiota per la felicità del suo unico neurone

 

Sono sicura che Paolo non sia il solo a ricevere offese di questo tipo.
Chissà quante altre persone stanno vivendo la sua stessa esperienza.
Realtà che in una società sana e civile non dovrebbero nemmeno esistere.
E’ vergognoso che nell’umanità ci siano individui (prevalentemente uomini poi) in grado di arrivare a spendere parole così basse e grezze nei confronti di chi nemmeno conoscono.

“Frocio”? “Devi morire”?
Ma chi si credono di essere.

Paolo è libero di mangiare cosa preferisce, a maggior ragione adesso che ha scelto di non nutrirsi più dei resti di nessuno.
Paolo è libero di amare, uscire, frequentare chi desidera, perché ciascuno di noi deve avere il diritto di poter decidere in base ai propri sentimenti e alle proprie preferenze.

Chi per limiti mentali e/o culturali, per carenza di buona educazione e per assenza di intelletto ha problemi a relazionarsi con persone dall’alimentazione diversa oppure dall’orientamento sessuale opposto, che stia al suo posto senza permettersi di offendere.
Facebook e qualsiasi altro social network non deve diventare il sacchetto del vomito di nessuno. Le persone non devono trasformarsi assolutamente in antistress viventi per coloro che dimostrano un certo livello di mal celata repressione.

Invito chi, come Paolo, sta vivendo un’esperienza analoga a renderla pubblica senza timore. Spesso i bulli da tastiera agiscono di nascosto alle loro famiglie, rivelandosi per ciò che sono davvero a perfetti sconosciuti e mantenendo maschere di falsità con i parenti. E’ necessario far sapere la vera natura di individui del genere per permettere a chi ne ha le competenze e il dovere di disciplinarli una volta per tutte.

La Vegeomofobia è un limite, una barriera, una vergogna che si può superare.
Esorto chi ne è rappresentante a farsi un esame di coscienza.
A patto di averla.

– Carmen

 


Stai vivendo la stessa esperienza di Paolo?
Denuncia chi ti offende: info@carmenluciano.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: