Archivi Blog

°° Scandalo Green Hill: La libertà dei cani Beagle avverrà previa PAGAMENTO °°

Non sono bastate le torture che hanno subito i loro simili, venduti a laboratori di ricerca dove sono stati vivisezionati e uccisi in nome della ricerca medica.
Non  è bastato il trattamento disumano che hanno ricevuto nell’allevamento della morte, rinchiusi in mura di cemento su un pavimento freddo, con le finestre chiuse e l’eco di migliaia di voci che abbaiavano.
I cani di razza Beagle di Green Hill ( Montichiari – BS), nonostante siano stati fortunati una volta guadagnata la libertà e affidati a famiglie grazie alle numerose proteste degli animalisti , la più importante di tutte quella del  28 Aprile 2012 dove hanno fatto irruzione portandone via decine, adesso sono vittime di un vero e proprio business.
Come si può leggere anche sul sito NelCuore.Org di Michela Vittoria Brambilla
<< le oltre duemila famiglie che hanno preso in affido i beagle di Green Hill possono stare tranquille, Secondo notizie di stampa, il pm Ambrogio Cassiani e il procuratore aggiunto di Brescia Sandro Raimondi hanno disposto la cessione dei beagle ancora sotto sequestro. L’operazione dovrebbe cominciare alla fine del mese. La cifra richiesta non è ancora nota, ma non sarà astronomica. Il “Corriere” parla di 100 euro per cane (ma la cifra potrebbe essere più bassa), che dovrebbero confluire in un conto aperto dalla Procura in Banca Etica e ci resterebbero fino alla fine del processo per maltrattamento e animalicidio. In caso di condanna, il “tesoretto” finirebbe nelle casse dello Stato. Se gli imputati fossero assolti, la somma sarebbe messa a disposizione della multinazionale Marshall, proprietaria dell’allevamento sequestrato il 18 luglio 2012.>>

Nessuno aveva mai lontanamente accennato ad un pagamento pecuniario per l’adozione dei cani liberati dall’allevamento.
Se il costo della libertà per singolo cane fosse veramente 100 euro, si parla di ben 250,000 euro !
Che vada allo Stato o alla Marshall , reputo la richiesta del tutto deplorevole.
La libertà degli animali non ha prezzo.
E questo lo sanno soprattutto i 13 ragazzi che il 28 Aprile 2012 hanno sfidato le leggi che tutelano gli assassini entrando nella proprietà privata di Green Hill e “rubando” circa 80 cuccioli, visti come beni e non esseri senzienti.
Questi ragazzi hanno messo in pericolo la loro libertà personale pur di donarne a chi sarebbe morto sotto tortura.
Tutto questo è un affronto alle infinite persone che hanno raccolto firme, protestato, boicottato marchi che testano su animali poichè CONTRARI ALLA VIVISEZIONE.

E non importa se lo Stato sbandieri l’intenzione di usare l’ingente cifra (altro che gruzzoletto, un vero e proprio bottino!) per tutelare altri animali. Vengano piuttosto usate le entrate derivate da sanzioni amministrative riguardanti i padroni inetti.
Rimane il fatto che sulla libertà NON BISOGNA PERMETTERSI DI FARE DEL BUSINESS!
Pensate poi se tutti quei soldi finissero nelle mani sporche di sangue innocente della Marshall: una vergogna infinita.
Sarebbe come se non fosse accaduto niente. Loro avrebbero guadagnato sulla vendita dei cani alle aziende e guadagnerebbero lo stesso sui cani. Vivi o Sezionati cosa importa? Importa il guadagno!
Non ci sarebbe giustizia, non ci sarebbe una punizione per questa multinazionale che, come tante altre, vive da parassita sulla non-vita e morte di miliardi di animali.

Si torna a punto e a capo.
Come avviene sempre in Italia, dove regna il business e c’è puntuale carenza di giustizia.
Gli italiani rifiutano la vivisezione e chi è ai vertici del potere fa finta di non sentire.

Chissà se con le cattive prima o poi capiranno che con chi rivendica il diritto alla vita non si scherza….

 

_Sbrellababy_

°° Fiaccolata Contro Green Hill e la Vivisezione a Montichiari – Foto dell’evento °°

E’ stata scritta ieri, sabato 16 Febbraio 2013, un’altra pagina della storia dell’Animalismo e del rispetto verso la vita di tutti.
A Montichiari, cittadina ormai famosa per ospitare l’allevamento lager “Green Hill” di cani beagle destinati alla vivisezione, si sono radunati animalisti da tutta Italia per partecipare alla Fiaccolata organizzata da Animal Amnesty.
Evento a cui non potevo mancare e al quale ho preso parte con il pullman del Gruppo Antispecista Toscano organizzato da Fabio Serrozzi.
Eravamo oltre 2000 persone: tantissimi pullman provenienti da diverse regioni sono arrivati verso le 17.00 del pomeriggio.
Insieme a noi, numerosi Beagle salvati dalle mani degli allevatori-aguzzini e accarezzati amorevolmente invece da quelle dei padroni o di chi era li presente per chiedere il loro diritto alla vita.

DSC00733

Dopo aver acquistato le fiaccole al banco di Animal Amnesty (tutto il ricavato delle offerte verrà devoluto ai 13 ragazzi che attendono la causa per aver liberato i cani il 28 Aprile 2012) le abbiamo accese dando inizio al corteo.Il Comune di Montichiari per l’occasione ha adibito un percorso, purtroppo lontano dal fulcro della cittadina.

Nonostante tutto abbiamo manifestato fiaccola alla mano gridando il diritto alla vita degli animali torturati dalla ricerca scientifica.
Erano presenti alla fiaccolata le associazioni animaliste LAV, ENPA & OIPA.
Il corteo dopo aver percorso parte del paese è terminato alle 20.00 circa al ritrovo iniziale, dove sono state fatte volare in cielo lanterne a forma di cuore.
I ragazzi di Animal Amnesty & Coordinamento Antispecista dal loro furgone-palco hanno dato la possibilità di parlare a Fabio Serrozzi (Organizzatore del mio pullman e liberatore attivo dei beagle nel 2012) e a membri di No Harlan. Inoltre hanno riconfermato il loro impegno attivo, insieme a tutti noi, nel continuare a manifestare/protestare/lottare per i diritti degli animali.
Perchè fino a quando ci saranno animali in gabbia, noi non smetteremo di farci sentire.

Questa è stata per me la terza manifestazione nazionale alla quale ho preso parte.
Mi è dispiaciuto tantissimo vedere l’intera cittadina blindata,deserta,apparentemente vuota.
Montichiari sembrava una città fantasma. E forse li i fantasmi ci sono davvero. Ma non sono quelli delle persone. Sono quelli dei poveri beagle allevati e venduti a carnefici e morti barbaramente.
Le persone invece c’erano eccome, al buio, dietro le tende, richiusi in 4 mura di omertà.
Non so se tutto questo timore (che richiamava alla mente quasi la stessa paura che avevano gli Rbrei quando passavano i Nazisti) sia stato frutto di minacce o intimidazioni del carissimo Sindaco di Montichiari.
Sta di fatto che è vergognoso vedere così tanta omertà nei cittadini, che dovrebbero ribellarsi e chiedere rispetto e non inchinare la testa a difronte a chi ha deciso di portare nel loro comune di residenza una fabbrica di morte.
Cittadini omertosi a parte, quella di ieri è stata davvero
un’esperienza bellissima.
Poter accarezzare, prendere in braccio e coccolare i Beagle salvati dagli animalisti da una morte atroce è stato bellissimo, commovente.
E’ impensabile che l’uomo nel 2013 continui ad uccidere inutilmente gli animali.
E’ impensabile che il Mondo sia deturpato da atti vili provenienti solo dalla nostra specie che sa solo distruggere.
Noi continueremo a lottare finchè tutto cambi.
La Terra è un Paradiso, e noi la vogliamo tale!

fiaccolata

Guarda le mie foto della Fiaccolata nell’album su Facebook 🙂

°° Lav : Momenti di libertà per i cuccioli di Green Hill °°

Sono giorni intensi questi che stanno passando nei pressi di Montichiari.
I volontari Lav e quelli di Legambiente , insieme ai numerosissimi veterinari , stanno facendo il possibile per affidare i cuccioli di beagle sottratti all’allevamento lager di Green Hill.
Tante sono state le richieste di adozione.
E tanti sono i cuccioli che devono ancora essere liberati per poi esser affidati a famiglie che li amano e non a vivisettori che li torturano.

Vi mostriamo le foto che ritraggono momenti di libertà per questi cagnolini fortunati…

 
 
 

segui le news in tempo reale sulla PAGINA UFFICIALE LAV SU FACEBOOK.
Vuoi adottare un cucciolo liberato? Clicca QUI .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: