Annunci

Archivi Blog

°° Carnevale di Viareggio: Incursione Animalista Davanti alle Telecamere RAI °°

Durante le riprese RAI al Carnevale di Viareggio di martedì grasso un gruppo di animalisti ha fatto incursione tra i carri.
Gli attivisti, con addosso una tutina bianca coi volti coperti da maschere imbrattate simbolicamente di sangue, si sono allineati davanti ai carri sorreggendo cartelli e slogan a favore dei diritti degli animali.

Nessuna delle violenze umane riversate sugli animali è stata dimenticata:
circhi, mattatoi, industria delle pellicce, business della sperimentazione animale, palii , zoo, delfinari, pesca, caccia, corride..
Ciascun animalista ha sorretto un cartello contenente la dimostrazione fotografica di cosa si cela dietro queste sanguinarie realtà che l’uomo continua senza sosta a perpetrare. Come ultimo cartello, una scritta enorme: ”  NOI ABBIAMO UN SOGNO …UN MONDO SENZA SCHIAVITU’ DI PACE PER TUTTI GLI ANIMALI INDIVIDUI “.

viareggio8

12698164_10207406486673308_4893630035659320344_o

L’incursione è avvenuta non a caso durante il Carnevale: a Viareggio i carri ogni anno fanno satira artistica , specialmente nei confronti della politica.
Gli animalisti hanno sicuramente voluto ricordare a tutti i partecipanti giunti in un contesto allegro che purtroppo gli animali non si divertono affatto ad essere sfruttati, massacrati e uccisi.
Ci sono stati applausi di consenso e molte mamme si sono fermate per spiegare ai figli il significato della loro presenza. Anche il Re del Carnevale ha espresso la sua solidarietà nei confronti della causa animalista.

La protesta pacifica è arrivata fino alle case di tutti gli italiani costretti a pagare il canone, essendo stata ripresa dalle telecamere RAI.

carnevale-di-viareggio-34

Dopo aver terminato la manifestazione gli agenti della Digos hanno fermato gli attivisti e stando alle dichiarazioni di quest’ultimi è stato chiesto loro il documento.
Nonostante fossero presenti altri manifestanti giunti sul luogo per altre motivazioni per cui manifestare, la richiesta del documento sarebbe stata fatta solo nei confronti del gruppo in difesa dei diritti degli animali, che ha trovato la cosa del tutto discriminante.

Foto di Sara Land .

Annunci

°° Toscana Rosso Sangue – Veglia Funebre al Porcellino di Firenze °°

Lunedì 1 Febbraio 2016 alle ore 21.00 a Firenze si è tenuta una manifestazione nonviolenta contro la decisione della regione Toscana di abbattere 250 mila animali selvatici, permettendo ai cacciatori di uccidere indisturbati cinghiali e caprioli per un periodo lungo ben 3 anni.

veglia funebre1

Foto: Think Green – Live Vegan – Love Animals

Io ed alcune amiche ci siamo unite alle altre attiviste vestite di nero per prendere parte alla veglia funebre organizzata davanti alla famosa statua del Porcellino, simbolo della città toscana nonché oggetto di patrimonio culturale… mentre gli animali veri sono “soltanto” patrimonio indisponibile dello Stato.
Eravamo una cinquantina di donne e con noi c’erano anche attivisti uomini.

veglia funebre

Foto: Vanessa Salvati PH

La protesta pacifica è durata circa due ore.
Tra i passanti e i turisti c’è stato chi si è soffermato a guardare cosa stesse accadendo chiedendo poi informazioni in merito. Sono stati tanti i giornali che hanno parlato dell’evento.

veglia funebre2

Foto: Beppe Miceli

Mentre tenevo in mano il lumino rosso non è mancata la presenza qualche lacrima scivolata dalla troppa tristezza.
Come si può riunirsi ad un tavolo per decidere insieme ad altri che è giunto il momento di porre fine alla vita di qualcuno?
Come si può?
Possibile che non esistano soluzioni alternative che non prevedano spargimenti di sangue ed esplosioni d’armi da fuoco?
La verità è che quando si vuole, le decisioni alternative si possono prendere eccome.
E’ quando invece c’è un tornaconto economico che qualche occhio inizia a chiudersi.

Peccato però che a differenza di chi darà il via alla mattanza, gli occhi degli animali selvatici si chiuderanno per sempre.

TOSCANA ROSSO SANGUE.
V E R G O G N A.

°° NO ALLA SAGRA DEI OSEI DI SACILE – SbarellababyAnimals ci mette la faccia °°

Anche quest’anno si svolgerà il presidio contro la Sagra dei Osei di Sacile (PN), nel cuore del Friuli Venezia Giulia.

Questa sagra è la più antica del suo genere ed una delle più vecchie feste popolari in Europa.

Sarà la 739° edizione.

Una “festa” che sfrutta da centinaia di anni gli animali, senza riguardo per le esigenze etologiche di nessuna specie di uccelli esposti, nonostante i sostenitori di questo evento ritengano che rinchiudere in gabbia per l’intera esistenza questi animali meravigliosi non procuri loro alcun danno o trauma.

L’associazione Animalisti FVG sarà anche quest’anno all’interno della sagra per dimostrare, in modo pacifico ma fermo e deciso, il proprio sdegno per l’intera esposizione.

Se desiderate maggiori informazioni sulla sagra, potete visitare il sito
www.nosagraosei.org

Nel sito trovate molti interventi autorevoli e tutto il materiale necessario per comprendere l’importanza di questa manifestazione di protesta.

Potete anche visionare le immagini, i video e i reportage delle edizioni precedenti.

Nel 2011 i manifestanti animalisti erano quasi un centinaio; quest’anno, nell’edizione 2012, speriamo che il sostegno sia ancora maggiore e sempre più convinto della necessità di contrastare questa tradizionale festa del sopruso perchè, fra le altre cose, è fortemente legata al mondo della caccia!

Per maggiori dettagli ed informazioni, potete scrivere a potete scrivere a
animalistifvg@gmail.com
e iscrivervi alla pagina NO ALLA SAGRA DEI OSEI DI SACILE.
http://www.facebook.com/groups/223967100965288/


MA GUARDATE CHE FOTO RACCAPRICCIANTE.
TUTTO QUESTO E’ VERGOGNOSO!
CHI HA IL FEGATO DI MANGIARE DELLE PICCOLE CREATURE INDIFESE
DOVREBBE DAVVERO PENSARE A SUICIDARSI!!!!! SCHIFOSI!!!

°° Rompi la Catena (alimentare) °°

https://i1.wp.com/www.noantri.com/wp-content/uploads/2008/11/foodchainfriends2.jpg

https://i0.wp.com/www.occhioviterbese.it/occhioviterbese/images/stories/cinghiale.jpgSpesso viene detto che “il pesce più grande mangia quello più piccolo”, e che “in natura, il più forte vince sul più debole”. Nell’ecosistema, avviene certo una selezione naturale. Gli animali deboli di tutte le specie soccombono poichè fisicamente non resistenti per sopravvivere. Solo chi ha doti fisiche riesce ad andare avanti, a riprodursi e a far continuare la propria specie. Questo avviene nel mondo animale, dove gli animali non hanno possibilità di scelta, vivendo d’istinto. Nel regno animale però fa capolino anche l’uomo, non si sa per certo se pronipote delle scimmie o meno. Sta di http://percorsitaliani.files.wordpress.com/2010/02/2004112515323_maiale1.jpgfatto che, pur essendo un animale, per comodità si è distaccato da questo regno per crearne uno proprio. Le persone non vedono più gli altri animali come esseri al pari livello, con pari diritti e dignità di vivere. L’uomo ha fatto della sua intelligenza e del suo libero arbitrio un motivo sbagliato per sovrastare sulle altre creature. Se in natura anche il Re della Foresta ha possibilità di morire perchè https://i2.wp.com/www.terranauta.it/foto/gallina1242721398.jpgnon riesce a cacciare, l’uomo invece non permette assolutamente che non ci siano prede. Mentre il leone con le sue qualità fisiche (velocità, agilità, artigli, denti aguzzi) lotta per la sua sopravvivenza e spesso muore perchè non riesce a cacciare prede, l’uomo non ha nessuna qualità fisica da cacciatore ma di prede ne trucida milioni all’anno. L’uomo infatti, alleva le sue vittime. Le fa vivere in branco in spazi ridotti, le fa procreare per poi uccidere subito i piccoli. Nonostante l’uomo NON SIA il più forte degli animali e non sia il più grande degli animali, non esiste essere vivente che lo può http://nuovosoldo.files.wordpress.com/2009/10/mucca.jpgdominare o addirittura uccidere per farne di un tenero boccone. L’essere umano quindi, si è distaccato dal regno animale, ma comunque sia non riesce a sopravvivere senza. Gli altri diversamente simili, vengono visti solo ed esclusivamente come esseri che devon portare benessere all’Uomo. A cosa servono i maiali al mondo? Ma certo, per fare prosciutto, salumi e braciole. E le galline? prima fanno le uova, poi, in pentola o al forno. Le mucche? Prima le strizziamo ben bene 5 anni a fare il latte, poi diventano Wustel. Ecco la MACABRA idea che le persone hanno degli animali. Idea sbagliata. Idea che solo persone che meritano poco di vivere, potevano essersela fatta. In natura il leone non ha scelta. Deve uccidere. L’uomo, nascondendosi dietro la “catena alimentare”, trova un pretesto per https://i2.wp.com/www.windoweb.it/guida/mondo/foto_di_uccelli_no_caccia/oca_selvatica.jpgcontinuare ad uccidere nonostante fisicamente NON NE ABBIA BISOGNO. Mi chiedo, tutte le persone che approvano la catena alimentare e dicono di farne parte, perchè non vanno nei boschi a cacciare con le semplici armi che madre natura gli ha dato in dotazione? Sono sicura che il concetto verrebbe smentito. L’uomo per natura non è un cacciatore. Non è carnivoro. Ma tornando alla catena alimentare…

L’uomo alleva, se notiamo, solo animali ERBIVORI. Anche il leone sceglie come vittime animali erbivori. C’è una motivazione valida. Non a caso il leone uccide , https://i1.wp.com/www.istitutopontevaltellina.it/sentiero/images/cervo.jpgper esempio, le gazzelle. La gazzella è un animale erbivoro, che assimila proteine vegetali. E’ l’animale erbivoro più veloce della foresta, e spesso le sue qualità fisiche sono migliori dei carnivori. Il leone ha bisogno di mangiare il corpo della gazzella poichè è ricco di proteine, vitamine e nutrienti di origine vegetale indispensabili per le funzioni vitali dell’animale. La fisionomia del leone non gli permette di assimilare questi nutrienti direttamente dai vegetali, poichè non ha l’intestino adatto. Quindi, è costretto ad uccidere. L’uomo, a differenza del leone, non è costretto ad uccidere in quanto il suo apparato digerente permette in maniera efficiente di mangiare https://i2.wp.com/claudiocaprara.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/38949/cavallo%20al%20galoppo.jpgvegetali e trarne sostanze nutrienti. L’uomo pensa che la carne “fa bene” perchè è quella degli animali erbivori. Fateci caso. Galline, Mucche, Cavalli, Oche, Maiali, Tori, Uccellini, Conigli, Lepri , Cinghiali, Cervi.. sono tutti animali erbivori o frugivori. Non esistono animali carnivori nell’elenco delle vittime dell’alimentazione umana. In questo caso l’uomo coltiva intere piantagioni di cereali per http://kacinella.files.wordpress.com/2007/06/lepre.jpgdestinarli agli animali d’allevamento, che dopo aver nutrito il loro corpo, vengono uccisi per essere mangiati. L’uomo quindi prende proteine a lui indispensabili dalla carne degli erbivori quando ha la possibilità di mangiare direttamente i cereali che coltiva. Quello dell’uccisione degli animali è un passaggio INUTILE, oltre che doloroso e orrendo.

La catena alimentare può essere spezzata. L’uomo non deve farne parte necessariamente. Nessun animale mette in pericolo la nostra esistenza per mangiarci, perchè invece continuiamo a farlo noi? Chi ce ne da il diritto?

Siamo al mondo per avere cura dei più deboli. Non per abusarne.Scegli di passare ad una vita “umana” per davvero. Usa bene il tuo libero arbitrio. Scegli l’alimentazione vegetariana e risparmia vite. Chi risparmia la vita agli animali, risparmia la vita al Pianeta, e risparmia anche la vita a se stesso.

https://i1.wp.com/www.stencilpunks.org/go_vegetarian.gif

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: