Annunci

Archivi Blog

°°Neal Barnard: “Non siamo Carnivori. Il Formaggio? Crea Dipendenza come l’Eroina°°

Neal Barnard, docente della George Washington University e fondatore di Physicians Committee for Responsible Medicine ha tenuto sabato 12 maggio 2018 una conferenza a Milano presso il Festival di Cucina e Cultura Vegetariana
The Vegetarian Chance“.

IMG-20180512-WA0013.jpg

In circa due ore di conferenza il Dottor Barnard ha spiegato al pubblico come è scientificamente provato che un’alimentazione basata su vegetali sia ottima per la salute umana e preventiva per patologie che possono insorgere.

Siamo quasi abituati a credere che sia normale mangiare tanto, e male, da giovani per poi arrivare ad essere persone di mezza età con problemi di salute: dal diabete, al colesterolo, fino all’obesità. Ecco quanto ha affermato Barnard.
In realtà se ciò accade sarebbe strettamente collegato ad uno stile alimentare scorretto. Le persone infatti continuano a mangiare animali nonostante il proprio organismo non sia nato per digerire la carne.
“Ci sono prove importanti che dimostrano che siamo concepiti per mangiare vegetali: la prima, è che la nostra dentatura non è quella tipica dei carnivori. Non abbiamo canini affilati per mordere mortalmente le prede. Non siamo in grado di strappare via coi denti i brandelli di carne e nemmeno di mangiarli a crudo” ha espresso il dottore. “La nostra dentatura è molto simile invece a quella dei primati, che tralasciando alcune rare eccezioni sono tutti erbivori”.
Ciò, a sua detta, dovrebbe bastare per farci capire che non sono le pitture rupestri paleolitiche, ovvero raffigurazioni di desideri primitivi, a stabilire quale sia la nostra natura.
“La seconda prova è quella del coniglietto. Se mettete un coniglietto davanti ad un gatto che non ne ha mai visto uno, per istinto l’animale proverà a morderlo e a ferirlo. Magari non vorrebbe, ma segue impulsi generati nel suo cervello. Al contrario, un bambino a cui è stato posto un coniglietto davanti non cercherà di portarlo alla bocca, bensì svilupperà curiosità e voglia di giocare con lui”.
“La terza prova è quella della scatola” ha aggiunto Barnard.
“Nelle scatole contenenti oggetti troviamo sacchettini di silica con scritto sopra non mangiare. Fa alquanto riflettere la necessità di scrivere cosa non va mangiato. Senza leggerlo, saremmo in grado di portare alla bocca sostanze a noi dannose”.
E per un certo senso già lo facciamo.

Molte patologie che agiscono negativamente sull’organismo umano dunque sarebbero legate ad un’alimentazione scorretta.

“Prendiamo il caso del diabete: un mio paziente ne era predisposto per eredità genetica e con la sua dieta non equilibrata, ricca di proteine animali se ne era ammalato. Dopo settimane di alimentazione vegetale i livelli si sono abbassati così tanto da rientrare nella norma e far pensare a chi li stava analizzando che l’uomo non fosse mai stato diabetico”.

Neal Barnard ha condotto studi statistici su molte persone. I risultati hanno evidenziato come i soggetti vegetariani e vegani erano poco predisposti a contrarre tale patologia.

Ma quale altro beneficio regala la dieta “plant based“?
Ad oggi, distese interminabili di campi sono coltivate per fare spazio alle colture che andranno ad alimentare gli erbivori macellati. Uno spreco di risorse vegetali ed idriche non indifferente.
“Sapete quanta acqua serve per lavarsi i denti? Circa quattro litri. E per fare una doccia o un bagno? Circa 80. Pensate adesso ad un chilo di pollo. Quanti litri d’acqua sono necessari per ottenerla? Ben 3.700. Per un kg di carne di manzo invece 44.000. Non che l’animale beva così tanto, ma è il quantitativo di acqua necessaria anche per irrigare i campi dove vengono coltivati i cereali.
L’allevamento di animali destinati al consumo umano dunque causano uno spreco idrico ingente. Solo una dei risvolti negativi del voler consumare corpi.
L’industria della carne infatti è responsabile di emissioni di CO2 e gas serra che avvelenano l’aria e l’ambiente nel complesso.

“Vanno a crearsi zone morte dove non è più possibile coltivare” ha spiegato.

“Nei cibi vegetali sono presenti tutti i nutrienti essenziali di cui abbiamo bisogno, dalla fibra (inesistente nella carne) ai sali minerali, dal ferro alle proteine” ha spiegato.

Durante la conferenza sono poi state poste molte domande alle quali il dottore ha fornito una risposta.
A chi ha chiesto cosa ne pensasse degli insetti come cibo del futuro ha risposto che nonostante vi sia molta pubblicità in merito, lui non sarebbe interessato a provare degli insetti allevati chissà come e chissà dove. I vegetali avendo già tutte le proteine di cui abbiamo bisogno possono farci evitare di pretendere di assimilare proteine dagli insetti. “Non abbiamo la necessità di ucciderli. Possiamo lasciarli liberi di esistere”.
Ha poi spiegato l’importanza di uno stop definitivo del consumo di carne ad una persona che aveva chiesto se fosse possibile continuare a mangiarne poca, sporadicamente. “E’ come quando si fuma” ha spiegato Barnard, “se si passa da un pacchetto a sole due sigarette al giorno, possiamo vedere lievissimi risultati, ma mai un sollievo completo che si ha se si smette in via definitiva”.
E sui derivati animali, ossia i formaggi, il dottore non ha avuto mezze misure: “quanti di voi vegani come ultimo derivato animale hanno fatto fatica ad eliminare il formaggio? Vi siete mai chiesti come mai? Beh, il formaggio crea dipendenza esattamente come avviene con l’eroina. Più che il latte, è il formaggio stesso. Va a sollecitare aree cerebrali. Ecco perché si crea un forte desiderio del suo consumo”.
Il formaggio poi è uno dei cibi a maggior contenuto di grasso presenti nella dieta onnivora. “Molto meglio l’olio d’oliva, ricco di sostanze benefiche per il nostro organismo”.

Tutte le altre informazioni sono disponibili nel video della conferenza qui sotto riportato.


I libri di Neal Barnard sono tradotti italiano e pubblicati in Italia da Sonda Edizioni.

Il Programma Kickstart

Neal D. Barnard

Il Programma Kickstart

In 21 giorni riduci il peso, acceleri il metabolismo e abbassi il colesterolo

Sonda Edizioni

€ 18


Curare il Diabete Senza Farmaci

Neal D. Barnard

Curare il Diabete Senza Farmaci

Un metodo scientifico per aiutare il nostro corpo a prevenire il diabete – Con menu e ricette a cura di Bryanna Clark Grogan

Sonda Edizioni

Voto medio su 6 recensioni: Buono

€ 18


Super Cibi per la Mente

Neal D. Barnard

Super Cibi per la Mente

Un programma alimentare per proteggere il cervello e rafforzare la memoria

Sonda Edizioni

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

€ 18


Annunci

°°[Intervista] Lola Marco: Super Mamma Vegan fra Allattamento, Autoproduzione e Ricette Vegetali°°

Se è vero che il lato positivo dei social network è quello di avvicinare persone che nella realtà magari non si sarebbero mai conosciute, è proprio grazie ad essi se ho potuto scoprire che al mondo esiste Lola Marco Gisbert.

Lola, con la quale ho stretto amicizia virtualmente qualche anno fa, è una delle persone che più ammiro, e per le quali nutro sincera stima.

Giovane, bella, sensibile, rispettosa della vita degli animali, amorevole nei confronti della natura, piena di interessi. E’ madre di un bellissimo bambino, vegan come lei, che ho visto crescere nel suo grembo e venire accolto al mondo circondato da tenerezza e affetto. Il bello di seguire la vita altrui attraverso attimi immortalati in foto condivise.

Lola è una ragazza troppo graziosa ed empatica per rimanere un semplice contatto fra quelli coi quali interagisco. Credo sia una persona capace di dare buon esempio, e pertanto eccomi qui, in questo nuovo articolo interamente dedicato a lei dove attraverso le mie domande ha raccontato qualche dettaglio di sé.

LolaeLorenzo

• Ciao Lola.
Come è nato in te il desiderio di diventare vegan?
La fonte di ispirazione è stata la mia gatta. E’ avvenuto circa 5 anni fa, un giorno l’ho
guardata e mi sono chiesta “perché continuo a mangiare gli animali?
E’ coerente scegliere di mangiare una mucca o una gallina e non un gatto? Perché questa grande ingiustizia se loro soffrono allo stesso modo?”
Credo che questo pensiero lo portassi dentro di me da molto tempo, sicuramente
dall’infanzia, ma non avevo avuto l’opportunità di aprire gli occhi. Questo mi ha aiutato a fare il primo passo e a riflettere sul fatto che gli animali sono individui con sentimenti e che non possiamo essere empatici solo con gli animali domestici e non con quelli “da fattoria”, quelli dimenticati. Allora ho cominciato un bellissimo percorso di vita insieme a colui che ora è mio marito, un percorso che ci ha migliorato a 360° e che non potevamo non scegliere anche per nostro figlio.

Che rapporto hai con la natura e i suoi abitanti?
Il mio rapporto con la natura è in continua evoluzione, ogni giorno mi faccio nuove
domande e provo a migliorarmi. Non solo non consumiamo prodotti animali ma evitiamo anche gli indumenti in pelle, pellicce, lana e seta, e sempre per questione etiche non visitiamo zoo, acquari, circhi o fattorie didattiche. L’ultima scelta consapevole per rispetto verso la natura è stata l’uso dei pannolini lavabili che utilizziamo per il nostro piccolo da quasi un anno. Siamo molto soddisfatti!

Sei mamma di un bellissimo bambino: raccontaci la tua esperienza con la gravidanza vegan.
Da un anno e mezzo sono mamma di un solare bimbo di nome Lorenzo, anche lui segue un’alimentazione a base vegetale. A 6 mesi abbiamo iniziato l’alimentazione
complementare a richiesta (auto-svezzamento) insieme al latte di mamma ed è sempre cresciuto benissimo. Il nostro pediatra quando andiamo a fare i controlli ci da sempre lo stesso benvenuto dicendo “signora, questo bimbo è una meraviglia!”.
Ho vissuto una bellissima gravidanza vegan, sono stata fortunata a non aver mai avuto nemmeno uno dei sintomi tipici, le mie analisi erano sempre perfette e avevo tantissima energia. Già da prima del concepimento ho cominciato a documentarmi sull’alimentazione vegan in gravidanza e allattamento, e poi per lo svezzamento del bambino. Devo dire che oggi in italia c’è tanta preparazione e si trova facilmente della bibliografia su alimentazione in gravidanza, allattamento e svezzamento. E’ stato anche molto utile poter contare sull’aiuto diretto della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana [1] e la sua rete di professionisti sempre disposti a risolvere i tuoi dubbi su integrazione, esami da fare, ecc.
Mi piacerebbe consigliare due libri che ho trovato molto validi nel mio percorso:
il testo della Dottoressa Luciana BaroniIl piatto veg mamy” su alimentazione in gravidanza e allattamento e il testo di Francesca GregoriMaria Teresa TosattiSvezzamento veg” sull’alimentazione complementare o autosvezzamento.

Chi ti segue sa che stai proseguendo con l’allattamento al seno: cosa ti senti di
consigliare alle altre mamme?
Allatto al seno il mio bambino di 18 mesi, e anche se abbiamo iniziato con qualche
difficoltà ne è valsa la pena. E’ stata ed è un’esperienza meravigliosa, forse una delle più  belle ed intense della mia vita. Il latte materno è l’alimento principale durante il primo anno di vita e come ogni mammifero solo quello specifico della specie riesce ad essere perfetto per il proprio cucciolo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità [2] consiglia di allattare non solo per tutto il primo anno ma anche durante il secondo anno di vita del bambino e se mamma e bimbo lo desiderano anche oltre. E questo è dovuto al fatto che il latte materno non smette mai di essere nutriente, cambiando la sua composizione a seconda delle necessità del bambino. Questo alimento prezioso fornisce anche una protezione immunologica al bambino oltre che una buona dose di coccole. Il mio bimbo anche se mangia di tutto continua ad integrare con il latte di mamma e ancora fa le sue 6-8 poppate nell’arco delle 24 ore. Mi sento di consigliare alla mamma che desidera allattare il suo bambino di informarsi già durante la gravidanza proprio per non seguire
eventuali consigli sbagliati, e in caso di problemi contattare la figura professionale che si occupa di allattamento, le Consulenti Certificate. Mi piacerebbe poi
consigliare un prezioso libro molto conosciuto in Italia sull’allattamento:
Un dono per tutta la vita” di Carlos Gonzalez.

• Svelaci un piatto o una merenda a cui il tuo bambino non sa resistere.
Per merenda il mio bimbo adora molte cose, il pane con Tahin (crema di sesamo), gli
avocadi, la frutta secca, la frutta fresca, yogurt di soia, la torta e grissini fatti in casa.
Un piatto per cui va matto? Le polpettine di lenticchie e grano saraceno con sugo di
pomodoro, o la pasta di farro con crema di anacardi, fave spezzate e piselli, e tanti tanti altri 🙂

 

Lorenzo

Il piccolo Lorenzo

Sei molto interessata in autoproduzione e al ritorno alla vita semplice: secondo te lo stile di vita eco-compatibile può essere d’esempio e raggiungere tante persone?
Di solito si pensa che l’autoproduzione toglie molto tempo ed energia ma la verità è che basta sapersi organizzare e diventa facile e veloce! Sembrerà esagerato, ma impiego più tempo e fatica ad andare ad acquistare i grissini che a farli 🙂
Lo stesso per il pane, imposto la macchina del pane la sera e abbiamo pane fresco anche per la mattina. Stessa cosa per i dolci, qui ne inforniamo tanti e li trovo un ottimo modo per creare delle merende nutritive mettendoci dentro tanti ingredienti che raramente troviamo nei prodotti già fatti, usando ad esempio farine di qualità, frutta secca, semi vari, ecc. L’autoproduzione in cucina è un modo economico e salutare per far da magiare ai nostri piccoli, ed è anche una bellissima esperienza educativa per coloro che presto decideranno di mettere le mani e partecipare 😉
Da quando è nato il nostro cucciolo ho cominciato anche a fare prodotti di igiene per la casa a base di oli essenziali ed altri prodotti naturali. Nel mio piccolo provo ad incoraggiare le mamme a ridurre il consumo di prodotti animali e a cercare di praticare una cucina genuina, semplice e ovviamente fatta in casa. Il ritorno
alle origini in certi aspetti della nostra vita non può che giovare a noi stessi e alla natura, per questo mi auguro che sempre più persone si rendano conto che il contributo di ciascuno di noi è importante, lo dobbiamo alla natura, agli animali e ai nostri figli.

 

Un affettuoso ringraziamento a Lola per essersi prestata per questa mia intervista.

 


[1] SSNV Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana – www.scienzavegetariana.it
[2] http://www.who.int/fr/news-room/detail/11-04-2018-who-and-unicef-issue-new-guidance-to-promote-breastfeeding-in-health-facilities-globally

°° Sostieni la Diffusione del Materiale Informativo Vegan.. Facendo Acquisti °°

🐷🐮🐗🐑
SOSTIENI
LA DIFFUSIONE
DEL MATERIALE INFORMATIVO
AGIREORA

FACENDO ACQUISTI VEG
🍎🍉🍓🍆🍅

 

Da molto tempo come saprete sono impegnata nel diffondere il messaggio antispecista e a difendere gli animali e i loro diritti non solo scrivendo articoli ma anche diffondendo materiale informativo AgireOra Edizioni.
In soli 3 anni sono stati da me acquistati e messi a disposizione delle persone interessate, a titolo gratuito nelle province di Pisa e Firenze, oltre 5000 opuscoli tra guide all’alimentazione vegan, ricettari cruelty free e volantini.

1536552_596925523710027_1420001374_n

Il materiale, stampato da #AgireOra e curato dalla Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana e dalla dottoressa Luciana Baroni, ha un costo di stampa e per far fronte alle spese negli anni passati ho organizzato numerosi eventi benefit e cene vegan dove parte del ricavato, oltre a sostenere associazioni animaliste di zona, copriva anche l’acquisto degli opuscoli.

Adesso ho trovato un nuovo modo per continuare a portare avanti l’informazione, dal momento che gli impegni non mi permettono di poter organizzare eventi e cene.

Attraverso la partnership instaurata con due fantastici negozi fisici e online dell’Emilia Romagna ho la possibilità di raccogliere fondi da destinare all’acquisto del materiale informativo.
La notizia bella è che chiunque lo voglia, anche a distanza, può contribuire… semplicemente facendo shopping!

Facendo infatti acquisti sul sito di
#Macrolibrarsi → ( http://www.macrolibrarsi.it/?pn=4714 )
e su quello de
#Ilgiardinodeilibri → ( http://www.ilgiardinodeilibri.it/?pn=5481 ) potrete far percepire a Think Green – Live Vegan – Love Animals il 10 o il 15% del totale dei vostri acquisti attraverso il codice partner ( inserito nell’url ).
Vale a dire che se spenderete 10 euro, 1 euro verrà accumulato nel mio panel partner e verrà utilizzato da me, per esempio, per acquistare un ricettario sulla cucina vegan AgireOra.

In questo modo, che non ha alcun costo aggiuntivo per chi fa acquisti, potrete sostenere la diffusione del veganismo insieme a me 🙂 .

Macrolibrarsi e IlGiardinoDeiLibri sono due negozi fornitissimi ed etici dove si possono acquistare
► alimenti bio vegan delle migliori marche ( Alpro, Probios, La Finestra Sul Cielo ecc)
► cosmetici e detergenti cruelty free (Neve Cosmetics, Weleda, Couleur Caramel, Argital, Benecos ecc)
► abbigliamento in cotone naturale
► oggettistica per la casa
► libri e cd di ogni tipo
a prezzi spesso scontati dal 10 al 30% !
La spedizione inoltre è gratuita in tutta Italia a partire dai 29 euro di spesa.

I fondi raccolti e investiti in materiale informativo verranno resi pubblici di volta in volta sulla mia pagina ( come ho sempre fatto anche per i fondi raccolti negli eventi benefit ).

Spero vi piaccia questa mia idea e questo nuovo modo di finanziare l’acquisto del materiale stampato da AgireOra ( www.agireoraedizioni.org ).

Ringrazio in anticipo tutte le persone che vorranno prendere parte a questa iniziativa contribuendo attraverso i miei codici partner all’acquisto di questo materiale.
Li trovate scaricabili gratuitamnete in pdf nell’artioclo dedicato ai contenuti gratuiti.
https://carmenluciano.com/contenuti-gratuiti/

Carmen

12512756_1001364163266159_6219557549068785097_n

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

°° [Recensione] Green Magma °°

Qualche settimana fa ho avuto il piacere di ricevere dei campioni di un integratore 100% vegetale e quindi eccomi qui per raccontarvi la mia esperienza.
L’integratore che ho provato si chiama GREEN MAGMA, ed distribuito in Italia dall’azienda Royal Green Products.
Questo prodotto, a base di estratto di foglie d’orzo coltivato organicamente in California, si presenta sotto forma di polvere da disciogliere in 100-200 ml di acqua, ma è anche disponibile in tavolette.
Definito “il latte di madre natura” dal medico giapponese Dr Yoshihide Hagiwara pioniere della salute, una volta unito all’acqua Green Magma da origine ad una bevanda verde che nella fragranza ricorda molto l’henné mentre nell’aspetto può sembrare una pozione magica stile Harry Potter! 🙂
Ho trovato il suo sapore gradevole e sono rimasta stupita da quanti nutrienti contenga questo integratore!

green magma

Green Magma è altamente assimilabile, facilmente digeribile e soprattutto è completo da ogni punto di vista nutrizionale grazie al processo unico al mondo di estrazione degli elementi dalle foglie d’orzo
(premio Science and Technology Agency’s Award 1987).
Può essere consumato anche dai neonati e dai bambini.
All’interno di questo integratore infatti troviamo minerali, vitamine, enzimi, amminoacidi e antiossidanti indispensabili per il nostro organismo.
Assunto al mattino da energia per iniziare la giornata, mentre se bevuto la sera favorisce il sonno.

Ho provato Green Magma durante le pause di pomeriggio e ho notato con molto piacere l’effetto positivo che genera su mente e corpo: minor affaticamento e più resistenza.

Green Magma è ideale per coloro che seguono programmi detox, per chi vuole migliorare la digestione o l’equilibrio acido-alcalino e anche per gli sportivi che necessitano di un integratore completo e naturale.

Ciò che merita anche attenzione è il fatto che esso non contenga assolutamente nessun ingrediente di origine animale a differenza di altri integratori.
Green Magma è vegan e anche gluten free.

Questo integratore è disponibile nelle erboristerie, nelle farmacie e in tutti i negozi biologici più foniti.

Per ulteriori informazioni e per scoprire gli altri prodotti Royal Green
visitate il sito RoyalGreen.it oppure scrivete una mail a info@royalgreen.it .

Green Magma in Polvere - Confezione Vetro
Non contiene naturalmente glutine, zuccheri, sale, coloranti

Voto medio su 18 recensioni: Da non perdere

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: