Annunci

Archivi Blog

°° 09/02/2018 – Animal Equality a Firenze °°

Venerdì 9 Febbraio 2018 si è tenuto in piazza Cesare Beccaria a Firenze uno dei tanti appuntamenti con lo stand di Animal Equality.
In compagnia di Alexa, Lorenzo e Luna ho partecipato come volontaria.

animal equality

Abbiamo distribuito materiale informativo sull’associazione, che da oltre 10 anni si impegna per diffondere il messaggio antispecista, e abbiamo permesso alle persone curiose di provare il sensore iAnimal.
iAnimal è una speciale apparecchiatura firmata Samsung che concede a chi la indossa di calarsi in una realtà virtuale a 360°. In questo caso, iAnimal ha mostrato a chi ne ha chiesto la prova la vita dei maiali dalla nascita fino alla macellazione.
Un video di 7 minuti che mostra il retroscena dell’alimentazione a base di carne, spesso nascosto dalla stessa industria alimentare. Indagini svolte in allevamenti italiani ed europei. Immagini sicuramente forti e che purtroppo sono la regola, non l’eccezione.

Abbiamo chiesto alle persone cosa sapessero sugli allevamenti prima di vedere il video, e successivamente, quale sia stato l’impatto nel vedere determinate scene.

Ecco le loro reazioni.

animal equality 2.jpg

animal equality 3.jpg

Altre persone curiose alla fine non hanno voluto provare la realtà virtuale poiché troppo sensibili a scene violente.

Animal Equlity tornerà a Firenze nelle prossime settimane.
Stay tuned!

 

Carmen

 

Annunci

°° 07/05/2017 – Animal Equality @ Viareggio °°

Vi siete persi gli appuntamenti con Animal Equality Italia in Corso Italia a Pisa e ad Ippoasi? C’è un nuovo evento per avere l’opportunità di scoprire cosa si prefigge l’associazione.

17626557_10212719148756710_2564267836679076955_n

Questa domenica 7 maggio Animal Equality arriverà nel comune di Viareggio!

Ospiti della Pineta di Ponente, luogo di pace con aree relax, percorsi sportivi e tanti altri divertimenti all’aria aperta, i volontari proporranno l’innovativo progetto iAnimal: un’esperienza unica che attraverso la realtà virtuale consente allo spettatore di osservare il mondo con occhi nuovi, quelli di un animale d’allevamento.
Lungo lo splendido litorale toscano, proprio davanti al lago dei cigni, troverete lo stand al Chiosco “Il Laghetto” dove sarà possibile acquistare sfiziosi bomboloni (vuoti, al cioccolato o con crema) o gustosi panzerotti semplici o farciti: ovviamente tutto 100% vegetale! 
Dalle ore 15:00 alle 20:00 Animal Equality e i suoi volontari vi aspettano numerosi al Chiosco “Il Laghetto”!

Viale Colombo 8, Pineta di Ponente, Viareggio
Per info e prenotazioni “Il Laghetto” 339/2643024

°° 25 Aprile: iAnimal @ Ippoasi °°

La Fattoria della Pace Ippoasi sorge tra i verdi boschi del Parco di San Rossore, in Toscana, ed offre rifugio a circa 90 ospiti molto speciali. Tutti gli animali sono qui inseriti in un contesto di rispetto ed armonia, in cui viene data loro la possibilità di vivere liberi per la prima volta.

Mucche, pecore, cavalli, maiali ma anche cani, capre, pony e cinghiali: ecco alcuni tra i protagonisti di questa realtà.

ippoasi3

Animali “da affezione” o “da reddito”? Sebbene nella società attuale alcuni animali vengano amati e rispettati, molti altri sono sfruttati ed uccisi: in Ippoasi però non vi è alcuna distinzione di questo tipo!

Nel gioioso contesto che questo rifugio offre, la Festa della Liberazione diventa occasione per estendere ancora una volta il concetto di Libertà a TUTTI gli animali.

Troverete quindi Animal Equality in Ippoasi con il suo stand informativo e il progetto iAnimal, esperienza di realtà virtuale che consente allo spettatore di vedere il mondo attraverso gli occhi di un animale d’allevamento.

Comprendere a pieno il processo di spersonalizzazione e le atroci sofferenze cui sono sottoposti gli animali nell’industria alimentare è il primo passo per fare scelte consapevoli e costruire insieme un mondo di Libertà per tutti.

Animal Equality vi aspetta quindi il 25 Aprile alla Fattoria della Pace Ippoasi, Parco di San Rossore, San Piero a Grado, Pisa, Toscana.

20170408_123321

PROGRAMMA COMPLETO DELL’EVENTO SU http://www.ippoasi.org/

°° 8.04.2017 Animal Equality @ Pisa – Foto & Dettagli °°

Sabato 8 Aprile 2017 a Pisa si è tenuto il secondo appuntamento con lo stand di Animal Equality, associazione che da circa 11 anni promuove consapevolezza e difende gli animali in più Stati nel mondo.
Anche stavolta ho avuto il piacere di fare volontariato al tavolo informativo.

Eccovi qualche dettaglio in più! 😉

17800241_10212719148356700_9017157397936550449_n.jpg
Come nel mese precedente, lo stand Animal Equality è stato situato in Corso Italia, davanti al negozio di cosmetici vegetariani e vegani LUSH.

20170408_111537.jpg

Dalle 11 alle 18.00 abbiamo distribuito materiale informativo sui diritti degli animali, sull’alimentazione vegetale e sull’abbandono della tradizione del consumare carne d’agnello per Pasqua. E’ stata una giornata particolarmente carica.
Sono state tantissime infatti le persone che si sono fermate allo stand per avere maggiori informazioni e per provare iAnimal, la realtà virtuale firmata Animal Equality che permette di immergersi a 360° nel mondo degli allevamenti intensivi.

20170408_123321.jpg

Gruppi di amici, ragazzi, coppie e persone di ogni età si sono fermati per provare il dispositivo. Ci sono stati momenti in cui si sono formate code d’attesa.
Ben 55 persone, fra italiani e turisti, hanno vissuto minuti interi della breve vita dei maiali allevati dall’industria alimentare.
Le reazioni sono state tutte molto interessanti.

20170408_113137.jpg

La maggior parte delle persone che si sono fermate per provare iAnimal era costituita da ragazzi tra i 15 e i 20 anni.
Alcuni spinti dalla curiosità di provare l’apparecchio elettronico, altri dalla volontà di capire come il cibo di origine animale viene realizzato.
Anche molti turisti si sono fermati. Abbiamo spiegato loro in inglese ed in spagnolo in cosa consistesse il viaggio attraverso gli occhi degli animali allevati.

“Faccio parte del settore alberghiero” ha detto un ragazzo mentre indossava il visore.
“E’ il mio ambiente quindi sono curioso di vedere”.
Dopo aver preso visione del filmato in realtà virtuale gli abbiamo chiesto cosa ne pensasse.
“Sì, ero a conoscenza di come vengono trattati i maiali negli allevamenti e di come vengono uccisi. Sentirsi all’interno delle scene però fa tutt’altro effetto” ha ammesso.

 

“Avevo visto delle scene sulla macellazione degli animali tempo fa, ma non immaginavo fossero così crudeli le persone che lavorano in questo settore” ha dichiarato un signore.

 

“Non ce la faccio a continuare a vederlo” ha detto una ragazza mentre chiedeva aiuto per togliere visore e cuffie con il video che ancora continuava.

 

“E’ incredibile ciò che accade negli allevamenti” ha espresso un ragazzo visibilmente scioccato. “Non ho parole. E’ davvero brutto”.

 

“La scena più impressionante è stata quella dove il maiale vede il suo stesso sangue per terra” ha spiegato un ragazzo.

 

“Fate benissimo a mostrare queste cose. L’industria dovrebbe essere trasparente e far vedere come questi esseri vengono trasformati in cibo, ma è ovvio che non accade perché le persone rimarrebbero scioccate” ha aggiunto una signora dopo aver provato iAnimal.

 

“Non riuscirò mai più a mangiare carne di maiale in vita mia” ha detto un altro ragazzo.

 

“Quello  che facciamo agli altri abitanti di questo pianeta è abominevole. Ci pensi? Li facciamo nascere per ucciderli. Mangiamo le loro sofferenze. Per fortuna le cose stanno cambiando. Voi giovani avete delle vibrazioni, delle energie nettamente superiori alle generazioni passate. Continuiamo così verso la strada della sensibilizzazione e della sensibilità perché dobbiamo arrivare alla coesistenza pacifica tra uomo e animale” ha espresso un signore.

I miei parenti in Albania avevano o hanno ancora degli animali da cortile. Li ho visti come li uccidevano ma io non ce l’ho mai fatta a fare le stesse cose che facevano loro.
Quando uno li alleva in casa almeno hanno una vita dignitosa, ma negli allevamenti intensivi sono ridotti a oggetti. E’ bruttissimo” è stata l’opinione di un ragazzo.

 

“Come ti è sembrato? Sapevi cosa si nascondeva dietro l’industria della macellazione animale?” ho chiesto ad un ragazzo che ha deciso di togliere il visore prima della fine del filmato. “Io non.. non..” ha iniziato a dire, prima di portarsi la mano alla bocca senza riuscire a dirmi altro. Impressionato dalla cruda realtà è corso lontano a sedersi su un muretto per rimanere qualche minuto con la testa fra le mani.

 

Come ho già scritto nell’articolo di resoconto del primo appuntamento con Animal Equality a Pisa, fare questo tipo di volontariato per me è davvero gratificante.
Credo che l’associazione abbia trovato il mezzo perfetto per mostrare come vengono trattati gli animali. Quasi nessuno sa con esattezza come funziona l’industria dello smontaggio animale. Sebbene articoli, foto e documentari siano materiale importante per far consapevolizzare le persone, la realtà virtuale ha quel qualcosa in più.
Una volta indossato il visore e posizionate le cuffie, per qualche minuto si è totalmente estraniati dalla realtà che ci circonda. Si rimane in compagnia di noi stessi, e della nostra coscienza. Ci si sente parte di quello scenario truce, e inaccettabile.
Quei minuti, quelle immagini che coinvolgono i nostri sensi rimangono impresse nella nostra mente. Diventano ricordi che vanno a riempire i cassetti della nostra memoria. Cassetti che, vuoi o non vuoi, si aprono a loro piacimento.

Ritengo pertanto importante che questo progetto continui, e darò sempre il mio sostegno affinché iAnimal arrivi in più piazze possibili.
Le persone devono sapere, devono essere informate.
La verità deve essere divulgata.

Rimanete collegati al mio blog per scoprire quali saranno le future date di Animal Equality in Toscana.

– Carmen.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: