Annunci

Archivi Blog

°° 09/02/2018 – Animal Equality a Firenze °°

Venerdì 9 Febbraio 2018 si è tenuto in piazza Cesare Beccaria a Firenze uno dei tanti appuntamenti con lo stand di Animal Equality.
In compagnia di Alexa, Lorenzo e Luna ho partecipato come volontaria.

animal equality

Abbiamo distribuito materiale informativo sull’associazione, che da oltre 10 anni si impegna per diffondere il messaggio antispecista, e abbiamo permesso alle persone curiose di provare il sensore iAnimal.
iAnimal è una speciale apparecchiatura firmata Samsung che concede a chi la indossa di calarsi in una realtà virtuale a 360°. In questo caso, iAnimal ha mostrato a chi ne ha chiesto la prova la vita dei maiali dalla nascita fino alla macellazione.
Un video di 7 minuti che mostra il retroscena dell’alimentazione a base di carne, spesso nascosto dalla stessa industria alimentare. Indagini svolte in allevamenti italiani ed europei. Immagini sicuramente forti e che purtroppo sono la regola, non l’eccezione.

Abbiamo chiesto alle persone cosa sapessero sugli allevamenti prima di vedere il video, e successivamente, quale sia stato l’impatto nel vedere determinate scene.

Ecco le loro reazioni.

animal equality 2.jpg

animal equality 3.jpg

Altre persone curiose alla fine non hanno voluto provare la realtà virtuale poiché troppo sensibili a scene violente.

Animal Equlity tornerà a Firenze nelle prossime settimane.
Stay tuned!

 

Carmen

 

Annunci

°° LIMPIDO – Poesia Ecologista °°

tuscany-388521_960_720.jpg

Limpido

***

Pieno, in secca, irrequieto oppure calmo
mi presento a voi: sono il fiume Arno.
Della Toscana son io il corso principale
nasco da Monte Falterona e arrivo fino al mare.

Tra numerose città mi snodo ormai da anni,
del mio passato son celebri alcuni danni.
Come quella volta, sebbene innocue in parvenza
esondaron le mie acque comprendo l’antica città di Fiorenza.

Mi dolgo e me ne dispiaccio, e lo dico con umiltà
di tormentar gli umani non ho mai avuto la volontà.
I problemi causati sarebbero stati di minor impatto
se fossi stato trattato con un po’ più di tatto.

Da secoli purtroppo vengo dall’uomo inquinato.
Povero me, di questo colore non son mai stato!
Rifiuti, sporcizia, scarichi sulle rive
continuano incessanti mentre gli animali rischiano di perire.

Qualche anno fa di pesci vi fu una moria.
Di chi è stata la colpa? Di sicuro non la mia.
Gli alberi pien di plastica sulla mia superficie realizzano il loro riflesso
ormai lo sanno anche loro che l’ambiente fluviale non è più lo stesso.

Cari umani, confesso di avere un desiderio:
vorrei che il vostro comportamento fosse un po’ più serio.
Vorrei essere una volta per tutte ripulito. Chiedo forse troppo quando in passato
i vostri panni ho risciacquato?

Vorrei che nella vostra vita vi prendeste almeno un momento
per riflettere come risolvere il problema del mio inquinamento
affinché un giorno possa io ritornare
chiaro e limpido, come ha la fortuna di essere il mare.

***
Carmen Luciano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: