Archivi Blog

°°Bambini Vs Animali: L’Assurda Campagna di SOS – Il Telefono Azzurro°°

Ieri mi è stata segnalata da un amico una nuova campagna di sensibilizzazione di SOS Il Telefono Azzurro Onlus per i suoi assurdi contenuti.

La campagna, dal titolo “Prima i Bambini”, è stata diffusa attraverso un video sui principali social network. Il filmato mostra scene tragiche: un’abitazione che prende fuoco, fiamme ovunque, persone disperate che scappano, altre già in salvo che pensano a chi è rimasto bloccato nell’incendio e due bambini con accanto un cane rimasti soli all’interno di una casa divorata dal rogo. Ma il finale del videoclip ha dell’amaro: un uomo riesce ad entrare nella casa che brucia, entra in una stanza, invita i bambini a fare piano per non spaventarsi, dice “shh va tutto bene”, prende il cane in braccio e lo porta via al sicuro, lasciando alle fiamme i piccoli umani.

Un messaggio allucinante che ha dell’inverosimile: animali messi al primo posto rispetto alla vita umana.

L’associazione spiega col seguente post il significato del video e il suo messaggio tra le righe: l’uomo salva il cane perché è la sola cosa che vede.

Quanto ideato, progettato, messo in pratica e diffuso da SOS – Il Telefono Azzurro Onlus è a dir poco incredibile.
E’ inaccettabile trovarsi di fronte a una campagna del genere, che vorrebbe sensibilizzare sui diritti dei bambini puntando il dito su coloro che si interessano di quelli degli animali.

A mio avviso, una scelta inefficace e controproducente.

Lo sappiamo bene noi attivisti e attiviste, lo sanno bene le associazioni di tutela animale, lo sanno ancora meglio gli animali stessi, quanta difficoltà risiede nel far capire alle persone che le altre specie non devono essere maltrattate, sfruttate, abbandonate a se stesse.
Oggi che abbiamo fatto dei piccoli passi in avanti nella lunga strada del riconoscimento dei diritti animali, e che ancora stiamo lottando contro le ingiustizie e le crudeltà (vedi processo a Gaetano Foco) un messaggio del genere non è accettabile.

Non è accettabile un messaggio tale da un’associazione come Telefono Azzurro, che dovrebbe sapere cosa significa tutelare gli indifesi.
Animali e piccoli umani lo sono in egual modo.
Perché parlare di preferenze?
Perché gridare al mondo “PRIMA I BAMBINI“?
In una società progredita nessuno viene per prima, perché nessuno rimane per ultimo.
Ogni vita è importante e preziosa, umana o non umana che sia.

E’ imbarazzante trovarsi davanti a questi aut aut, dove sembra che si abbia una sola possibilità di scelta.

E poi, già che sono qui, vorrei sottolineare la scorrettezza che risiede nell’uso generico del maschile (“l’uomo salva il cane”) con uomo inteso come genere umano. La nostra specie è composta da uomini e donne, non solo da uomini. E’ il caso di abbracciare un modo di esprimersi non patriarcale.

Tornando al messaggio, penso che una persona sensibile verso gli animali sia più propensa ad esserlo nei confronti dei propri simili.
Al contrario, chi manifesta odio e riversa violenza sugli animali ha alte probabilità di essere un individuo pericoloso.

Se vedessi dei bambini assieme a degli animali in difficoltà farei di tutto per salvare tutti loro, senza fare preferenze. Lo stesso farebbero tante altre persone come me.

Spero che SOS – Il Telefono Azzurro Onlus riveda questa campagna-accusa, e che in futuro abbracci altri modi e forme di esprimersi, più veritieri e più costruttivi.


Carmen.

°°[Benevento] 9 Cuccioli Abbandonati Senza Cibo°°

La cattiveria delle persone non ha limiti. Nemmeno la paura di contrarre il virus e di rischiare di morire sta arrestando il male che viene inflitto agli animali.

Mi giunge da Benevento una segnalazione drammatica:
ben 9 cuccioli di cane sono stati abbandonati in una zona di campagna.
Sono 7 femmine e 2 maschi, meticci. Sono stati lasciati a sé stessi senza la loro mamma, e ovviamente senza cibo né acqua.
Quale intento se non quello di farli morire?
In quella zona, mi dicono, l’abitudine di abbandonare animali è molto frequente.

I cagnolini abbandonati



I cagnolini si trovano in Via Nocelle a Bonea (Benvento) vicino a un rudere abbandonato di campagna, non lontano da un vivaio.
Chi ne ha comunicato il ritrovamento sta provvedendo a portare un po’ di cibo ai piccoli ma in quelle condizioni, da soli, non possono rimanere.

Impossibilitata a fare qualcosa di concreto dalla Toscana, mi affido anche a voi nella condivisione di questo appello: chiunque potesse intervenire, meglio se associazione di recupero animali, si mobiliti per mettere al sicuro questi cuccioli.

So che in questo momento critico è chiedere molto: i volontari della Campania sono stremati in una regione dove anche loro si sentono abbandonati dalle istituzioni assieme agli animali che recuperano.



Ringrazio sin da ora chiunque darà il proprio contributo condividendo l’appello o contattando chi di competenza sul territorio.

Spero che anche questa volta, con l’aiuto di tutti, l’ennesimo vuoto di umanità generato da gente dannosa e inutile, venga colmato con l’umanità di altri.


Aggiornamento: i cagnolini abbandonati sarebbero 11, non 9.


Aggiornamento del 20/04/2020


I cagnolini sono stati recuperati tutti da alcune volontarie animaliste della zona. Grazie a tutti per le condivisioni. Chi volesse contribuire anche a distanza al mantenimento dei piccoli potrà inviare una piccola donazione.
Rimanete aggiornati cliccando QUI

°° Addestramento Senza Parole: Quando L’Uomo può Essere il Migliore Amico del Cane °°

Lo abbiamo sentito dire spesso e continuiamo a sentirlo dire:
il cane è il miglior amico dell’uomo“.
Ed è vero. Senza la loro presenza la nostra vita sarebbe diversa.
Non avremmo peli per casa, giocattoli sparsi ovunque, tappezzeria e mobili mordicchiati, è vero..
ma non avremmo nemmeno amici sinceri con cui capirsi anche solo con uno sguardo, con i quali divertirsi con poche cose, con cui passare momenti spensierati o anche tristi sentendoci con loro inspiegabilmente compresi.
I cani sono esseri speciali in grado di creare un forte legame con gli umani con cui condividono la vita. Lo sono anche gli altri animali, ovviamente, ma questi in special modosono  quelli con cui l’uomo ha legato da più tempo. La storia lo dimostra.
La loro presenza nelle abitazioni umane risale a migliaia di anni fa.
Esistono documenti dove si parla di ben 14.000 anni, anche se recenti ricerche hanno portato alla luce casi di domesticazione in epoche più remote ( come quella di 33.000 anni fa secondo uno studio archeozoologico pubblicato su PLoS ONE).

cave canem

( Mosaico ritrovato nell’antica Pompei che avvisa in latino di fare attenzione al cane )

La “nascita” del cane si può dire sia strettamente collegata alla sua domesticazione.
In origine infatti questo animale altro non era che un lupo.
Stando all’ipotesi di una l’ipotesi avanzata da una zooarcheologa all’Università di Victoria in CanadaSusan Crockford, durante il periodo del Paleolitico alcuni lupi particolarmente incuriositi dalle attività svolte dalle prime forme di umanità si sarebbero avvicinati ai luoghi dove essi vivevano, attratti forse dagli avanzi dei loro cibi.

Di anni ne sono passati e il legame uomo-cane ancora continua.
In Italia il cane è l’animale più diffuso nelle famiglie, seguito dal gatto, altro animale amatissimo da millenni.
Circa il 55,6% degli italiani ha un cagnolino che vive con sé ( fonte Eurispes, 2013).
Sono parte integrante della famiglia e vengono visti come piccoli membri di essa.

Fino a qualche anno fa il cane, secondo la legge, era un bene di proprietà del suo padrone.
Se qualcuno lo feriva oppure uccideva, il reo era tenuto a risarcire il danno anche in base al valore dell’animale stesso.
Campagne di sensibilizzazione e raccolte firme hanno portato al riconoscimento del cane, finalmente, come essere senziente e non più come oggetto o bene di proprietà.
Un riconoscimento esteso, per il momento, anche ai gatti e ad altri piccoli animali da affezione.
Un riconoscimento che speriamo possa presto inglobare ogni forma di vita animale che ancora vanta pochi diritti ma fin troppi doveri nei confronti dell’uomo.

Il cane oltre ad essere un animale che per affetto si decide di avere con sé, di recente nella storia è diventato anche qualcuno su cui ci si affida per la salute, salvaguardia e salvezza umana.
Pensiamo ai cani-guida per chi non è vedente, a quelli che partecipano attivamente alla pet-therapy per aiutare chi ha difficoltà, ai cani che controllano insieme alla Polizia Cinofila il flusso di arrivi e partenze negli aeroporti ecc.
L’utilizzo del cane e il suo coinvolgimento in eventi e scelte umane personalmente, dal punto di vista etico, non lo vedo proprio corretto.
Tutto dipende anche da come viene fatto vivere all’animale ciò che per il proprietario è un “dovere da compiere”.
Alleati da trattare bene ci può stare,
ma “mezzi” oppure “operai a 4 zampe” da sfruttare assolutamente no.

Affinché il cane riesca a compiere determinate azioni volute dall’uomo, esso viene da quest’ultimo addestrato.
Non è una novità sapere che qualcuno utilizzi metodi violenti e crudeli per addestrare i cani. Metodi dove l’animale associa la sofferenza al non compiere una determinata azione oppure nel compierla.
Pensiamo per esempio ai collari elettrici di cui si è tanto discusso anche in trasmissioni televisive ( come Striscia La Notizia n.d.r).
Una volta messo al collo dell’animale che non vogliamo sentire abbaiare, esso rilascia scariche elettriche al momento che il cane abbaia. Con il tempo e con le ripetute scosse il cane associa l’abbaiare ( che è un suo diritto di espressione ) con la sofferenza fisica e pertanto smette.

Non è corretto, né giusto, né umano usare metodi cruenti per educare gli animali.
Come succede per le persone, l’educazione deve avvenire attraverso metodi pacati mirati a catturare l’attenzione.

Cuddling dogs

Uno di questi è l’addestramento “senza parole” , spiegato perfettamente dall’addestratrice cinofila Liane Rauch nel suo libro ” ADDESTRARE SENZA PAROLE – con la tecnica della mano vuota ” ( 96 pagine, Macro Edizioni ). Ne è molto consigliata la sua lettura.

Liliane Rauch nella sua guida dedicata a tutti ( proprietari di cani & co ) spiega passo passo come si può addestrare i cani senza strumenti, senza l’uso della parola e in un modo sempre efficace.
Tutto questo per instaurare una relazione armoniosa sia per vivere pacificamente in casa, sia per condividere fuori belle esperienze insieme.
Si sa che i cani trovino molte distrazioni che l’ambiente esterno offre loro, ma mantenere il contatto visivo e fare in modo che la concentrazione del cane sia su di voi è possibile.

L’opera è nata per dare un’alternativa valida e differente dagli addestramenti cinofili convenzionali.
<< Con la mia cagnetta Sunny ho frequentato una scuola cinofilo classica, ma ben presto ho avuto la sensazione che ci mancasse qualcosa. Volevo che fosse differente, volevo percorrere altre vie, più gentili e più adeguate al cane e considerare l’animale nella sua totalità >> ha affermato l’autrice.

Se avete un cane dunque, magari con problemi relazionali con voi o con altri animali che lo circondano, ricordate che si può superare insieme ogni ostacolo e nel modo più tranquillo e armonico per tutti. Potete provare da soli o in alternativa decidere di rivolgervi ad un educatore cinofilo.

Il cane è il migliore amico dell’uomo,
ma anche l’uomo può e deve essere il migliore amico del cane 🙂 .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: