Annunci

Archivi Blog

°° Se Vegetale non è “LATTE”? Albjus -Coniato un Neologismo Esclusivamente Vegan °°

Latte di soia? Panna vegetale? Formaggio di riso?
Bye bye termini presi in prestito!
Secondo la Corte di Giustizia Ue non si potrebbero più utilizzare i suddetti termini legati ai prodotti di origine animale per indicare le alternative realizzate con ingredienti vegetali.

Nonostante tante parole siano nate ricollegandosi al gesto che sta dietro la preparazione dell’alimento, come nei casi di
– “insaccato” (posto in una ‘sacca’, che poi son budella)
– “affettato” (fatto a fette)
– “formaggio” (da ‘forma’, recipiente in cui è collocato)
all’industria che sfrutta gli animali questo prestito proprio non va giù.

Il motivo? Creerebbero confusione tra i consumatori, soprattutto quelli non vegani, che leggendo “latte” sbaglierebbero a comprare ritrovandosi a consumare alimenti dai nutrienti ben diversi. Un’ipotesi che potrebbe risultare tranquillamente un’offesa per i clienti, dal momento che verrebbe messa in dubbio la loro capacità di leggere le etichette e, di conseguenza, di scegliere il prodotto che più preferiscono.

assocarni.jpg
Se da una parte troviamo chi sostiene lo sfruttamento degli animali per introito economico intento a dire che è la salute dei clienti che intendono salvaguardare, dall’altro non possiamo fare altro che notare che questo provvedimento possa essere un futile tentativo di ostacolare la crescita del mercato vegan.

Le alternative vegetali infatti stanno minando l’economia basata sugli allevamenti intensivi. Secondo i dati Nielsen sulla grande distribuzione, il settore delle bevande vegetali alternative al latte (che da due anni fanno anche parte del paniere Istat) ha registrato nel 2016 un incremento del 7,4%, per un valore complessivo di circa 198 milioni di euro [fonte: Corriere.it ]. Percentuali davvero alte, se si pensa comunque che le bevande vegetali abbiano lo svantaggio di avere un’iva applicata del 22%, nettamente superiore a quella del 4% prevista per il latte di origine animale.

14910468_10211097110966779_6425900335902181730_n

Esselunga: il reparto bevande vegetali grande quanto quello di latte animale

A differenza di quanto sostenuto da Assocarni e da chi continua a vedere negli animali degli esseri da sfruttare fino alla morte, imposta, sono fermamente convinta che questo boom di vendite sia dato da scelte consapevoli e non da errori fatti al supermercato.
I nostri carrelli si riempiono sempre di più di alimenti realizzati con materie prime vegetali, spesso di origine biologica, sia per motivi salutistici sia per etica e rispetto per le altre specie.

In natura ciascun mammifero ha il suo latte.
L’uomo è l’unico essere vivente che impone agli altri animali di concepire figli (previa ingravidamento manuale/violenza fisica) per poi sfruttare la maternità altrui per derubare le femmine del latte che spetta ai cuccioli.
Un oltraggio che continua ogni giorno, ma che al contempo è oggetto di rifiuto da un numero sempre più grande di persone sensibili.

Personalmente non bevo latte né mangio formaggi da anni e questa scelta mi ha portato solo benefici dal punto di vista salutistico e da quello etico-morale: sapere di non portare alla bocca secrezione mammaria (che sia liquida o cagliata) di femmine schiavizzate e ridotte a macchine da produzione ha sicuramente innalzato il mio modus vivendi.

Tentare di ostacolare la vendita dei prodotti alternativi a quelli realizzati con violenza dimostra quanto si sentano minacciati coloro che lucrano sull’organismo altrui.

Non sarà la fine dell’utilizzo del termine “latte” a frenare la vendita di bevande vegetali.
Non saranno gli schiavisti a vincere questa lotta per la liberazione degli oppressi.

latte vegetale.jpg

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha deciso, fra le tante parole, che il sostantivo LATTE (di derivazione latina lāc/lactis) sia da utilizzare solo ed esclusivamente per quello di origine animale?
Perfetto.
Ci adegueremo. Porteremo innovazione non solo negli alimenti, ma anche nel linguaggio.

Da qualche ora di riflessione e di valutazione di più lingue in disuso ed utilizzate ho coniato un neologismo che credo possa essere adatto per indicare qualsiasi bevanda vegetale di colore bianco.

ALBJUS 
Dalla fusione dei termini  latini
ALBUS (chiaro) e IUS (brodo/succo) posto al francese (JUS).
Un neologismo semplice, dalla base linguistica comprensibile sia in Europa che all’estero, in grado di indicare un succo vegetale di colore chiaro, tendente al bianco.
Un sostantivo unico, non presente in nessun idioma.

Albjus di riso, albjus di soia, albjus d’avena..

Come tutti i neologismi inizialmente suonano strani, ma con il suo utilizzo può diventare una valida alternativa a termini che vale la pena lasciare associati ad alimenti tipici di una dieta retrograda e invadente.

Le nuove parole, per entrare nel vocabolario ed essere prese in considerazione dall’Accademia della Crusca, devono essere utilizzate da un numero ampio di parlanti.
Pertanto, se appoggiate l’idea di dare vita a nuovi termini per indicare prodotti che non hanno comportato la morte di nessuno, iniziate anche voi già da domani mattina ad utilizzarlo, magari facendo colazione o merenda con un bicchiere di albjus alla nocciola.

Utilizzate l’hashtag #Albjus sui vostri canali social e rendete la parola conosciuta ai vostri amici e contatti.

Nel frattempo, il mio blog è a disposizione di tutti coloro che vorranno inviare un proprio neologismo da rendere pubblico per le alternative vegetali allo yogurt, al burro e alla panna.

– Carmen

Annunci

°° Guida agli acquisti ECO VEG all’ Eurospin °°

Eurospin è una catena di supermercati ormai diffusa in tutta Italia con punti vendita presenti in quasi tutte le regioni.
La caratteristica di questo supermercato è che il cibo e i prodotti che vengono messi a disposizione dei clienti hanno un prezzo contenuto. I prezzi sono gli stessi di regione in regione.
Ma fate bene attenzione! Non sempre vale l’equazione “Minor Costo=Minore Qualità”.
Perchè se c’è una cosa che ho constatato facendo acquisti all’Eurospin è che la qualità c’è eccome!
Quindi, ecco che voglio condividere con voi vegani e non, tutto ciò che si può comprare di vegan in questa catena di supermercati!

FRUTTA E VERDURA –

Il reparto di Frutta&Verdura è molto rifornito.
Si possono trovare ortaggi e frutta di stagione a prezzi convenienti.
Negli Eurospin più grandi viene messo a disposizione anche un banco frigo dove poter acquistare verdura conservata sotto vuoto, funghi e tanto altro.
Con soli 10 euro si possono portare a casa chili e chili di bontà!
Un esempio?
4 kg di patate, 1,49 Euro.
1 kg di pomodori rossi, 1,1o Euro.
1 kg di banane, 1,39 Euro.
Eurospin da la possibilità ai consumatori di riempire di più il carrello rispetto ad altri supermercati.
Inoltre ogni settimana ci sono offerte e sconti, quindi la convenienza aumenta!

PROTEINE –
Elemento importante per una corretta alimentazione, le proteine sono reperibili nella frutta secca, nei legumi e cereali.
Per fare un carico di proteine, acquistate fagioli cannellini, ceci, lenticchie che potrete trovare in scatola già precotti e pronti da servire.
Esempio:
Fagioli Cannellini 400 g ( 240g peso sgocciolato) in scatola – 0,29 Euro.

PASTA, SPAGHETTI E D’INTORNI –
I carboidrati sono combustibile per il nostro organismo. Assunti in quantità non eccessive ci tengono in salute e pieni di energie.
Per soddisfare il fabbisogno di carboidrati basta mangiare un bel piatto di pasta al pomodoro, o spaghetti olio e pomodorino, o pasta saltata in padella con olio,aglio e noci ecc ecc.
Il marchio che troverete all’Eurospin è “TreMulini”.
Anche qui, i prezzi sono contenuti.
Tre Mulini produce la pasta in Campania.
Con meno di un euro è possibile preparare un primo piatto per 4 persone!
Esempio di prezzi:

– Mezze Penne Rigate Tre Mulini 500 g – 0,34 Euro.
– Pomodori Pelati 400 g in scatola – 0,45 Euro.


SOYA E DOLCEZZE VEG –
All’Eurospin sugli scaffali si possono trovare davvero tanti tipi di latte di soya da coltivazioni italiane!
– Latte di soya al naturale – 1,09 Euro
– Latte di soya e riso – 1,19 Euro
– Latte di soya e agave – 1,19 Euro
– Latte di riso – 1,19 Euro
– Latte di soya al cioccolato – 1,19 Euro
– Latte di soya alla vaniglia – 1,19 Euro.

In alcuni banchi frigo si trovano anche gli yogurt di soya con pezzi di frutta della linea “SoyaLife” dal costo di 1,89 Euro (4 pezzi).

Nel reparto freezer invece, a grande richiesta, sono disponibili i gelati vegetali!
Dire che sono ottimi è dire poco!
La marca è “Dolciando & Dolciando” . Nella confezione da 350g si trovano 6 pezzi (2,49 Euro): cono, biscotto e stecco ricoperto da cioccolato fondente.

L’unica pecca di Eurospin è che non ha prodotti per il corpo  cruelty free.
Quindi, non vi consiglio di acquistare saponi o cosmetici..
Quelli conviene acquistarli altrove.
Non si risparmia sulla sofferenza degli animali! ^_^

UpDate 20 ottobre 2012:

Finalmente qualche prodotto ecologico e non testato su animali è in vendita sugli scaffali!!


Sono stata di recente in un supermercato Eurospin e ho trovato con molto piacere una nuova linea di prodotti per le pulizie di casa totalmente di origine vegetale, biodegradabile al 100% ( c’è la dicitura Non testato su animali sul retro, ma non ho trovato una certificazione che lo confermi, quindi rimane proprio il dubbio).
Controllando l’etichetta sul retro ho notato che la ditta che la produce è la Madel S.P.A , ovvero la stessa che realizza la linea Winni’s Naturel.
Gli ingredienti INCI dei prodotti sono gli stessi, cambia solo il prezzo, molto più vantaggioso nella versione E’Eco che Winni’s.
La linea comprende….

– Detersivo Bucato Lavatrice, 2l, alla Lavanda oppure Aloe & Fiori d’Arancio ( 3,99 Euro )
– Detersivo piatti  concentrato , 500 ml , ( 1,19 Euro )
– Ammorbidente concentrato ai fiori bianchi, 750 ml, ( 1,49 Euro )

Io li uso, e sono davvero validi facendo un rapporto qualità prezzo!.

Nella linea di prodotti ecologici trovate anche le vaschette per scaldare il cibo in forno e i sacchetti della nettezza.

Altra novità all’Eurospin è la presenza in vendita di Assorbenti e Proteggi slip realizzati in puro cotone biologico, ecologici e quindi compostabili.
Li trovate in offerta fino al 20 Ottobre 2012, ma spero rimangano in vendita ufficialmente.

°° Colazione Vegetariana °°

Se sei interessato ad intraprendere un nuovo stile alimentare privo di alimenti di origine animale, questo post può fornirti consigli utili, iniziando dalla colazione. Se invece segui già l’alimentazione vegetariana, puoi trarre spunto per ampliare la tua colazione!

Bevande: Al posto del latte, puoi bere la mattina a colazione il latte di soya, quello di riso (Chiccolat Scotti) oppure quello di Mandorle (Condorelli).Se ti piace qualcosa di più dolce, esiste anche la variante di latte di soya alla vaniglia e al cacao! Il latte di soya lo puoi reperire nei supermercati (Coop, Eurospin, Penny Market, il costo va da 1,19 a 2,80 Euro) o erboristerie più forniti. Se non ti piace il latte, ma solitamente bevi altre bevande, puoi scegliere di bere un bicchiere di succo d’arancia (da preferire quello spremuto sul momento) oppure altri succhi di frutta già pronti, meglio se biologici. Anche il thè o la camomilla possono essere ottime bevande da bere a colazione. Sir Winston Tea offre confezioni da 20 filtri, con i migliori thè inglesi aromatizzati con erbe e frutti. Provali!

Croissant: Se ti piacciono i Cornetti a colazione, ricordati che sono fatti con le uova. Se non sai resistere alla tentazione di un cornetto, sappi che in commercio esistono quelli  alla marmellata , fatti senza latte ed uova. Non sono biologici nè freschi di giornata (sono già confezionati) ma sicuramente sono la scelta migliore per evitare derivati animali.

Biscotti: Qui la scelta è vestissima. In qualsiasi supermercato potrai trovare biscotti biologici, ai cereali, con pezzi di frutta. Devi solo scegliere quelli che ti ispirano di più appetito e abbinarli alla tua bevanda preferita.

Crostatine: Per una colazione che deve iniziare all’insegna della dolcezza, prova le crostatine GERMINAL. Sono già confezionate, e le trovi nei migliori supermercati. Hanno stampato sulla confezione in simbolo Vegan perchè appunto non contengono uova o latte. Sono disponibili in due varianti: Crostatine ai frutti di Bosco o all’Albicocca.

Muesli: La giornata inizia davvero bene se hai tempo di fare una colazione rilassante che prende un pò di tempo. Le varianti di Muesli sono vaste: da quello croccante a quello con la frutta a pezzettini. Scegli il tuo preferito e mangialo versandolo in una tazza con latte di riso o di soya. Se vuoi provare qualcosa di unico, metti tre cucchiai di muesli in una tazza di latte di soya alla vaniglia: te ne innamorerai!

Frutta: Non dimentichiamoci di questo alimento base importantissimo per darci energia a inizio giornata. Mela, Banana, Pera, Arancia… devi solo scegliere quello che ti piace di più.. e sbucciarlo! (La frutta non biologica ha sulla buccia cera lucidante e residui di pesticidi, se la togli, eviti di ingerire queste sostanza poco buone!)

Yogurt: Invece di scegliere quello derivato dal latte, prova quello di soya! La marca VALSOIA ha la linea che fa per te. Nel banco frigo di tutti i supermercati, potrai trovare quelli con pezzi di frutta, quelli classici o con germe di grano. Assolutamente Buoni!

Fette Biscottate & Marmellata: Simbolo delle più classiche colazioni. Scegli le fette biscottate a te più idonee (forma, dimensione,ingredienti) e spalma un cucchiaino di marmellata (meglio se biologica, della frutta che più ti piace) per ogni fetta. Per non eccedere, ti ricordo che la quantità di fette ottimale per una sana colazione è di 4 unità.

Esempio di colazione:

– 1 Bicchiere di succo d’arancia (ok anche la spremuta) & 4 fette biscottate con margarina e un cucchiaino di marmellata alla frutta ciascuna.

– Un frutto, una tazza di latte di soya/riso/mandorle e una crostatina.

Budini: Al supermercato ( Conad per esempio ) o in erboristeria puoi trovare dei dessert alla soya o al riso al gusto di cacao o vaniglia. Assolutamente buoni!

Come vedi, una colazione cruelty free è semplicissima da fare. Basta trovare gli alimenti adatti e mixarli bene per personalizzarla come più ci piace. Iniziare la giornata senza un consumo di alimenti animali è davvero facile. Buona Colazione!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: