Archivi Blog

°° Supermercati Coop & il Vergognoso Sconto sugli Agnellini di Pasqua °°

Anche quest’anno la catena di supermercati COOP ha deciso di macchiarsi di sangue innocente.

Dal 4 al 14 Aprile 2017, per tutti i soci, è previsto uno sconto del 50% sull’acquisto di
metà confezione di agnello con testa e corata“.
10 giorni di promozione tattica con la speranza (fa alludere la cosa) che i resti di questi animali sacrificati in nome del nonnulla vengano acquistati in occasione della Pasqua
che cadrà il 16 Aprile.

coop.jpg

E se almeno gli agnelli uccisi hanno ancora la testa, mi domando se l’abbiano integra e contenente un cervello dai neuroni funzionanti coloro che vendono i corpi altrui privati della loro vita.

Esistere al mondo è un diritto inalienabile di ogni specie, ma per qualche strambo motivo una sola di esse (quella umana) si avvale della facoltà di imporre la morte. Senza reale necessità alcuna.

Fortunatamente, il numero di agnelli uccisi per motivi religiosi cala di anno in anno.
Le persone sono sempre più sensibili al tema dei diritti degli animali e questo si ripercuote negativamente sulle vendite nei reparti macelleria.

Mi auguro che voi lettori decidiate di non usufruire di questa squallida, vergognosa e disumana promozione. Mi auguro possiate realizzare che la vita non ha prezzo e che essa è il bene più prezioso che un individuo possa ricevere dalla natura.
Spero che decidiate anche questa Pasqua di non imbandire le vostre tavole di sofferenza e morte.

Esistono infinite alternative vegetali, gustose e sane, da poter preparare per il pranzo con i parenti. I cuccioli lasciamoli alle rispettive madri!

Trovate una moltitudine di ricette sul fantastico sito Vegolosi.it .
Per scoprire invece l’orrendo modo in cui gli agnellini nascono e finiscono al banco frigo visitate la video community LaVeraBestia.org.

VERGOGNA COOP!

°° Non è Necessario Togliere la Vita agli Altri Per Continuare la Nostra °°

Qualche giorno fa, recandomi in un supermercato per motivi collegati al blog, sono passata tra i banchi frigo del reparto macelleria ( luogo che non sostengo economicamente da 14 anni, n.d.r ) per osservare i gesti delle persone che abitualmente vanno li per acquistare resti animali.

Per me che amo gli animali tanto quanto amo la mia vita, tutte le volte è come passare in un cimitero. Con la differenza che non ci sono fiori, ma etichette con i prezzi.
Non nascondo il fatto che provo una tristezza infinita e devo controllare le emozioni per non scoppiare a piangere davanti occhi spenti dentro i quali vedo ancora il terrore e la sofferenza provati negli ultimi istanti di vita,
insieme alla speranza di non morire.

coniglio intero.jpg

Come si possa scrivere “Buona Spesa” su un essere privato della propria vita, non lo so.

Ho visto persone apprestarsi a mettere nel carrello le piccole vittime dell’industria della carne, ho visto altre fare la fila per accaparrarsi il taglio preferito, ho visto individui scrutare, tastare con le mani i corpi privi di vita sigillati nelle confezioni
alla ricerca di chissà quale qualità.

<< Oddio, ha ancora le piume attaccate >> ho detto a mezza voce sperando che un uomo accanto a me, impegnato a girare e rigirare le confezioni con dentro delle galline intere, smettesse per un istante di farlo per rendersi conto di cosa realmente stesse facendo.
Al contrario delle mie speranze, come un automa ha continuato a prendere in mano gli animali impacchettati per controllare le scadenze,
e dopo averne ributtati due sul banco con la stessa noncuranza tipica di quando si getta un fazzoletto usato nel cestino, ha scelto la sua vittima.

gallina intera1

Sul suo volto ancora la straziante espressione di chi è stato colpito a morte

Tutti, e dico tutti, sembravano lontani anni luce, come inglobati in una bolla di sapone al profumo di ignoranza. Ho visto in loro un esserci a metà, con la ragione assopita da chissà quale incantesimo.
E’ stato brutto sentirsi coscienti tra individui dalla coscienza dormiente.
E’ stato come sentirsi soli tra persone che non parlano la tua stesa lingua, e che non vedono ciò che i tuoi occhi vedono.

E allora eccomi qui a scrivere, a continuare a farlo per gli animali, con la speranza che qualcuno lontano dagli impegni e finalmente solo con se stesso, seduto davanti ad un pc, finisca a leggere queste poche righe.

Ci rendiamo conto di cosa sta accadendo fuori dalla nostre case, dentro agli allevamenti, lontano dai nostri occhi?
Decine, centinaia, migliaia, miliardi di animali vengono fatti nascere contro la loro volontà, vengono costretti a vivere una vita fatta di reclusione, privazioni, alimentazione non naturale, negazione dei rapporti sociali, stress, sofferenza fisica e mentale prima di essere condannati a morte.

Riusciamo minimamente ad immaginare l’impatto ambientale che può provocare il far nascere così tanti individui quando in natura non accadrebbe mai una sovrappopolazione del genere?
Riusciamo a quantificare il numero di “rifiuti” scartati da questi corpi privati della loro vita da far smaltire al pianeta?
Stiamo vivendo la più grande mancanza di rispetto per la natura di tutta la storia.

Quello che voglio dirvi è che non è necessario fare del male agli animali, non è indispensabile farli nascere per ucciderli e mangiarli per “sopravvivere” in questo mondo. Non possiamo distruggere il pianeta per il nostro egoism,o.
Dovremmo smetterla di credere a alle teorie di chi afferma che mangiare carne sia una scelta salutistica, perchè la prova schiacciante dell’esatto contrario siamo noi che da anni viviamo senza alimentarci con i corpi di altre specie,senza aver mai perso la salute.
Iniziamo piuttosto a chiederci se questi consigli che vanno contro la vita degli animali siano frutto di un sincero amore per la vostra salute o per altr0.

Non finirò mai di dirlo che abbiamo la possibilità di scegliere qualcosa di giusto per tutti.
E’ per questo che ho aperto il blog che state leggendo: per far scoprire a chi vi accede che l’alternativa alla crudeltà esiste, e che si vive benissimo senza negare nessun diritto al nostro prossimo.

Guardate questo coniglio.

coniglio intero1

Ditemi come si può vederlo immobile, acciambellato dentro ad una vaschetta di polistirolo, scuoiato, con le zampe e le orecchie tagliate via, tutto imbrattato di sangue.
Come si fa?
Come si fa a stabilire che la sua esistenza valga pochi euro e centesimi?
Non riuscite nei suoi occhi spenti ad immaginare gli ultimi attimi di vita di questa vita che sicuramente, come tutti,  non voleva morire?
Io lo immagino, lo immagino eccome, ed è per questo che non potrei mai vedere nei suoi resti un mio ipotetico pasto.

Non è necessario sporcarci le mani di sangue innocente.
La morte degli non determina la nostra vita.

L’unico modo che abbiamo per salvaguardare il pianeta è smettere di allevare i miliardi di animali che vengono uccisi ogni anno.
Per far crollare il business della carne che miete vittime su vittime l’unica soluzione efficace è smettere di finanziarla economicamente.
Scegliere di intraprendere uno stile di vita e alimentare vegan, basato rispettivamente sul rispetto per ogni forma di vita e su una dieta 100% vegetale, è l’unica vera azione concreta che si può fare per tutelare la natura, le altre specie e anche noi stessi.

Ortaggi, legumi, verdure, frutta, cereali, semi .. abbiamo migliaia di opzioni vegetali da combinare insieme realizzare piatti fantastici pieni di vita e non di morte.
Vegetali che forniscono tutti i elementi nutritivi di cui abbiamo bisogno ( vitamine, ferro, proteine ecc).
E la b12?
Ecco, parliamo di questa famosa vitamina sulla quale i contrari all’alimentazione vegan stanno fin troppo giocando come se l’avessero solo loro.

Come spiegato dalla dottoressa Michela De Petris durante la conferenza sull’alimentazione vegetale come prevenzione per i tumori tenutasi al Museo Piaggio di Pontedera (PI) ad Aprile, la vitamina b12 in natura proviene da batteri presenti nel terreno.
Gli animali (erbivori) alimentandosi con vegetali strappati direttamente dal suolo la integrano direttamente brucando.
Abbiamo detto gli animali in natura, liberi di scegliere cosa mangiare, notare bene.
Quelli rinchiusi negli allevamenti, che non vedranno mai la luce del sole e figuriamo ci allora se pascoleranno mai su un terreno erboso, sarebbero i primi ad essere carenti non solo di b12 proprio per il loro esser tenuti lontano da una condizione di vita naturale.
Per far fronte alle carenze esistono molti integratori zootecnici.
Ovviamente la cosa non viene detta con tranquillità.

Per quanto riguarda noi umani, dal momento che laviamo ed igienizziamo tutto e dal momento che ingerire vegetali non lavati (a patto che non siano del nostro orto bio) non è proprio la scelta migliore da prendere se si pensa a quanto è inquinato il suolo, possiamo far fronte al bisogno di b12 scegliendo integratori vegan .

Tra il dare agli animali integratori, farglieli assimilare, ucciderli e mangiarne il corpo per avere nel nostro organismo determinati elementi… mi sembra il minimo saltare il crudele anello della catena alimentare e integrare direttamente noi quel poco che non possiamo avere con la semplice alimentazione.

Chiuso la parentesi b12,
ritorno al discorso principale.
Uccidere gli animali non è un gesto etico accettabile nell’era dell’evoluzione in cui stiamo vivendo.

Vi invito a riflettere su quanto ho scritto.
Se avete a cuore la vita di tutti e se la morte di esseri senzienti non vi lasci proprio indifferenti, prendete in considerazione l’idea di diventare vegan ❤
Trovate tanto materiale informativo scaricabile gratuitamente cliccando qui .

Buona scelta a tutti ❤ .

carmen

carmen1.jpg

Carmen.

°° Nuovi Prodotti nei Reparti Vegani presso i Supermercati COOP : Ecco Quali Sono °°

Ciao A-mici!
Oggi vi informo sui nuovi arrivi vegan presso i supermercati Coop più forniti.

Coop da quest’anno ha introdotto  uno spazio nel banco frigo dedicato a seitan, tofu, cotolette, burger, salsine e molto altro, ve ne sarete accorti.
Di recente però nei punti vendita è comparso un nuovo mini-reparto totalmente vegano con altro tipo di alimenti a temperatura ambiente.
Guardate che cartello enorme che c’è in bella vista a Empoli 😀

reparto vegan coop

Questo è quello che si trova nel punto vendita Centro Coop di Empoli (Fi).

Cosa si può trovare in questo nuovo reparto?
Ma vediamo insieme…

– gli affettati “Muscolo di Grano”
– le alghe per fare il sushi vegetale
– i preparati per realizzare il seitan e i burger vegetali in casa
– le Salse ( Maionese senza uova ecc ) e sughi già pronti
– Integratori alimentari
– Crackers e Gallette ai cereali
– Una linea di alimenti realizzata con la canapa ( semi, cioccolata , biscotti ecc )
– Preparato per realizzare latte vegetale al pistacchio
– Brick di latte al cocco aromatizzati

Queste che vi mostro sono foto che ritraggono alcuni prodotti da vicino con relativi prezzi ( che possono variare nel tempo )..

coop

coop1 coop2 coop3

coop4

coop5

Nel banco frigo invece è approdata una freschissima novità take away: I tramezzini al tofu, olive e capperi!
Se fino a qualche tempo fa era impossibile trovare qualcosa da consumare al momento, adesso non lo è più 😀

COOP 1

COOP 3

COOP 2

Altra cosa che mi ha fatto molto piacere è stata quella del trovare il seitan a marchio NATURA NUOVA sponsorizzato dal nuotatore e Campione del Mondo 100sl Filippo Magnini.
Per chi non lo sapesse, lo sportivo è di recente diventato vegano 😉
Trovo l’abbinata alimento vegan + atleta vegan molto interessante perchè è giunto il momento che venga tolto di mezzo il falso mito dei vegani sciupaticci, bianchi e pieni di carenze.
Non lo siamo affatto e ve lo dimostriamo!

<< Se avessi seguito un’alimentazione vegan a vent’anni avrei avuto risultati ancora più eclatanti  >> ha detto Magnini a Veggie Channel [ leggi l’intervista cliccando QUI ]

filippo magnini

Ricordo a tutti i miei lettori più pignoli che questi articoli sono a semplice scopo informativo.
Seppur in vendita in una catena di supermercati che collabora con Cinelli, azienda che produce indumenti con piuma vera, nonostante COOP sia ancora lontana dall’etica animalista ( c’è il reparto macelleria con carne HALAL e nel reparto pescheria i pesci vivi negli acquari non vengono alimentati), la messa in vendita di questi alimenti va interpretata solo come un segno che indica quanto i consumi e la richiesta dei consumatori stiano cambiando.
L’auto produzione e l’orto, per intendersi, non li supererà mai nessuno nella qualità e nell’ecologia, ma iniziare a vedere questi prodotti che spero presto possano sostituire del tutto quelli fatti attualmente con la morte degli animali , è solo positivo.
Il mercato è tenuto in piedi dalla domanda e dall’offerta.
Se la domanda vegan aumenta, aumenterà anche l’offerta di prodotti cruelty free.
Se smettiamo tutti di chiedere alimenti fatti con animali morti, nessuno più li alleverà.

Non è utopia.
E’ un dovere.

°° Estate 2014 : Cosa Non Deve Mancare Nel Tuo BeautyCase °°

prodotti estate 2014

 

Pronte ad ampliare la collezione di cosmetici e prodotti per il corpo cruelty free?
Io se non la smetto, oltre a far impazzire mia madre che ogni tanto chiede
” e questo da dove spunta? ” tenendo in mano uno dei nuovi arrivati,  rischio di non avere più spazio in casa,  hahahaha 😀

Oggi vi introduco alcuni prodotti che a mio parere sono veramente validi e indispensabili per l’estate che è ormai sta per arrivare, poi sparisce, e poi ritorna ( colpa dell’inquinamento se il clima è impazzito ).

Alcuni li avrete già visti in un altro mio articolo, altri invece sono acquisti recentissimi.

Partiamo dallo Shampoo.

La scorsa settimana ho acquistato Shampoo e Maschera per capelli all’olio di macadamia di OMIA Laboratoires.
Mi ha letteralmente conquistato il profumo della maschera, sicchè ho preso anche lo shampoo.
Oltre ad avere un buon inci, questi prodotti per i capelli hanno un costo contenuto, se si pensa che comunque gli ingredienti sono biologici.
La maschera costa 4,40 euro mentre lo shampoo 3,95 ( prezzi al pubblico press Conad, possono dunque variare in base al negozio dove li acquistate )

Lo shampoo ha un profumo lieve e lava bene i capelli.
Ideale per lavaggi frequenti.
Non fa molta schiuma e con due passate deterge bene il cuoio capelluto.

La maschera ha una fragranza più decisa ( e buonissima ) e va applicata dopo lo shampoo e tenuta in posa per qualche minuto.
Generalmente la tengo 10 minuti.

Questi due prodotti insieme lasciano usati per lavare i capelli li lasciano profumati, morbidi e davvero leggeri.

Sui miei che sono lunghi, mossi e massicci il risultato è buono, quindi ve li consiglio assolutamente.

 

 

 

 

prodotti estate 2

 

Altro prodotto biologico utilissimo è il latte detergente all’Olio di Argan di Athena’s ( prezzo 8.50 euro ).
Sinceramente non ho mai trovato uno struccante così buono e profumato, pertanto rimarrà ufficialmente nel mio beauty case per molto tempo.

Della stessa marca ho acquistato qualche settimana fa l’Olio Cocco & Monoii per capelli & corpo.
Profumatissimo!
Questo prodotto è polivalente, poichè può essere usato per svolgere più funzioni.
Usato dopo la doccia sulla pelle la rende morbida.
Sulla spiaggia, è un potentissimo abbronzante.
Può anche essere usato per fare un impacco ammorbidente ai capelli o per definirli dopo l’asciugatura.
Il prezzo è di circa 10 euro, ed è validissimo.

 

 

 

prodotti estate 1

 

Occupa pochissimo spazio ma ha una grande importanza il dentifricio
Lavadenti Lush”. Io l’ho acquistato alla fragranza di rosa, ma ci sono altri tipi in vendita nei negozi mono-marca.
E’ un dentifricio solido in pasticche che può essere usato ovunque e portato anche nel bagaglio a mano!

Comodo ed efficiente.
Costa circa 5.50 euro.

Specialissimo è poi lo scrub viso e corpo di Perle di Odisha ( prezzo circa 10 euro, in vendita nei supermercati COOP ).
Lascia la pelle morbidissima.

 

prodotti estatw 3

 

Un Must Have estivo ( e per tutto l’anno ) è sicuramente il deodorante.
Ne ho cambiati parecchi e puntualmente mi trovavo insoddisfatta : macchie ai vestiti, durata brevissima ecc.

Questo in crema di Biofficina Toscana invece è proprio una bomba!
Esistono due varianti di Deo Crema : Freschezza Fiorita e quello agli Agrumi.
Una volta applicato è efficace per tutto il giorno ( per davvero! )
Contiene ingredienti di origine biologica coltivati in Toscana e costa meno di 8 euro.
Non lo si trova proprio facilmente ma in compenso è possibile acquistarlo su internet.
Io l’ho comprato sul negozio online di prodotti naturali Cuccioli D’Uomo.
Mi è arrivato dopo nemeno 24 ore. Spedizione velocissima e costo veramente contenuto ( solo 3,90 euro con corriere ).

Sempre sullo stesso sito ho comprato due biomatite occhi Neve Make Up : Nero Liquirizia e Viola Vanità.
Questo kajal naturale e biologico è ottimo e dura a lungo per un trucco che non cola. Il prezzo è di circa 5 euro e li vale tutti ( la matita è davvero lunghissima)
Inoltre, sapere che la matita che stiamo passando sui nostri occhi non è stata inserita negli occhi di un coniglietto in un laboratorio chissà dove , rende il make up ancora più bello.

Non è biologica ma ha buon inci la Terra Abbronzante Bottega Verde profumata a cocco. E’ da anni che la uso e dura tantissimo.
Costa 15 euro ( prezzo pieno ) ma solitamente questo marchio offre sempre sconti e la si può comprare anche a 7-8 euro.

E’ ideale definire gli zigomi e per dare colorito estivo a tutto il volto.
Il profumo è davvero gradevole e sicuramente piacerà a chi vi sta intorno.

Ne stendo sempre un velo con il pennello Vegan in Bamboo di Zoeva.
Ormai fanno coppia fissa 😀 .

Non sono più in vendita purtroppo le perle di luce di Bottega Verde: perline di colore chiaro tendente a bronzo ( sole ) o all’oro ( luna ).
Le ho comprate qualche anno fa e ormai sono una reliquia. Le uso per illuminare gli zigomi. Sono fantastiche. E’ un vero peccato che siano fuori catalogo perchè sono in grado di lasciare microscopici brillantini sulla pelle che mettono in risalto il trucco.

Se dovessi trovarle di qualche altra marca cruelt free vi terrò informate.

Fatemi sapere se acquistate uno di questi prodotti e la vostra opinione dopo averli provati 😀

– Sbarellababy ❤

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: