Archivi Blog

°°Linea Cosmetica all’UOVO: Mai Più Alkemilla Eco Bio Cosmetic°°

Esistono aziende che producono cosmetici contenenti derivati animali, e che vedendo le tendenze del mercato decidono di proporre prodotti nuovi, riformulati, interamente vegetali.
E poi, accade anche che aziende che da anni mettono in commercio prodotti vegetali, con diciture “vegan” e per giunta non testati su animali facciano due passi indietro.

E’ accaduto ad Alkemilla Eco Bio Cosmetics.

Ho scoperto attraverso un post sponsorizzato che l’azienda ha da poco lanciato sul mercato una nuova linea dal nome Botanic Alkhair.

La presentazione fotografica, un po’ stile fattoria un po’ stile mangiatoia del presepe, mi ha lasciata sconcertata.
Uno shampoo e un vasetto di maschera capelli messo accanto a un cestino con delle uova, e un ovulo aperto in due al centro.

Riporto per mettervi al corrente la descrizione della linea, pubblicata dall’azienda sulla pagina Facebook.


L’uovo, da sempre considerato un rimedio straordinario, noto per le sue proprietà ristrutturanti“.
Su questa frase che trasuda di utilitarismo specista, mi porta a pensare che viene a mancare un’ottica ecocentrica con la quale vedere gli ovuli degli altri animali.
Un uovo, in questo caso di gallina, è una cellula che contiene tutte le sostanze necessarie per formare una vita. Dovrebbe essere questa la prima e la sola impressione a risaltare ai nostri occhi.

<<Eh ma le galline le uova le fanno lo stesso!>> potrebbe affermare qualcun*. Rispondo dicendo che probabilmente anche noi femmine umane avremmo ovulato circa ogni giorno, se fossimo state sottoposte al lungo processo di allevamento finalizzato a renderci macchine viventi da produzione.
Sono state manipolate “razze” di galline capaci di deporre dalle 250 alle 300 uova all’anno. Se quanto ne so di zoologia è verità, nessun animale in natura può dare vita a un figlio al giorno.

Ma torniamo alla presentazione del prodotto:
“agendo sempre nel rispetto della natura e degli animali” si legge alla fine di essa.
Dove sarebbe il rispetto?
Secondo il mio modo di vivere, simile a quello di milioni di persone in tutto il mondo, se rispetto una creatura non attendo dal suo corpo derivati da usare a mio piacimento, o per scopo di lucro.

Da persona amante degli animali, da cliente, da blogger che da anni promuoveva prodotti di questa azienda per il bene della causa cruelty free mi sento molto delusa.
Attraverso il mio blog vi avevo parlato della maschera capelli panna e fragola vegetale, degli addolcilabbra, dei prodotti per capelli e addirittura quest’anno avevo comprato dei solari, prossimi anche loro a ricevere una recensione pubblica.
Avevo già dato nel 2018 ad Alkemilla Eco Bio Cosmetics il beneficio del dubbio con la scelta di Giulia De Lellis come testimonial.
Adesso, con questa ennesima scelta di marketing, è arrivato il momento di mettere la parola fine agli acquisti.

Non comprerò più nulla che sia prodotto da Alkemilla, e mi impegno a rimuovere tutte le recensioni che avevo pubblicato sotto forma di articolo qui sul blog e di video sul mio canale YouTube.
Lo faccio per rispetto degli animali, e delle persone che li amano.


Concludo questo articolo con un esempio di allevamento di galline ovaiole.
Indagine svolta da un’associazione di diritti animali.
Non mi interessa se Alkemilla compri uova di galline in gabbia come queste, che razzolano “a terra” in un capannone con luce artificiale, che abbiano qualche ora di libertà “biologica” o “del contadino” in fondo alla strada.
La detenzione è finalizzata all’ottenimento degli ovuli ed ogni detenzione è da biasimare!

RISPETTO PER OGNI FORMA DI VITA!
LA LORO ESISTENZA NON E’ ALLA NOSTRA MERCE’


FANTASTIKA BIO


Se volete avere cura della vostra bellezza, vi suggerisco di scoprire il marchio Fantastika Bio di cui sono cliente e consulente.
Non ha MAI realizzato prodotti contenenti ingredienti animali, ha certificazioni serie e vanta di ottimi prodotti efficaci e vegetali.
QUI il catalogo completo. Guardate con i vostri occhi.

°° NewsLetter LAV: Libertà per 560 mila galline grazie a Coop °°

LEGA ANTIVIVISEZIONE

Libertà per 560 mila galline ogni anno

 

560.000 vite libere. Da sofferenze, malattia, stress. Condizioni a cui sono costrette le galline ovaiole in gabbia. Da oggi e per sempre 560.000 galline ogni anno usciranno dalle gabbie. Da oggi e per sempre, la COOP ha detto NO alle uova da allevamento in gabbia: bandite da tutti i punti vendita.

Un importante passo avanti, frutto di un impegno costante. Abbiamo rappresentato le istanze delle migliaia di cittadini che hanno firmato la nostra petizione. Abbiamo chiesto, dialogato e ottenuto. Una delle più grandi catene della grande distribuzione ci ha dato ascolto.

Un grande risultato. Solo il primo di una lunga serie, crediamo: altri supermercati dovranno seguire l’esempio di COOP e accogliere le nostre richieste, in nome dei diritti degli animali. La nostra battaglia, quindi, continua. Se non l’hai ancora fatto, firma le nostre cartoline rivolte a Comuni e supermercati.

Ancora una volta la nostra determinazione, il supporto di tutti quelli che aspirano ad un mondo più giusto per gli animali hanno vinto.

Grazie a chi è al nostro fianco!

Scopri cosa c’è dietro un uovo su gallinelibere.

Fai una scelta davvero consapevole e rispettosa degli animali. Per saperne di più: cambiamenu.it.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: