Archivio mensile:dicembre 2022

°°[Ricetta] Struffoli Natalizi Vegan°°

Cari lettori e care lettrici, in questo articolo vi parlo di alcuni dolci natalizi che non mancano mai durante pranzi e cenoni da quando ero piccola: gli struffoli!

Gli struffoli sono un dolce tipico della tradizione napoletana. Sono palline di pasta dolce, che con la frittura diventano fragranti, impreziosite con zuccherini colorati. Molto belli da vedere, e soprattutto golosi.

La ricetta standard prevede l’uso di latte e uova, oltre che del miele come tocco per renderli lucidi e far “incollare” gli zuccherini.

Nella ricetta che vi propongo io, veganizzata da mia mamma (che ringrazio molto) sono presenti solo ingredienti vegetali nel rispetto degli animali.

Vediamo come prepararli!

Ingredienti:

• 500 grammi di farina 0
• 100 grammi di zucchero (bianco, o di canna da rendere fine)
• 100 grammi di margarina (da sciogliere)
• 200 ml di latte di soia
• un pizzico di bicarbonato di sodio
• un pizzico di sale
• 1 buccia d’arancia grattugiata
• 1 buccia di limone grattugiata
180 grammi di sciroppo d’agave
• zuccherini a piacere (Nb: attenzione al colorante rosso, se la sigla è E120 è di origine animale)

Preparazione:

Mettete in un recipiente la farina, lo zucchero, il pizzico di sale e di bicarbonato e la buccia di limone e di arancia grattugiata.
Mescolate gli ingredienti secchi.
Partendo dal centro, spostateli verso i lati andando a creare quella che viene definita “forma a fontana”.
All’interno mettete la margarina sciolta e il latte di soia.
Lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Fatelo riposare mezz’ora e poi, staccando un po’ di impasto alla volta, create delle striscioline circolari del diametro di almeno 1 centimetro. Con l’aiuto di un coltello, tagliate le striscioline a pezzettini (almeno di 1 centimetro).
Fate scaldare in una pentola dai bordi alti dell’olio e friggete le palline di impasto facendo attenzione a non schiacciarle e a farle giusto dorare.
Toglietele dall’olio e adagiatele su carta da cucina assorbente.
In una padella antiaderente versate i 180 grammi di sciroppo d’agave, facendolo sciogliere.
Unitevi gli struffoli e girteli delicatamente giusto il tempo di far aderire lo sciroppo.
Poi, disponeteli in una ciotola o in un piatto e decorateli con gli zuccherini che avrete scelto.

E gli struffoli sono pronti!


Al prossimo articolo!


Carmen

°°AMADORI lancia una Linea di Alimenti Vegetali Senza Animali°°

Cari lettori e care lettrici,
sono passati circa 3 anni da quando ho pubblicato sul mio blog un articolo dove parlavo di un prodotto Amadori che avevo trovato in un supermercato e che mi sembrava vegan ma non lo era (per poco).
Forse il mio pensare a una svolta vegetale di questa azienda nota per la macellazione di un numero enorme di animali è stato sibillino.

Vi informo infatti che Amadori ha adesso VERAMENTE ideato e messo in commercio una linea VEGAN di alimenti vegetali sostituti della carne di poveri animali. Come l’ho scoperto? Da un post sponsorizzato su Facebook, arrivato fino alla mia home, dove l’azienda informava che stanno distribuendo alimenti omaggio della nuova linea “Ama, Vivi e Gusta”.

Dal post pubblico di Amadori



Perché vi parlo di questa novità?
Sicuramente non per invitarvi all’acquisto (io personalmente non sono interessata a comprare alimenti vegetali di aziende che fatturano sugli animali, ma ho sempre creduto nella libertà di scelta personale), ma per farvi notare quanto le cose stiano cambiando e andando verso la direzione, quella giusta: la fine degli animali nel piatto.

Pur non potendo consultare l’oracolo della Sibilla, qualcosa mi dice che molto presto vedremo concretizzarsi altre situazioni a favore dell’alimentazione vegetale che negli anni 2000 (anno in cui il Veganismo ha iniziato a diffondersi in modo concreto anche in Italia) qualcuno ha sognato. Ora, mentre viviamo e attorno a noi ancora si mietono vittime animali, sembra che il cambiamento sia lento. Lo è, difatti. Ma tutti i più grandi cambiamenti della storia sono avvenuti dopo secoli di lotte ideologiche. Sul benessere degli animali si è iniziato a parlare in Inghilterra e in America verso la fine del 1800, e di liberazione totale animale solo verso la metà del 1900 e con maggiore intensità ai giorni d’oggi.

Passiamo al prodotto.
“Ama Vivi e Gusta” (eh si, si può amare il cibo, vivere egregiamente e gustare il cibo senza mangiare animali, finalmente la parola di Amadori per me ha un valore) non è dichiaratamente una linea vegan ma nel concreto lo è.
È composta da 3 alimenti: i Veggy Burger, le Birbe Veggy e Cotolette Veggy.



Controllando gli ingredienti di cui sono composti pubblicati sul sito Carrefour che vende la linea, ho notato la totale assenza di elementi di origine animale. Li riporto a titolo informativo.

Ingredienti Veggy Burger:

  • Acqua
  • Proteine di pisello testurizzate 18%
  • Olio di semi di girasole
  • Proteine vegetali concentrate di pisello giallo 2,5%
  • Sale
  • Spezie
  • Piante aromatiche
  • Amido di patata
  • Prezzemolo
  • Aceto in polvere
  • Estratti vegetali: estratto di mela (solfiti)
  • Succo di barbabietola in polvere
  • Estratto di curcuma in polvere
  • Aroma naturale
  • Aroma
  • Stabilizzante: metilcellulosa
  • Può contenere soia


Ingredienti Veggy Birbe:

  • Acqua
  • Olio di girasole
  • Pangrattato di mais 13 % (farina di mais 58 %, mais 38 %, paprica in polvere, curcuma in polvere, destrosio)
  • Proteine di pisello
  • Fibre vegetali (bamboo, cicoria, agrumi, pisello)
  • Amido di mais
  • Aromi naturali
  • Semola di grano duro
  • Addensante: metilcellulosa
  • Farine (riso, mais, frumento)
  • Amido di patata
  • Glutine di frumento
  • Estratto di pisello
  • Sale
  • Aceto di canna da zucchero
  • Aceto di barbabietola
  • Estratto di lievito
  • Correttore di acidità: carbonato di sodio
  • Può contenere latte, uovo, soia, sedano, senape


Ingredienti Cotolette Veggy

  • Acqua
  • Olio di girasole
  • Pangrattato di mais 19 % (farina di mais 58 %, mais 38 %, paprica in polvere, curcuma in polvere, destrosio)
  • Proteine di pisello
  • Fibre vegetali (bamboo, cicoria, agrumi, pisello)
  • Amido di mais
  • Aromi naturali
  • Addensante: metilcellulosa
  • Semola di grano duro
  • Amido di patata
  • Farine (riso, mais, frumento)
  • Glutine di frumento
  • Estratto di pisello
  • Sale
  • Aceto di canna da zucchero
  • Aceto di barbabietola
  • Estratto di lievito
  • Correttore di acidità: carbonato di sodio
  • Può contenere latte, uovo, soia, sedano, senape


Come potete notare, non è presente albume d’uovo/uovo, e nemmeno il latte, fra gli ingredienti.
Pertanto, tralasciando il “può contenere tracce” (significa che sui macchinari usati, anche se puliti, possono rimanere tracce di allergeni), le ricette sono interamente vegetali e basate su fonti proteiche vegetali.

Un bel passo avanti per Amadori, sicuramente, intrapreso qualche anno dopo la svolta green di tanti altri marchi coinvolti nella mattanza di animali.
La speranza è che questi alimenti per i quali non è morto nessun essere senziente vadano a sostituire quelli fatti con corpi di specie confinate in allevamento e portate a morire nei mattatoi.

Chissà, magari da ora in poi i clienti affezionati Amadori scopriranno che si può tranquillamente vivere alimentandosi in modo vegetale e senza far morire nessuno…


°°[Cerreto Guidi] Introdotto Menu Vegan nelle Scuole Dell’Infanzia e Primarie°°

Cari lettori e care lettrici,
dopo avervi parlato della svolta vegan friendly delle mense universitarie della Toscana (DSU),
con questo articolo vi informo di un’altra bellissima notizia che ha come protagoniste le scuole dell’Infanzia e Primarie del Comune di Cerreto Guidi, in provincia di Firenze.

Dopo circa due anni dalla richiesta presentata da una mamma, è stato finalmente introdotto un menu vegano, interamente vegetale, nella mensa gestita da CIRFOOD. Il nuovo menu invernale indirizzato a bimbi e bimbe di famiglie che rispettano la vita degli animali e che non li mangiano è stato pubblicato sul sito del suddetto Comune.

Eccovi un’anteprima dei piatti proposti ai più piccoli.


Pasta, riso, gnocchi, passato di verdure, burgers, verdure, ortaggi, legumi.. un menu ricco che non fa mancare il giusto equilibrio fra carboidrati, proteine, vitamine & co.

Un esempio di cambiamento etico che si spera possa raggiungere presto tutte le scuole d’Italia.
Se desiderate ottenere menu vegan anche nelle scuole dei vostri figli e delle vostre figlie, scaricate l’opuscolo informativo AgireOra cliccando QUI.


Complimenti vivissimi ai genitori che si sono impegnati per ottenere questo bel risultato, e alla mensa Cirfood e al Comune di Cerreto Guidi per essere venuti incontro alle esigenze di queste famiglie.



Al prossimo articolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: