Archivio mensile:dicembre 2021

°°[Ricetta] Cannelloni Ricotta di Soia e Spinaci con Besciamella Vegetale°°

Cari e care followers,
in questo articolo vi spiego come realizzare in casa dei buonissimi cannelloni con ricotta di soia (autoprodotta) e besciamella vegetale. Li ho preparati ieri per un pranzo in famiglia dopo tanto tempo, e sono venuti davvero squisiti!

Elementi indispensabili per porzione da 4 persone:
• 2 litri di latte di soia
• Passata di pomodoro
• Spinaci
• Cannelloni di grano senza uova
• Sale, olio, noce moscata, cipolla
• Extra: 250 ml di panna di soia, formaggio vegetale

Pronti/e a mettervi ai fornelli?

Per prima cosa, è necessario preparare il giorno prima la ricotta di soia.
Eh già! 🙂

Prendete un litro di latte di soia non dolcificato (per esempio quello biologico di Lidl),
portatelo a ebollizione in un pentolino e spegnete poi il fuoco. Versateci dentro 40 grammi di succo di limone oppure di aceto di mele o di vino bianco. Si formeranno dei fiocchi. Mescolate bene e dopo versate tutto dentro un colino a maglie strette. Fate sgocciolare il più possibile e poi riponete il composto dentro una forma da ricotta. Con un piattino sotto, lasciate in frigo per circa 24 ore affinché sgoccioli bene la parte liquida e rimanga solo quella cagliata.

Con un litro di latte di soia si ottiene una forma di ricotta di soia come quella in foto.

Ecco la mia ricotta di soia autoprodotta

Preparata e pronta la ricotta di soia, si può passare alla realizzazione dei cannelloni.


Per quanto riguarda la pasta, io ho acquistato i cannelloni già pronti da infornare, di grano duro e senza uova, a marchio Pasta Reale in un supermercato MD. Non è molto semplice trovarli in vendita. Se non dovessero averli nei negozi fisici vicino casa vostra si possono reperire online, anche in versione gluten free. Oppure potete farli in casa ^_^

Preparate il sugo: fate soffriggere una carota grattugiata in 3 cucchiai di olio d’oliva, con aggiunta di un po’ di cipolla. Versate poi all’interno il contenuto di una bottiglia di passata di pomodoro, mezzo cucchiaino di sale e fate cuocere fino a quando il sugo non avrà la giusta densità.

• Per il ripieno dei cannelloni, cuocete degli spinaci. Io ho usato circa 6 cubetti di quelli surgelati e sporzionati. Li ho cotti in acqua bollente salata per circa 15 minuti, poi ho scolato via l’acqua e li ho spezzettati con delle forbici da cucina. Una volta cotti ho aggiunto dentro la ricotta di soia mescolando con un cucchiaio da cucina in legno. Il risultato è stato un composto denso, perfetto per riempire i cannelloni.

• In un altro pentolino preparate la besciamella: versate 40 grammi di olio d’oliva, fatelo scaldare sul fuoco e aggiungete 40 grammi di farina di grano, mescolando benissimo senza far formare grumi. Poi, versare sopra 500 ml di latte di soia non dolcificato (come quello usato per la ricotta). Spolverare sopra un po’ di noce moscata e aggiungere del sale, poi mescolare bene fino a ebollizione. E la super besciamella vegetale, cremosa e delicata sarà pronta!

Pronto il ripieno, il sugo e anche la besciamella, non rimane che passare alla fase finale della preparazione dei cannelloni.

Prendete una teglia da forno dai bordi alti (il mio prossimo acquisto sarà una lasagnera in vetro) e mettetevi un filo d’olio, uno strato leggero di pomodoro e un po’ di panna di soia.
Prendete i cannelloni e riempiteli uno per uno, aiutandovi con un cucchiaino o un coltello di legno, poi metteteli in ordine nella teglia.

Cospargeteli con altro pomodoro, besciamella di soia, panna vegetale da cucina e formaggio vegetale a scelta. Potete creare sia uno strato che due.
Il risultato sarà come quello in foto.

Teglia pronta da infornare

Coprite la teglia con della carta d’alluminio e infornate a forno caldo preriscaldato a 200° per 30 minuti.
Fate cuocere per almeno 20 minuti con la teglia coperta dalla carta, poi toglietela pure per la cottura finale.

Ed ecco che i cannelloni ricotta di soia e spinaci con besciamella vegetale sono pronti da servire in tavola!
La porzione giusta comprende almeno 3 cannelloni a piatto, ma poi sicuramente scatterà il bis 😉


Questi cannelloni sono davvero buoni e delicati di sapore. La loro preparazione comporta un po’ di impegno in cucina, ma valgono assolutamente tutto il tempo passato ai fornelli! 🙂
Li preparerete? Fatemi sapere.


Al prossimo articolo!

Carmen

°°[Review] Keto Veg – Manuale di Dieta Chetogenica Vegan di Roberta Bartocci°°

Cari e care followers, in questo articolo ho il piacere di parlarvi di una novità editoriale recentissima: si tratta di Keto Veg – Brucia grasso mangiando grassi in modo sano e sostenibile, edito da Edizioni L’Età dell’Acquario e scritto dalla Dottoressa Roberta Bartocci.


Roberta Bartocci è una biologa nutrizionista esperta in alimentazione vegetale.
Il suo nome è per me familiare da ormai 20 anni. Questo perché Roberta ha collaborato con LAV, Lega Anti-Vivisezione, che mi ha visto crescere come attivista per i diritti animali a partire dal 2002. Ricordo ancora (e credo di averlo conservato da qualche parte nella mia libreria personale) il suo volto giovane e sorridente su uno dei numeri di Impronte su un inserto dove venivano presentati i membri dell’associazione. E se non erro, quando avevo 12 o 13 anni Roberta stessa deve avermi risposto a una delle tante lettere che scrivevo alla LAV per chiedere informazioni su stile di vita, alimentazione, campagne di sensibilizzazione. Bellissimi ricordi, mi emoziono solo a pensarci.


Ho ricevuto Keto Veg qualche giorno fa e non ho potuto trattenermi dall’iniziare a leggerlo.
Avevo sentito parlare molto poco della dieta chetogenica, pertanto è stato molto interessante informarmi meglio attraverso le pagine di questo manuale.

La dieta chetogenica si prefigge di aiutare le persone con un piano alimentare basato sull’introduzione di grassi, con alimenti specifici e bilanciati affinché l’organismo bruci quelli già immagazzinati. Un modo strategico per perdere peso. Quella ‘classica’ però propone menù che pullulano di alimenti di origine animale (dalla carne al pesce, dalle uova ai formaggi), e come tutti coloro che hanno abbracciato uno stile di vita empatico sanno, la cosa non è né salutare né etica.

La Dottoressa Bartocci ha invece realizzato questo pratico manuale rendendo la dieta chetogenica interamente vegetale. Il libro, davvero scorrevole nella lettura e chiaro anche per chi è poco pratico di nutrizione, contiene ben 75 ricette 100% vegetali e un menu completo da seguire per 30 giorni di dieta.
Una bellissima realtà etica che mancava.


Grazie a Keto Veg ho scoperto anche l’esistenza di alimenti a me sconosciuti (per esempio il psillio, una pianta particolarmente ricca di mucillagini che cresce nel bacino del Mediterraneo), dela versatilità dei lupini ma anche di come preparare in casa pancakes mirati per perdere peso.

La dieta chetogenica vegan può essere seguita per qualche settimana, qualche mese ma anche per un periodo di tempo molto più esteso.

Leggendo il manuale mi sono resa conto che serve un iniziale impegno nel reperire tutti gli alimenti (cibi, ingredienti che si possono trovare nei negozi fisici ben forniti ma anche online) che combinati insieme formano i pasti suggeriti per portare avanti la dieta: colazione, pranzo e cena ricca di grassi vegetali.

E’ stata iniziata di recente dalla mia carissima amica Claudia, che sta rimanendo entusiasta delle ricette: sono facili da preparare, nutrienti e gustose! Un esempio? Spaghetti Shirataki con funghi, qui mostrati in foto.

Foto di Claudia Corsini



Se siete interessate/i anche voi a informarvi sulla dieta chetogenica vegan o a provarla per ritrovare un peso corporeo ideale e bruciare il grasso accumulato, vi suggerisco questa interessantissima lettura.

Keto Veg – Brucia grasso mangiando grassi in modo sano e sostenibile è disponibile in tutte le librerie fisiche e online, e anche su Amazon cliccando QUI.


Al prossimo articolo!

Carmen



°°[Review] Vega-Nino: il Panettone Vegano Artigianale°°

Cari e care followers, in questo nuovo articolo vi parlo di una golosa novità vegan nata in provincia di Pisa: si tratta del panettone Vega-Nino preparato nel laboratorio artigianale dalle sapienti mani di Antonino Minissale, conosciuto sui social anche come “Il Pizzaiolo Imbruttito“.
Minissale, che con la compagna sta per aprire nei prossimi giorni un punto vendita a Santa Croce sull’Arno (Pi), ha pensato di realizzare il classico dolce natalizio anche in versione interamente vegetale.
Una scelta ammirevole, dal momento che in provincia di Pisa le opzioni vegan, soprattutto se si parla di dolci natalizi, sono molto poche.

“Vogliamo soddisfare in maniera eclatante la clientela che ha abbracciato uno stile di vita vegano”, ha spiegato la compagna Giada Masoni, una persona simpatica e aperta al mondo veg, “per questo abbiamo pensato a un panettone dal sapore ricco con ingredienti selezionati”.

E in effetti, il panettone Vega-Nino è davvero un dolce gustoso che merita di essere assaporato.
Disponibile nella versione classica con uvetta (da 870 grammi) e in quella al cioccolato (da 930 grami), questo panettone artigianale vegan è un vero must-have per finire in bellezza pranzi e cene di Natale.

Vega-Nino si presenta confezionato in modo raffinato dentro un sacchetto o una scatola color avana, impreziositi da un fiocco in corda, frutta essiccata e cannella. Il packaging, che personalmente ho adorato subito, è realizzato amorevolmente a mano.

Foto di Adrya Studio


Ho avuto il piacere di assaggiare questa bellissima novità santacrocese e sono rimasta molto soddisfatta:
il dolce è fresco, soffice, ricco di uvetta o cioccolato e l’impasto decisamente saporito. Il retrogusto che rimane è aranciato, e tanto rimanda alla tradizione siciliana di cui Missale è chef-testimone.
La versione al cioccolato colato poi, con granellini esterni ed interni, è semplicemente squisita.


Ho chiesto ai titolari se hanno in mente di ampliare la produzione di alimenti vegani, e la loro risposta è stata più che affermativa, non solo per quanto riguarda il dolce ma anche per le opzioni salate. Il laboratorio artigianale che presto aprirà le porte in Corso Mazzini 57, nel centro storico di questa cittadina della provincia di Pisa, ha tutte le potenzialità per diventare un punto di riferimento per la vasta clientela vegetariana e vegana della zona. E io, detto onestamente, non vedo l’ora di scoprire quali prelibatezze prenderanno forma e verranno vendute.

Chi desiderasse acquistare il panettone Vega-Nino può prenotarlo al numero 348 0852475.
Il dolce, dal costo di 28 euro, è disponibile in pochi giorni, preparato fresco artigianalmente.

Alla prossima recensione!

Carmen




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: